Nascondeva un fucile in casa: pregiudicato denunciato. Il vicesindaco Lodi “Grazie alla Polizia locale un’altra operazione concreta”

municipio-ferraraOperazione degli Agenti alla periferia della città

FERRARA – “Da un semplice controllo per irregolarità al sequestro di un fucile nascosto in casa di un cittadino pregiudicato: la polizia locale ha dato un altro esempio di come si lavora concretamente sul territorio, senza lasciare nulla al caso e con l’intenzione di battere davvero la criminalità”.

Il vicesindaco Nicola Lodi, assessore alla Sicurezza commenta così l’operazione che nella mattinata del 21 novembre ha portato alla scoperta di un fucile illegalmente detenuto da un cittadino già ben noto alle forze dell’ordine e di animali (cani e gatti) non custoditi e privi di cibo ne acqua.

“Il cittadino è stato denunciato, il fucile sequestrato e gli animali messi al sicuro – spiega ancora il vicesindaco –. Le nostre promesse vengono mantenute quotidianamente ed è questo l’approccio giusto con cui si può cambiare il volto ad una città come Ferrara. Ringrazio gli agenti della polizia locale e il nuovo Comandante che sta agendo in linea con le direttive dell’Amministrazione”.

Sabato mattina il personale della Polizia Locale Terre Estensi, unitamente a tecnici del Comune di Ferrara e al personale della GdF, ha effettuato un importante e articolato sopralluogo alla periferia della città, in un piccolo borgo rurale formato da vari edifici, per verificare una serie di presunte irregolarità in ambito edilizio e ambientale, tutt’ora al vaglio degli uffici competenti.

Nella circostanza, mentre veniva visitato l’alloggio in uso ad un cittadino rumeno pluripregiudicato di 34 anni, già soggetto ad avviso di Pubblica Sicurezza, il personale operante scopriva la presenza di un fucile illegalmente detenuto. L’arma veniva quindi sequestrata e messa a disposizione della competente Autorità Giudiziaria, mentre il suo detentore veniva denunciato a piede libero.

Oggetto dell’intervento anche le condizioni degli animali presenti sul posto, ovvero vari cani e un cospicuo numero di cuccioli di gatto di poche settimane, non custoditi e privi di cibo ed acqua. Date le circostanze e le precarie condizioni di salute dei cuccioli, a tutela della loro incolumità, venivano immediatamente fatti recuperare dal Gattile Municipale.