Parma e Tirana, il dialogo continua attraverso Pinocchio

2

Comune, Fondazione Collodi e Associazione Scanderberg in previsione del 2022, anno di Tirana capitale europea della gioventù, promuovono il progetto di un monumento e la raccolta fondi per realizzarlo

progetto statua

PARMA – L’installazione di un monumento dedicato a Pinocchio nel Parco del Lago, a Tirana in Albania, è una delle ultime iniziative promosse da Parma capitale della cultura italiana in collaborazione la Fondazione Nazionale Carlo Collodi, progetto al quale ha aderito l’associazione culturale albanese Scanderberg di Parma. L’obiettivo è di inaugurare l’opera nel mese di marzo 2022, anno nel quale la città di Tirana sarà Capitale europea della gioventù.

Il dialogo tra popoli aperto dal Comune di Parma attraverso le molteplici espressioni culturali è stato rivolto anche al mondo dell’infanzia e dell’adolescenza con iniziative interculturali e intergenerazionali, proprio come quest’ultima, intessendo relazioni che si svilupperanno ulteriormente nei prossimi anni. Non solo. Per l’amministrazione comunale di Parma il progetto del monumento a Pinocchio in Albania è il riconoscimento al ruolo svolto dalla comunità albanese in questi anni, soprattutto attraverso l’associazione Scanderberg.

Il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti sottolinea come: “Il monumento rappresenta simbolicamente l’amicizia e l’unità tra Parma e Tirana, due città che stanno vivendo una bella e importante espansione culturale. Pinocchio, poi, nell’immaginario collettivo è il bambino per eccellenza che vive sulla sua pelle una maturazione e una crescita personali: è perfetto come emblema della Capitale Europea della Gioventù. Mi auguro che Parma e Tirana continuino sulla strada della collaborazione, dell’amicizia e della partnerhsip: crediamo molto negli scambi culturali e nell’opportunità che possono nascere dalla contaminazione delle idee e delle eccellenze tra le città”.

L’assessore alla cultura e alle politiche giovanili, Michele Guerra aggiunge: “In questi anni la nostra città ha sviluppato molte relazioni culturali importanti, sia a livello nazionale che internazionale. La musica e l’arte, soprattutto, ma non meno il teatro e la nostra tradizione letteraria ci hanno permesso di stabilire rapporti significativi. Tra questi, quelli con la Fondazione Collodi e quelli con la città di Tirana trovano ora un punto di incontro, che ci coinvolge in un discorso di ampia prospettiva storica, promosso da comunità che incidono con impegno e responsabilità sulla vita della nostra città” .

Il progetto segue a poche settimane di distanza la presentazione del libro Pinocchio & Yamin, sempre realizzato in collaborazione con il Comune di Parma e con altre associazioni, e che abbiamo presentato lo scorso 20 novembre in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia. È  la storia di una amicizia, scritta dallo scrittore Thant Zin Soe e vietata dal regime militare nel suo paese. Attraverso Pinocchio la Fondazione continua a “parlare” ai bambini di tutto il mondo, promuovendo iniziative sociali e culturali con finalità sempre formative” dice il presidente della Fondazione Nazionale Carlo Collodi, Pier Francesco Bernacchi.

Il monumento a Pinocchio verrà inserito nel Parco del Lago, una superfice verde che si sviluppa intorno ad un lago artificiale, realizzata  60 anni fa a Tirana. All’interno di questa area ci sono molte strutture ricreative ed è zona amministrata dall’Agenzia dei parchi e ricreazione del Municipio di Tirana. Sarà collocata di fianco al Teatrino Pinocchio, che tra il 2020 e 2021 è stato finanziato dal comune di Tirana su proposta e il progetto architettonico-decorativo è stata di Klement  Zoraqi ,artista albanese amante dell’arte e  della cultura italiana, che ha frequentando il nostro Paese attraverso mostre personali e attività varie, sin dal 1992.

L’installazione del monumento a Pinocchio è dunque la tessera conclusiva di un progetto più ampio di rigenerazione urbana con il recupero sostenibile di un teatro all’aperto intitolato a Pinocchio e a Carlo Collodi. Sarà un luogo dove coinvolgere attivamente la cittadinanza in iniziative sociali e culturali, in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite nel quale è coinvolta anche l’Agenzia dei Parchi e Ricreazione del Municipio di Tirana.

Mancano però 3.000 euro per completare l’opera e l’associazione Scanderberg,  grazie al diretto interessamento di Marion Gajda, si propone una raccolta di fondi facendo appello alla comunità albanese di Parma. “Abbiamo accolto subito l’idea di contribuire alla realizzazione di questo progetto di concreta collaborazione e vicinanza tra i nostri paesi, ed è un piacere ed onore farlo con la Fondazione Collodi” spiega Gajda.

L’altra parte dei fondi necessari  per l’opera è stata trovata dall’artista albanese Klement Zoraqi, che ha anche realizzato e donato il bozzetto della statua: Collodi con il suo capolavoro Pinocchio hanno fatto parte da sempre dell’ immaginario collettivo degli ragazzi in Albania – premette Zoraqui – Durante le passeggiate nel Parco del Lago, che ho frequentato fin dall’infanzia, vedevo degradarsi quelle strutture che erano servite come luogo di ritrovo. Da qui l’idea di trasformare una di queste in un teatrino per ragazzi e a chi, se non a Pinocchio, poteva essere intitolato ? Ho proposto il progetto al Municipio di Tirana che l’ha approvato e finanziato la sua realizzazione. Adesso Pinocchio ha una “casa” anche in Albania. L’iniziativa ha poi suscitato l’interesse degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Roma che stanno creando sulla parete esterna del teatrino un mosaico a tema. Ringrazio – dice Zaraqui – la Fondazione Nazionale Carlo Collodi , il Comune di Parma, Marion Gajda e la comunità albanese di Parma che ha accolto il progetto della scultura-installazione a Pinocchio, da collocare al fianco del teatrino, completando così il sito dedicato al burattino e al suo autore. Mi auguro che tutto questo sia realizzato con successo nel’2022, l’anno si  Tirana sarà “Capitale europea della gioventù” conclude l’artista albanese.

Il progetto prevede l’inaugurazione dell’opera il prossimo 14 marzo 2022, festa nazionale albanese.