Piacenza: accesso Ztl, permessi e contrassegni disabili e aree sosta

23

Prorogate fino al 13 aprile le misure temporanee volte ad agevolare i cittadini nella sosta e negli spostamenti sul territorio urbano

Palazzo Mercanti_500PIACENZA – A seguito della proroga fino al 13 aprile dei provvedimenti volti al contrasto dell’emergenza sanitaria sul territorio nazionale, il Comune di Piacenza ha stabilito, oggi, la prosecuzione fino a tale data della validità delle misure temporanee, adottate da alcune settimane con delibera di Giunta, volte ad agevolare i cittadini nella sosta e negli spostamenti sul territorio urbano. In particolare, viene confermata la modifica dell’orario di validità della zona a traffico limitato (Z.T.L.), dalle ore 8 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 19, sino a lunedì 13 aprile compreso.

Inoltre, il provvedimento rinnova l’esenzione dal pagamento delle tariffe nelle aree destinate a parcheggio sulle quali la sosta dei veicoli è ordinariamente subordinata al pagamento di una somma da riscuotere mediante dispositivi di controllo di durata della sosta (parcometri), anche in questo caso sino a lunedì 13 aprile.

Infine, è stato prorogata, per un periodo di 60 giorni, la validità temporale dei permessi Z.T.L. e dei contrassegni invalidi in scadenza fino al 30 aprile 2020, al fine di consentire agli aventi diritto di rinnovare il permesso o il contrassegno fino a 60 giorni dopo la scadenza originaria.

“Avevamo già previsto – commenta l’Assessore alla Mobilità, Paolo Mancioppi – in sede di adozione della delibera di Giunta nelle scorse settimane, che tutti le disposizioni in essa contenute sarebbero rimaste valide fino al termine dell’emergenza sanitaria che, con l’ultimo DPCM, è stata prorogata fino al 13 aprile. Ribadiamo come questi interventi abbiano l’obiettivo di agevolare gli spostamenti e la sosta di coloro che si trovano nella necessità – per comprovate ragioni di lavoro, approvvigionamento alimentare e motivi di salute – di doversi spostare da casa, nel rispetto delle normative e disposizioni contenute nei decreti e nelle ordinanze in vigore”.