Mercato del lunedì, convenzione rinnovata senza aumenti

17

Ma possibili nuove riduzioni come nel 2020. Firmato l’accordo col Consorzio “Il Mercato”. Vale fino al 2023. Aggiornamenti per trasparenza, sicurezza e tracciabilità

MODENA – Nel 2021 non aumenta il canone annuo dovuto al Comune di Modena per l’utilizzo dell’area dell’anello del Novi Sad dove si svolge il Mercato del lunedì. Ma l’amministrazione comunale si è impegnata a valutare la possibilità di applicare ulteriori riduzioni dopo quelle attivate durante il 2020 per affrontare gli effetti dell’emergenza sanitaria, quando il canone effettivo è sceso da 216 mila a 177 mila euro (Iva esclusa). Lo prevede la nuova convenzione tra il Comune e il Consorzio “Il Mercato”, che rappresenta circa 300 ambulanti, sottoscritta nei giorni scorsi confermando l’impianto di quella del 2016 e inserendo alcuni aggiornamenti in materia di sicurezza e di trasparenza e tracciabilità degli incassi, sulla base delle proposte emerse nel percorso con le associazioni economiche. La convenzione è valida per tre anni, fino al 2023, e potrà essere rinnovata per un altro anno.

Tra le novità, all’articolo 3 si stabilisce che “il Consorzio si obbliga a gestire i servizi con la massima diligenza, introitando i canoni e le spese da tutti gli operatori con modalità tracciabili (bonifico o pagamento digitale) in linea con le disposizioni vigenti in materia di trasparenza e gestendo il relativo fondo. Allo stesso articolo, tra gli obblighi del Consorzio c’è anche quello di predisporre il piano della sicurezza e di gestione delle emergenze comprensivo anche della gestione dell’emergenza sanitaria attualmente in corso, entro sei mesi dalla stipula della Convenzione. Gli standard igienico-sanitari dei posteggi e delle strutture alloggiate nonché di eventuali chioschi sono concordati con l’Ausl di Modena, sulla base di quanto previsto dalla normativa e in rispetto dei provvedimenti anti Covid-19 di Governo e Regione. Ulteriore novità in convenzione è la possibilità di concedere riduzioni agli operatori associati al Consorzio, per massimo 50 euro annui, rispetto agli altri operatori.

La rappresentanza sindacale degli interessi degli operatori, si specifica, è affidata istituzionalmente alle associazioni di categoria (Confesercenti, Confcommercio, Cna, Lapam Federimpresa, Licom), che hanno preso visione del testo della Convenzione.

Analogamente a quanto previsto in precedenza, i servizi affidati dal Comune al Consorzio per il mercato del lunedì sono la manutenzione ordinaria dell’area e degli impianti (idrico, elettrico, rete fognaria e ogni altro di pertinenza, compresa la segnatura a terra dei posteggi degli operatori), oltre a una serie di adempimenti che vanno dalle spese assicurative a ulteriori servizi accessori da concordare via via.

Il Consorzio si impegna, inoltre, a svolgere ogni attività utile a promuovere e qualificare il mercato; promuovere iniziative per il riconoscimento della composizione e qualità dei prodotti commercializzati; sollecitare e proporre agli operatori aggiornamenti e formazione professionale; promuovere l’uso di materiali biocompatibili; collaborare col Comune a iniziative di valorizzazione del centro, a cui il mercato è strettamente collegato.

Tra gli obblighi assunti dal Comune, quelli di provvedere all’allestimento dell’area del mercato secondo gli standard previsti dalla normativa nazionale e regionale; di destinare gratuitamente a uso temporaneo del Consorzio i locali sotto le tribune del Novi Sad; di assicurare la manutenzione straordinaria dell’area del mercato; di rimborsare il Consorzio dei costi sostenuti per la realizzazione di interventi urgenti, di manutenzione straordinaria, preventivamente autorizzati dal Comune, e quello di inserire l’attività del mercato nei progetti di valorizzazione commerciale di aree urbane e nei programmi di promozione del centro storico.