“Pedalare e Camminare”: percorsi storici e naturalistici

10
Modena

Sul portale visitmodena.it per ogni itinerario la scheda tecnica con mappe dettagliate, luoghi da scoprire, lunghezza, durata e difficoltà

MODENA – Dei 25 itinerari proposti in “Pedalare e Camminare”, 15 hanno come punto di partenza o di arrivo la città di Modena, mentre gli altri partono da diverse località della provincia, dalla pianura all’Appennino.

È possibile scaricare percorsi già noti, come la Ciclabile Modena-Vignola e il Percorso natura del fiume Panaro, o seguire “Dalla pianura alla collina” un grand tour delle colline modenesi che, per lunghezza e dislivello, è suddiviso in due giorni, consentendo così di poterlo gustare con calma e di approfittare delle tante specialità gastronomiche del territorio.

Si può trovare il percorso che da Mantova segue la Ciclovia del Sole e che nel territorio modenese si sdoppia in due rami: il principale segue la ciclovia del Sole Eurovelo 7 che passa da Mirandola e San Felice per giungere a Bologna, l’altro è una variante panoramica che da Concordia permette di raggiungere Modena percorrendo l’argine del fiume Secchia.

Partendo dal Duomo di Modena si può raggiungere in bicicletta il Castello di Ferrara, per un percorso sulle tracce degli Estense. Un itinerario parte da Sassuolo capitale mondiale della ceramica, ricca di bellezze storico-culturali tra cui spiccano lo splendido Palazzo Ducale e le terme di Salvarola, porta a Maranello cuore pulsante del mito Ferrari, e un altro collega Modena, Carpi e Nonantola alla scoperta dei gioielli del Romanico in pianura.

Chi volesse esplorare la bassa modenese in bicicletta, partendo da Mirandola può seguire l’itinerario “Barchessoni e oasi di Mortizzuolo” che si snoda ad anello in un territorio dallo straordinario ecosistema caratterizzato dall’acqua nel quale spiccano i tipici “barchessoni” a pianta ottagonale, un tempo stalle e oggi patrimonio storico. In Appennino si può seguire un tratto dell’antica via Vandelli intorno a Lama Mocogno, o percorrere un segmento della via Romea-Nonantolana o fare una passeggiata sull’antica via Bibulca, ma anche arrivare sul Cimone partendo da Sestola, pedalare alla scoperta dei castelli del Frignano partendo da Serramazzoni o camminare sul suggestivo sentiero delle cinque cascate che circondano Sant’Anna Pelago.

Gli itinerari di “Pedalare e Camminare” recuperano il patrimonio di 15 percorsi raccolti nella guida “Pedalate amiche”, prodotta dalla Provincia di Modena nel 2014, dopo aver verificato e ripercorso i tragitti e adattato contenuti e descrizioni alle modalità attuali di fruizione. A questi sono stati aggiunti dieci nuovi itinerari a piedi e in bicicletta, documentando le caratteristiche utili di ognuno: lunghezza e durata del percorso, dislivello, grado di difficoltà, attrezzatura necessaria, indicazioni sulla sicurezza.

Le schede tecniche di tutti i percorsi sono consultabili nella sezione dedicata del portale visitmodena.it, alla quale si arriva direttamente dall’home page. Il software, grazie al supporto della piattaforma Outdooractive, fornisce anche funzioni ulteriori, come la possibilità di scaricare una mappa dettagliata e tracce Gpx, Kml e Fit e persino di effettuare un volo 3D sul percorso selezionato. Gli itinerari, inoltre, possono essere filtrati in base agli interessi dei diversi target di turisti: sono segnalati, ad esempio, i percorsi più adatti a famiglie con bambini come quelli per gli escursionisti più esperti e gli appassionati di mountain bike. Il sistema comprende, infine, anche la pubblicazione dei percorsi nei canali digitali, web e app, della piattaforma Outdooractive e la loro distribuzione attraverso la rete di partner, aumentando in questo modo la visibilità degli itinerari stessi in Italia e in Europa.