Partnership pubblico-privata per la cura e la tutela delle robinie monumentali del sagrato della chiesa di San Girolamo a Ferrara

16
chiesa san girolamo via savonarola ferrara robinie

A breve gli interventi del progetto che lega Comune, Confindustria, Confraternita dei Carmelitani Scalzi e Garden Club

FERRARA – Partiranno a breve gli interventi previsti dal progetto di tutela del verde pubblico che lega il Comune di Ferrara, Confindustria Emilia Area Centro, il Convento di San Girolamo dei Padri Carmelitani Scalzi e l’Associazione Culturale Garden Club Ferrara con l’obiettivo di salvaguardare le antiche robinie che incorniciano il sagrato della chiesa di San Girolamo in via Savonarola.

Fondamentale il ruolo del Comune di Ferrara che, perseguendo una politica di tutela e valorizzazione delle risorse ambientali, naturali, storiche, artistiche e culturali del territorio, viene coinvolto attraverso il Servizio Infrastrutture Decoro, Manutenzione Urbana e Verde, per l’attività operativa, e attraverso l’Ufficio Verde, che ricoprirà il ruolo di Ufficio Tutor, contribuendo a dare il massimo risalto e supporto all’iniziativa. La cura e la tutela delle piante del sagrato di San Girolamo a Ferrara ha, in prospettiva, l’obiettivo di ottenere per le robinie il riconoscimento di “alberi monumentali”, rientrando così nell’elenco creato dalla Regione Emilia-Romagna, in cui sono già inseriti 600 alberi.

Tra i primi protagonisti di questa iniziativa c’è il Garden Club Ferrara, associazione di protezione ambientale che ha, tra i propri scopi, la diffusione della cultura e la protezione dei giardini e del verde pubblico e che fin dal 1995 si prende cura del gruppo di otto robinie storiche. Questi esemplari sono di grande valore sotto il profilo naturalistico, ma anche di pregio paesaggistico, storico e culturale. Infatti, secondo il Settore Aree protette e Foreste della Regione Emilia-Romagna, che si occupa della gestione e della tutela di queste piante, gli alberi monumentali sono sistemi viventi complessi, un bene dall’eccezionale interesse biologico, che devono essere accompagnati con la massima attenzione nel loro naturale processo evolutivo, cercando, per quanto possibile, di mantenerli inalterati.

Ad assumere il ruolo di sponsor sarà Confindustria Emilia che, nell’ambito delle proprie iniziative promozionali e nell’ottica di favorire la conservazione di alberature particolarmente importanti, si è resa disponibile a finanziare questi nuovi interventi manutentivi alle robinie monumentali, erogando un contributo finalizzato al Garden Club Ferrara.

Coinvolto anche il Convento di San Girolamo dei Padri Carmelitani Scalzi, proprietario del sagrato antistante la chiesa, il quale ha conferito le dovute autorizzazioni per gli interventi necessari.

“Come Amministrazione – spiega l’assessore all’Ambiente Alessandro Balboni – ci stiamo impegnando profondamente affinché il patrimonio arboreo del nostro territorio venga riconosciuto e tutelato come merita. Le robinie del sagrato della chiesa di San Girolamo, come gli altri alberi storici di Ferrara, sono un patrimonio ecologico, storico e paesaggistico che è nostro compito curare e valorizzare. Proprio lo scorso anno abbiamo candidato le schede di 18 alberi di particolare pregio, tra cui questi esemplari di robinia, affinché fossero inseriti nell’elenco delle piante soggette a ‘Provvedimenti per la salvaguardia della flora regionale’, mentre a giugno di quest’anno abbiamo candidato a questo elenco 11 ulteriori alberi. Sono molto soddisfatto – conclude l’assessore Balboni – che si sia creata una forte collaborazione tra diversi soggetti del nostro territorio uniti dalla volontà condivisa di tutelare la ricchezza che custodiscono questi splendidi alberi”.

“È stato naturale per la nostra associazione diventare partner di questa bella iniziativa”, spiega Gian Luigi Zaina, imprenditore ferrarese e vicepresidente di Confindustria Emilia Area Centro. “In primo luogo, perché i temi della sostenibilità e di un approccio green a 360 gradi sono nel nostro dna da tempo. Altrettanto importante il valore sociale del luogo in cui sono inserite le robinie: in questa zona, il sagrato della chiesta è rimasto l’unico punto di aggregazione, e riteniamo, quindi, importante per Ferrara ogni passo che aiuti a sviluppare spazi utili alla comunità, dove anche la bellezza e il valore del verde possano essere protagonisti. Per questo, volentieri sponsorizziamo il Garden Club cittadino, che da sempre si occupa della manutenzione”.