Nota di Stefania Pucciarelli di martedì 8 febbraio 2022

20
Inaugurazione Anno Accademico Carabinieri

Carabinieri, Sottosegretario alla Difesa: “Apertura Anno Accademico 2021-22 Scuola Ufficiali di Roma è parte dalla continuità organizzativa dell’Arma al servizio del Paese”

ROMA – “Questa cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2021-2022 della Scuola Ufficiali Carabinieri è consolidato appuntamento di inizio d’anno, strettamente legato alla continuità organizzativa di una preziosa realtà come l’Arma, solidamente poggiata sui suoi oltre due secoli di luminose tradizioni e responsabilmente vocata al servizio incondizionato delle istituzioni in difesa della libertà e della legalità. I giovani frequentatori di questo prestigioso Istituto, Ufficiali e Allievi impeccabili nelle loro uniformi, si stanno formando per diventare Servitori dello Stato e dell’intera collettività nazionale. Un percorso impegnativo ed articolato che passa, certo, attraverso i qualificanti insegnamenti garantiti in questo Anno Accademico, ma che è soprattutto incardinata sulla cultura dell’apprendimento e dell’aggiornamento continuo caratterizzante l’intero comparto militare nazionale, soprattutto per ciò che riguarda i suoi Ufficiali: la sua classe dirigente.” – ha detto il Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli, martedì 8 febbraio, a margine della cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2021-2022 della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma, svoltasi nella relativa Aula Magna.

“Presto – ha proseguito Pucciarelli – questi giovani professionisti saranno chiamati a svolgere la loro missione da Ufficiali della Benemerita, rappresentando sul campo un’Istituzione fortemente legata a un passato punteggiato da grandi eroismi e quotidiani sacrifici. Un’organizzazione capillarmente diffusa sul territorio e gelosa custode della propria militarità, oggetto da sempre di ampi consenso e rispetto da parte degli italiani per una filosofia di servizio costantemente orientata a servire e soddisfare il cittadino e i suoi bisogni di legalità, sicurezza e protezione. Inserendosi con innovativa sinergia nel solco tracciato dai predecessori, su di essi ricadrà la responsabilità di guidare il personale dipendente nel corso di impegni che metteranno a dura prova la loro competenza, il coraggio e la capacità di dare l’esempio.

Per esserne pronti – questo è l’invito accorato che sento di rivolgere a questi giovani a cui manifesto parimenti pieno compiacimento per la scelta intrapresa – è necessario cogliere al meglio ogni opportunità; a partire dall’intenso periodo di studi di questo Anno Accademico, sapendo fare tesoro degli insegnamenti offerti da questa Scuola in cui, al pari di tutti gli istituti di formazione delle altre Forze Armate, operano istruttori e docenti, militari e civili, di altissimo profilo, quotidianamente coinvolti in un’abilitante e appassionata opera rivolta alla crescita formativa, intellettuale ed educativa dei frequentatori.

Ai giovani Ufficiali e Allievi oggi protagonisti formulo pertanto i più calorosi auspici per un futuro ricco di soddisfazioni e fortune, da costruire seguendo i virtuosi modelli di passione, amore, coraggio e onestà di cui è ricco il comparto militare.” – ha concluso Pucciarelli.