Nota di Libera del 31 gennaio 2021

14

emilia-romagna-news-24SAN MARINO – Riceviamo e pubblichiamo la nota di Libera:

“E’ il 1° Febbraio 2021 e i risultati non arrivano”

Viviamo in un Paese strano.

Chi chiede una presa di distanza verso chi ha fatto scritture private con “poteri forti”, alla luce della relazione della Commissione d’inchiesta Cis, viene denunciato.

Chi chiede trasparenza su un prestito contratto in maniera opaca che ipoteca il futuro del nostro Paese viene tacciato di voler strumentalizzare.

Peccato però che i risultati non arrivino.

È il primo febbraio 2021 e ancora i vaccini non sono arrivati in Repubblica.

E’ il primo febbraio 2021 e ancora un progetto Paese, un piano di riforme non è stato impostato.

E’ il primo febbraio 2021 e ancora non è arrivato nessun aiuto a famiglie e imprese; anzi continuano le dichiarazioni roboanti ed inopportune dei Segretari di Stato che sviliscono i sacrifici delle attività economiche in questa situazione.

Noi pensiamo sia arrivato il momento di lavorare, con unità e responsabilità, ad un piano di interventi strutturali non più rinviabile per affrontare l’emergenza con serietà e competenza.

Il Governo e’ invece più impegnato a verifiche di maggioranza o alla stesura del cronoprogramma che pare sia più funzionale all’apparenza che alla sostanza.

Purtroppo il basso rating, le incertezze sulle possibilità del sistema economico di superare le notevoli difficoltà esistenti, la mancanza di un progetto concreto di riforme strutturali capaci di rigenerare l’equilibrio del bilancio dello Stato, generano una condizione di scarsa fiducia attraverso la quale risulta complesso presentarsi sul mercato finanziario, di questo ne siamo consapevoli ma e’ finito il tempo delle scuse: serve cambiare rotta.

Libera chiede con forza di riattivare un percorso istituzionale che possa portare tutte le forze politiche, sociali ed economiche ad avere piena trasparenza della situazione della liquidità, del bilancio dello stato, dei flussi finanziari e dei fondi pensione per poi impostare gli interventi di riforme e di sostenibilità del debito, nel rispetto dei ruoli e delle responsabilità.

Libera, come forza di opposizione, continua a fare proposte: auspichiamo che questo appello, condiviso dal Paese, non cada inascoltato da un Governo, fino a questo momento, autoreferenziale e povero di idee.