Modena organ festival, concerto a Ponte Alto

Venerdì 16 novembre, alle 21, nella chiesa parrocchiale di San Pancrazio, musica per flauto dolce e organo con Giorgio Matteoli e Luca Ambrosio. L’ingresso è libero

MODENA – È dedicato alla musica barocca il concerto per flauto dolce e organo con Giorgio Matteoli e Luca Ambrosio in programma venerdì 16 novembre, alle 21, a Ponte Alto, nella chiesa parrocchiale di San Pancrazio che ospita un organo costruito da Domenico Traeri nel 1721.

Il concerto, a ingresso libero, fa parte del calendario del organizzato dall’associazione “Amici dell’organo J. S. Bach” con il contributo di Fondazione Cassa di risparmio Modena, Regione Emilia Romagna, Comune di Modena, Lapam confartigianato e Bper e in collaborazione con l’Unicef.

Il concerto si apre con due compositori del primo barocco, Giovanni Paolo Cima e Cipriano de Rore per entrare poi nel vivo del periodo barocco con Alessandro Scarlatti, Händel, di cui i due artisti eseguiranno la Sonata in Fa maggiore, Pietro Domenico Paradisi e infine, a concludere, Johan Sebastian Bach con la Sonata Bwv 1020 per flauto e organo obbligato.

Giorgio Matteoli si è diplomato in violoncello, flauto dolce e musica da camera presso al conservatorio di Santa Cecilia oltre a laurearsi in Lettere a indirizzo storico all’Università di Roma. Ha seguito studi di composizione, contrappunto e direzione d’orchestra nei conservatori di Milano e Como e si è specializzato nell’esecuzione del repertorio antico, sia col flauto che col violoncello. Collabora, anche come direttore d’orchestra, con ensemble e istituzioni concertistiche tenendo recital e concerti in Italia e all’estero. È docente di flauto dolce e musica d’insieme con strumenti antichi al conservatorio di Firenze ed è fondatore dell’ensemble barocco “Festa Rustica”.

Luca Ambrosio, diplomato in pianoforte e in clavicembalo all’istituto musicale “Bellini” di Catania, ha completato la sua formazione alla scuola di alto perfezionamento musicale di Saluzzo, e alla Schola Cantorum Basiliensis in Svizzera. In qualità di continuista collabora da anni con diversi gruppi specializzati nell’esecuzione su strumenti originali, tra cui Les Elements, la Cantoria di Campitelli, il Bell’Accordo ensemble e Festa Rustica, con i quali ha registrato dei CD per Brilliant Classics, Amadeus Elite e Tactus. Nel 2013 si è laureato in Musicologia all’Università di Pavia, dove ha successivamente conseguito il dottorato di ricerca in Scienze del testo letterario e musicale.