Nilde: una donna della Repubblica mercoledì 23 marzo in scena a San Martino in Rio (RE)

21
Teatro dell’Orsa, Nilde. Una donna della Repubblica (nella foto Monica Morini)

Lo storico spettacolo, interpretato da Monica Morini, sarà presentato in occasione dell’anniversario della liberazione del piccolo Comune

REGGIO EMILIA – «Continuo a guardare alla politica come alla più alta delle eredità. La vivo oggi con lo stesso impegno e con lo stesso entusiasmo di quando ho incominciato. Credo nella politica come strumento indispensabile per cambiare la società e per diffondere nuove idee»: Monica Morini cita Nilde Iotti per introdurre Nilde: una donna della Repubblica, storico spettacolo del Teatro dell’Orsa che mercoledì 23 marzo alle ore 21 sarà presentato nella maestosa Sala d’Aragona della Rocca Estense di San Martino in Rio, a pochi chilometri da Reggio Emilia, in occasione dell’anniversario della liberazione del piccolo Comune.

Una narrazione fluente e densa di emozioni, accompagnata dall’accorata musica del pianoforte di Claudia Catellani, per raccontare la storia di una delle madri della Costituzione, l’intera vita di una donna: l’infanzia, la formazione antifascista, l’impegno per le donne e l’entrata in politica, la relazione amorosa con Togliatti e l’approdo alla presidenza della Camera.

«A Nilde nessun cammino fu facile» aggiunge Monica Morini «Arrivò a essere ciò che era a mani nude. Fu molto giudicata e ostacolata dal suo partito e dalla morale del tempo per il suo amore con Togliatti, pagò in prima persona. Non arretrò mai nella difesa del suo sentimento e nella necessaria autonomia della sua vita lavorativa come donna. Un esempio di dignità».

Conclude l’artista: «Nilde mi manca come ci mancano le persone che non abbiamo conosciuto ma che fanno parte di noi. Di un noi più grande. Incarnare le sue parole mi lascia sempre pensieri nuovi. Scrivere questo spettacolo ha generato una consapevolezza insolita. Una geografia di emancipazione che ha trovato radici e memoria in un’antenata. L’intelligenza di Nilde era antidoto potente per i veleni del patriarcato. È stata madre di parole che ricostituiscono il senso della democrazia e della pari dignità».

Il testo dello spettacolo, ideato e diretto da Monica Morini e Bernardino Bonzani con la collaborazione artistica di Annamaria Gozzi, sarà a breve pubblicato da Corsiero Edizioni, Reggio Emilia.

L’appuntamento è a cura dell’ANPI di San Martino in Rio – sezione “23 marzo 1945” ed è realizzato con il contributo dello SPI-CGIL di San Martino e il patrocinio del Comune.

Ingresso gratuito.

La prenotazione è consigliata: 0522, 636719, biblioteca@comune.sanmartinoinrio.re.it.

Info sul Teatro dell’Orsa: www.teatrodellorsa.com.