Modena: “Per un alfabeto della parità” contro le discriminazioni

65

Al via mercoledì 28 febbraio la 3ª edizione del ciclo promosso dal Comune di Modena. “Città, sicurezza, povertà” il tema del primo incontro, alle 17.30 in Galleria Europa

logocomune-modenaMODENA – Per riflettere sui percorsi di inclusione e combattere le discriminazioni prende il via mercoledì 28 febbraio, in Galleria Europa, la terza edizione del ciclo “Per un alfabeto della parità”, quattro incontri promossi dal Comune di Modena in collaborazione con il Crid, il Centro di ricerca interdipartimentale su discriminazioni e vulnerabilità dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

“Città, sicurezza, povertà” è il tema del primo appuntamento che vedrà come relatori Gianfrancesco Zanetti, docente di Filosofia del diritto di Unimore e direttore del Crid, e Luca Barbari, avvocato e presidente di Porta Aperta. L’incontro inizia alle 17.30 ed è a ingresso libero.

Il programma prosegue mercoledì 14 marzo, al dipartimento di Giurisprudenza di Unimore, in via San Geminiano 3, con l’incontro sul tema “Donne migranti” al quale intervengono l’assessora alle Pari opportunità del Comune di Modena Irene Guadagnini e Chiara Strozzi, docente di Economia politica di Unimore e componente del Crid. L’incontro rientra anche nel calendario di iniziative per la Giornata internazionale della donna che prende il via il 6 marzo, con lo spettacolo itinerante “Medea per strada”, e prevede oltre trenta appuntamenti fino alla prima settimana di aprile.

Il terzo appuntamento con “Per un alfabeto della parità” è mercoledì 21 marzo con l’incontro sul tema “Giovani e radicalizzazione: politiche di prevenzione nel contesto europeo e italiano” al quale intervengono l’assessora al Welfare, coesione sociale, integrazione e cittadinanza del Comune di Modena Giuliana Urbelli, Manuela Tagliani del progetto Yeip-Youth Empowerment and innovation project, Licia Boccaletti della cooperativa Anziani e non solo.

L’ultimo incontro del ciclo è in programma per mercoledì 4 aprile e tratterà di “Politiche della concordia: dai quartieri alle relazioni tra i popoli”, con Andrea Bosi, assessore a Europa e Cooperazione internazionale, e Tommaso Greco, docente di Filosofia del diritto all’Università di Pisa.