Piacenza, domani va in scena “Il giardino dei ciliegi” al Teatro Filodrammatici

Lo spettacolo rientra nell’ambito del Festival di teatro contemporaneo “L’altra scena”; ideazione e drammaturgia Kepler-452 (Aiello, Baraldi, Borghesi), produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione

PIACENZA – Prende il via a Piacenza domani,lunedì 30 settembre l’edizione 2019 – siamo al nono anno di vita – del Festival di teatro contemporaneo “L’altra scena”, direzione artistica di Jacopo Maj, organizzato da Teatro Gioco Vita con Fondazione Teatri di Piacenza, il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano e la collaborazione dell’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita. In via Santa Franca e al Teatro Filodrammatici una serata tra teatro, festa, convivialità e cultura.
In via Santa Franca a partire dalle ore 19 avrà luogo l’ormai consueta proposta conviviale realizzata in collaborazione con l’Associazione Amici di Roccapulzana: i volontari prepareranno per tutto il pubblico i Batarò, piatto tipico della Valtidone. Il ricavato dell’iniziativa, una festa aperta a tutta la città, sarà devoluto a scopo benefico.
Al Teatro Filodrammatici alle ore 20.30 la programmazione dell’edizione 2019 del Festival “L’altra scena” prenderà il via con “Il giardino dei ciliegi” – Trent’anni di felicità in comodato d’uso, ideazione e drammaturgia Kepler-452 (Aiello, Baraldi, Borghesi), produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione. La regia è di Nicola Borghesi, che è anche protagonista in scena insieme ad Annalisa e Giuliano Bianchi, Tamara Balducci e Lodovico Guenzi (conosciuto come il cantante de Lo stato sociale).
Lo spettacolo, Premio Rete Critica 2018, nasce dall’incontro tra i componenti di Kepler-452 (Nicola Borghesi, Paola Aiello ed Enrico Baraldi) con due personaggi “immaginari” realmente esistenti, Giuliano e Annalisa Bianchi, ossia Ljuba e Gaev. Nel dramma Anton Čhecov immagina che in un anno non definito di fine Ottocento il giardino dei ciliegi di Ljuba e Gaev, proprietari terrieri nella Russia prerivoluzionaria, vada all’asta per debiti insieme alla loro casa. Ad acquistarlo è Lopachin, ex-servo della gleba arricchitosi dopo la fine della schiavitù, rampante rappresentante della borghesia in ascesa. Il centro del dramma è la scomparsa di un luogo magico, profondamente impregnato delle vite di chi lo abita, che in questa rilettura dell’opera di Čechov diventa il luogo della coppia.
Nicola, Paola ed Enrico cominciano così, come sono soliti fare, a sbirciare nelle pieghe della loro città, Bologna, alla ricerca del loro Giardino dei ciliegi. Incontrano così Giuliano e Annalisa Bianchi, che per trent’anni hanno vissuto in una casa colonica concessa in comodato d’uso gratuito dal Comune nella periferia di Bologna occupandosi del controllo della popolazione dei piccioni e dell’accoglienza di animali esotici o pericolosi. In casa Bianchi convivono così babbuini, carcerati ex 41-bis in borsa lavoro, una famiglia rom ospite, boa constrictor. Finché nel 2015 si avvicina il momento dell’apertura, proprio di fronte al loro giardino dei ciliegi, di un grande parco a tema agroalimentare. I Bianchi ricevono un avviso di sfratto e la magia di questo contemporaneo “Giardino dei ciliegi” cessa improvvisamente di esistere in una mattina di settembre.

BIGLIETTI

Teatro Filodrammatici € 12 intero € 10 ridotto € 5 ridotto studenti
(posto unico non numerato)

INFO E BIGLIETTERIA

TEATRO GIOCO VITA, Via San Siro 9, Piacenza – Telefono 0523.315578 – biglietteria@teatrogiocovita.it
Orari di apertura: dal martedì al venerdì ore 10-16, sabato ore 10-13.
Il giorno dello spettacolo la biglietteria funziona unicamente nella sede della rappresentazione a partire dalle ore 20 (Teatro Filodrammatici, via Santa Franca 33, tel. 0523.315578).
Per informazioni: Teatro Gioco Vita, Biglietteria/Promozione pubblico 0523.315578 info@teatrogiocovita.it