Misure antismog, dall’11 gennaio la seconda fase

76

Dal lunedì al venerdì stop ai diesel euro 4, benzina euro 2, benzina-metano e benzina-gpl euro 1. Fermi i diesel euro 5 nei giorni di misure emergenziali

BOLOGNA – Dall’11 gennaio scatta la seconda fase di limitazioni alla circolazione previste dal PAIR 2020 – Piano Aria Integrato Regionale per la lotta allo smog.

Dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, e nelle domeniche ecologiche (2 al mese, stabilite con ordinanza dei Sindaci) dall’11 gennaio al 31 marzo 2021 non potranno circolare i veicoli benzina fino a euro 2, diesel fino a euro 4 compreso e cicli e motocicli fino a euro 1, veicoli benzina-metano e benzina-gpl fino a euro 1.

Disco verde, invece, per la circolazione  dei veicoli a benzina euro 3 o superiore, diesel euro 5 o superiore, ciclomotori e motocicli euro 2 o superiore, veicoli metano-benzina e GPL-benzina euro 2 o superiore, dei mezzi elettrici, ibridi e quelli che viaggiano con almeno 3 persone a bordo, se omologati per 4 o più posti, e con almeno 2 persone, se omologati per 2 o 3 posti a sedere (car pooling). E via libera anche ai trasporti specifici o per usi speciali e ai mezzi in deroga, tra cui quelli di lavoratori turnisti, per chi si sposta per motivi di cura, assistenza o emergenza, per chi accompagna bambini a scuola o per i meno abbienti (potrà circolare un singolo guidatore con Isee annuo fino a 14mila euro).

Le limitazioni riguardano i Comuni dell’agglomerato di Bologna (Argelato, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Granarolo dell’Emilia, Ozzano dell’Emilia, San Lazzaro di Savena e Zola Predosa) oltre a Bologna e Imola.

Novità anche per le misure emergenziali

Quando si supera il limite di PM10 per 3 giorni consecutivi (su base provinciale), scattano una serie di misure aggiuntive dal giorno seguente a quello di controllo compreso.
La verifica sui superamenti giornalieri del PM10 è effettuata due volte a settimana, come nella scorsa stagione: lunedì e giovedì. Il Bollettino è reso disponibile entro le 11 su www.liberiamolaria.it.

Dall’11 gennaio 2021 il blocco si applicherà anche ai diesel Euro 5. Come lo scorso anno si confermano lo stop agli impianti a biomassa per uso domestico fino a 3 stelle (comprese) in presenza di impianto alternativo; l’obbligo di abbassamento del riscaldamento fino a di 19° C nelle case e 17° C nei luoghi di attività produttive e artigianali; i divieti di combustione all’aperto (falò, barbecue, fuochi d’artificio, ecc…), di sosta e fermata con il motore acceso per tutti i veicoli, di spandimento liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili e, infine, il potenziamento dei controlli sulla circolazione dei veicoli nei centri urbani.

Ricordiamo che per informare i cittadini quando scattano le misure emergenziali e le domeniche ecologiche, la Città metropolitana ha attivato  il servizio gratuito di alert sms (o mail)  .

È inoltre disponibile l’app “Che Aria è”, sviluppata dalla Fondazione Innovazione Urbana, attraverso cui i cittadini possono avere un’informazione semplice e costante sullo stato della qualità dell’aria, ricevere suggerimenti e consigli sui comportamenti corretti che riducano l’impatto dell’inquinamento atmosferico e i rischi per la salute.

Maggiori informazioni su:

www.arpae.it

www.comune.bologna.it