Mostra del Cinema di Venezia: a Tommaso Santambrogio il Premio Miglior Contributo Tecnico della SIC

Ex studente di Fondazione Fare Cinema, è stato premiato per il corto ‘Los Océanos son los verdaderos Continentes’

BOBBIO (PC) – Il Premio al Miglior Contributo Tecnico della Settimana Internazionale della Critica (SIC) nell’ambito della 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, offerto da Fondazione Fare Cinema, è andato a LOS OCÉANOS SON LOS VERDADEROS CONTINENTES di Tommaso Santambrogio (Italia): sarà quindi il giovane regista a partecipare all’edizione 2020 del Corso di Alta Formazione Cinematografica in Regia “Fare Cinema” a Bobbio, storico percorso formativo ideato e fondato da Marco Bellocchio nel 1995. La Cerimonia di Premiazione si è svolta a Venezia venerdì 6 settembre.
Il premio di Fondazione Fare Cinema, presieduta dallo stesso Bellocchio, è stato assegnato da una giuria composta dai redattori della rivista cinematografica francese ‘La Septième Obsession’, guidati da Thomas Aïdan, che ha attribuito diversi premi ai cortometraggi in concorso alla quarta edizione di SIC@SIC (Short Italian Cinema @ Settimana Internazionale della Critica), tra i quali gareggiava “Los Océanos son los verdaderos Continentes”.
Tommaso Santambrogio è stato anche studente del primo corso di produzione cinematografica di Fondazione Fare Cinema. Proprio da questa occasione è nato il progetto del corto, perché Santambrogio ha avuto un aiuto per la post-produzione da un docente del corso, Gianluca Arcopinto. “Ci sentiamo particolarmente orgogliosi quando dai nostri corsi nascono collaborazioni come questa, che portano i ragazzi a riconoscimenti prestigiosi su scenari internazionali – chiosa la direttrice di Fondazione Fare Cinema Paola Pedrazzini – In un certo senso, Bobbio porta fortuna! Battute a parte, non è raro che i nostri studenti entrino in progetti di un certo calibro, nati all’interno o comunque tangenzialmente rispetto ai nostri corsi. Questo ci conferma l’importanza di avere insegnanti di prestigio, in carriera e affermati a livello nazionale e non solo, per poter offrire concrete opportunità e reale valore formativo ai nostri studenti. Possiamo affermare che la qualità e la concretezza sono i tratti distintivi di ogni nostro progetto di formazione cinematografica”.
‘Los Océanos son los verdaderos Continentes’ è ambientato a Cuba: uno scenario in crisi e decadente, in un bianco e nero lacerato dalla pioggia battente caraibica. Alex e Edith, due ragazzi sui 30 anni, vivono la loro storia d’amore, fatta di piccoli gesti quotidiani, di racconti del passato, nostalgia e di una profonda intimità. Senza affrontare mai direttamente il tema della partenza, ma con il suo spettro che si avvicina inesorabile, Los Océanos son los Verdaderos Continentes (Gli Oceani sono i veri continenti) è un affresco di riflessioni della coppia sulla memoria, sulla perdita e sulle rovine che costellano sempre di più il paesaggio e l’animo cubano.
Il corto è stato realizzato presso San Antonio de Los Banos e L’Havana tra maggio e giugno 2019.
A cavallo tra la struttura documentaristica e di finzione, il cortometraggio segue le vicende di Alex e Edith attraverso le loro camminate per San Antonio, le piogge stagionali improvvise, il loro Mirador dove vanno a rifugiarsi, a parlare e sognare, la discoteca del paese, e i vari momenti che compongono la loro vita. Si scopre l’attitudine diversa dei due, le loro caratteristiche e l’equilibrio che li sostiene, che presto la consapevolezza dell’imminente partenza di Edith inizierà a minare. La verità per Alex e Edith è che di fronte ai grandi cambiamenti e a grandi traumi è difficile comunicare, e forse tutto ciò che si può fare e restarsi vicini cercando di restare in qualche modo a galla.

Gli altri premi della SIC
Il Gran Premio Settimana Internazionale della Critica realizzato grazie al sostegno di Siae–Società Italiana degli Autori ed Editori e consistente in un riconoscimento del valore di € 5.000, assegnato da una giuria internazionale formata da Marta Bałaga, Paolo Mereghetti ed Erfan Rashid, è andato a ALL THIS VICTORY (JEEDAR EL SOT) di Ahmad Ghossein (Libano, Francia, Qatar).
Premio del Pubblico, realizzato grazie al sostegno del Comune di Taranto, a ALL THIS VICTORY (JEEDAR EL SOT) di Ahmad Ghossein (Libano, Francia, Qatar).
Sono stati inoltre assegnati: Premio Circolo del Cinema di Verona (assegnato da una giuria composta da soci under 30 del Circolo di Verona e destinato al film più innovativo della sezione) a SCALES (SAYIDAT AL BAHR) di Shahad Ameen (Emirati Arabi, Iraq, Arabia Saudita); Premio Mario Serandrei – Hotel Saturnia & International per il Miglior Contributo Tecnico sponsorizzato dall’Hotel Saturnia di Venezia e assegnato da un’apposita commissione di esperti (Chiara Borroni, Adriano De Grandis, Luca Pacilio) a ALL THIS VICTORY (JEEDAR EL SOT) di Ahmad Ghossein (Libano, Francia, Qatar).
Infine, la una giuria composta dai redattori de ‘La Septième Obsession’ ha assegnato i seguenti premi ai cortometraggi in concorso a SIC@SIC. Premio al Miglior Cortometraggio, offerto da Frame by Frame e consistente in servizi di post-produzione per il prossimo cortometraggio del regista premiato, a VERONICA NON SA FUMARE di Chiara Marotta (Italia); Premio alla Migliore Regia offerto da Stadion Video e consistente nella realizzazione dell’edizione inglese sottotitolata per il prossimo cortometraggio del regista premiato a IL NOSTRO TEMPO di Veronica Spedicati (Italia).
Nel corso della premiazione è stato inoltre assegnato il Queer Lion Award a “THE PRINCE” (El Príncipe) di Sebastian Muñoz, presentato in Concorso alla Settimana Internazionale della Critica.