“Mo’ better football” online, in attesa del fischio d’inizio

18

Un sito web anticipa la nuova rassegna che parlerà, con giornalisti e non, di calcio e valori

MODENA – Tutta la grinta di Roy Keane, icona del calcio britannico, in un poster con lo slogan “Stay at home”, che si potrà acquistare online, e il ricavato sarà donato alla sanità modenese impegnata in prima linea nella lotta al Coronavirus. È una delle prime iniziative lanciate dal sito internet di Mo’ better football, che sarà online da venerdì 10 aprile (www.mobetterfootball.it).

Un sito che rappresenta il campo nel quale, per usare due termini calcistici, si svolgono la rifinitura e il riscaldamento in attesa del fischio di inizio che vedrà, non appena si potrà, dispiegarsi le poliedriche iniziative in programma, tra incontri, mostre e altro, di una nuova iniziativa dell’assessorato alla Cultura e Politiche giovanili del Comune di Modena con l’associazione Quadro, tutta dedicata al raccontare il calcio e i valori dello sport.

“Crediamo che lo sport in genere, e il calcio in particolare – spiega Marco Ferrero di Quadro, ideatore del format – rappresenti un linguaggio trasversale che può coinvolgere la comunità in un processo di crescita sociale e culturale”.

Per Andrea Bortolamasi, assessore alla Cultura e Politiche giovanili, “gli obiettivi che Mo’ Better Football si pone con una forma di festival aperto e dinamico sono molteplici: caratterizzarsi come evento promotore di cultura e creatività per Modena e il suo territorio con l’obiettivo di valorizzare e promuovere lo sport attraverso contenuti culturali e viceversa, il sostegno a una proposta educativa e didattica, l’invito alla lettura e alla scoperta delle arti come strumento di espressione partendo da un tema apparentemente distante”.

Dal momento in cui venerdì sarà online il sito, sui canali Facebook (facebook.com/mobetterfootball) e Instagram (instagram.com/mobetterfootball) quotidianamente si comincerà a pubblicare brevi contenuti che serviranno ad avvicinarsi e a potersi fare un’idea dello stile della rassegna.

Il sito poi, oltre a una presentazione della rassegna, avrà una sezione dedicata alle storie, con monografie di calciatori (si comincia con Paul Breitner, Robbie Fowler, Jean François Larios e Matthew Le Tissier) e recensioni di libri, film e serie tv. A curare i contenuti è una piccola redazione che tra gli altri annovera i giornalisti Alessandro Iori (Dazn e Trc), Paolo Maggioni (Rai News), Nicola Roggero (Sky Sport) e l’autore di letteratura per ragazzi Marco Magnone.

In questi giorni, sempre attraverso il sito, sarà proposta anche un’iniziativa rivolta ai ragazzi appassionati di calcio, i quali, in un periodo che li trova obbligati a stare a casa, sono alla ricerca di cose da fare. In una sorta di “contest” online, ragazzi, e ragazze, saranno invitati a scrivere testi di lunghessa predefinita in cui racconteranno come e perché sono diventati tifosi di una determinata squadra sportiva.

L’intero ricavato delle vendite online del poster di Keane, in tiratura limitata (costo 30 euro), sarà donato al Policlinico.