“Nuovi paesaggi migratori” oggi a Ferrara

100

Venerdì 4 dicembre 2020 dalle ore 9.15 alle ore 13.00 è in programma la 19^ edizione del convegno nazionale Franco Argento – culture e letteratura dei mondi

emilia-romagna-news-24FERRARA – La 19^ edizione del convegno era stata programmata per l’aprile scorso, ma le condizioni legate alla diffusione del COVID, e le relative restrizioni adottate per gli eventi pubblici, ci hanno costretto a un rinvio. Pertanto il convegno si svolgerà in modalità online nella mattinata di venerdì 4 dicembre 2020, grazie alla collaborazione del Comune di Ferrara, l’IT “V.Bachelet” (che ha messo a disposizione la propria piattaforma online) e con il patrocinio del MIUR-Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna.

L’iniziativa sarà dedicata in modo particolare agli studenti e agli insegnanti delle scuole superiori, e si pone in continuità con le attività svolte dal Cies di Ferrara (anche attraverso il sito “Vocidalsilenzio”: www.comune.fe.it/vocidalsilenzio) e dall’Associazione Cittadini del Mondo, che realizzano interventi sull’educazione interculturale, offrendo alle scuole un servizio di mediazione e promuovendo iniziative finalizzate alla conoscenza delle culture altre e all’incontro tra linguaggi e esperienze culturali diversi.

Il tema del convegno

Nel 2006 abbiamo dedicato la quinta edizione del convegno al libro di Iain Chambers Paesaggi migratori. Cultura e identità nell’epoca post-coloniale, comparso per la prima volta in lingua inglese nel 1994, mentre la sua prima edizione italiana risale al 1996 per l’editore Costa & Nolan. La casa editrice Meltemi lo ristampò nel 2003 e lo ha ripubblicato nel 2018.
Libri come il suo ci hanno offerto in questi anni, nella nostra condizione non di studiosi, ma di osservatori dei fenomeni legati alle culture della migrazione, infiniti spunti di riflessione di fronte a una realtà in così rapida e profonda trasformazione.

Questa edizione del convegno, cogliendo l’occasione fornita dalla nuova edizione di quel testo di Iain Chambers, intende proseguire sulle piste di ricerca già battute nelle edizioni precedenti, continuando a cercare nell’arte e nella letteratura uno strumento di indagine per comprendere il nostro tempo e gli inquieti “paesaggi migratori” che ci stanno intorno e dei quali facciamo parte.

In Note su una modernità migrante – apposte a questa nuova edizione come prefazione – lo stesso Chambers spiega quanto “La nuova edizione di questo volume è stata suggerita dall’attualità persistente dei suoi argomenti. Oggi si assiste a una chiusura culturale che culmina nell’isteria socio-politica generata dalla questione dell’immigrazione, accompagnata dalla difesa rigida di un’identità e di un “io” che si rinchiude nella illusoria sicurezza di un luogo. Dinanzi alla minaccia immaginaria dello straniero e del mondo cosiddetto “esterno” (che ormai “esterno” non è), questa “chiusura” sembra ignorare i movimenti, spesso turbolenti e sconvolgenti, dei complessi processi storici e culturali del mondo attuale”.

Ospiti e relatori

  • Iain Chambers, professore di Studi culturali e postcoloniali all’Università “L’Orientale” di Napoli
  • Federico Falloppa, docente di Storia della lingua italiana e Sociolinguistica al Dipartimento di Modern Languages dell’Università di Reading (Gran Bretagna)
  • Tahar Lamri, Scrittore e giornalista di origine algerina
  • Nader Gazvinizadeh, poeta e scrittore
  • Ibrahim Kane Annour, mediatore eulturale e scrittore di origini Tuareg
  • Occhioaimedia
  • Gruppi di lavoro di studenti e insegnanti delle scuole superiori di Ferrara che hanno realizzato ricerche e laboratori sul territorio.

Partecipazione e iscrizioni

La partecipazione è gratuita e molto gradita

L’iscrizione richiede la compilazione del modulo cui si accede attraverso il link che segue

(si ricorda che le classi potranno partecipare attraverso un unico iscrizione da parte del loro insegnante)