Manutenzione del verde, un programma da oltre 3 milioni

33

Circa la metà dello stanziamento utilizzato entro il 2021. Manutenzione ordinaria e straordinaria dei 9 milioni di mq di parchi e aree verdi e di 200 mila alberi

MODENA – Ha un valore di oltre 3 milioni di euro il programma per la gestione del verde pubblico cittadino avviato dalla giunta comunale attraverso l’approvazione, nelle scorse settimane, di diverse delibere che prevedono interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Quasi la metà dei fondi stanziati saranno utilizzati già entro il 2021 con l’obiettivo specifico di garantire la fruizione in sicurezza di parchi e aree verdi da parte dei modenesi.

La città di Modena ha un patrimonio di 9 milioni di metri quadrati di aree verdi pubbliche e di circa 200 mila alberi: l’accordo quadro per la manutenzione straordinaria, approvato nei giorni scorsi dalla Giunta, su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi, prevede il censimento e il monitoraggio delle alberature oltre agli interventi di sfalcio, potatura e abbattimento che si rendono necessari. La gara per l’affidamento dell’appalto, del valore di 850 mila euro, è prevista entro il mese di maggio. E la scelta dell’accordo quadro della durata di 365 giorni con un unico operatore permette di eseguire nel tempo gli interventi programmati, non programmati e migliorativi secondo le priorità e le necessità individuate di volta in volta dall’amministrazione.

L’accordo per la manutenzione straordinaria si inserisce nell’ambito delle attività complessive per la gestione e la cura del verde pubblico cittadino che prevedono anche l’affidamento della manutenzione ordinaria per quattro anni, a partire da luglio 2020, attraverso una gara (a procedura aperta secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa) del valore di 1 milione e mezzo di euro il cui bando sarà pubblicato nei prossimi giorni.

Così come è in corso di pubblicazione anche il bando (sempre a procedura aperta secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa) per la manutenzione ordinaria, per quattro anni da luglio 2020, degli impianti irrigui e delle centrali di pompaggio delle aree verdi. L’appalto, del valore di 576 mila euro, prevede la manutenzione delle fontanelle e dei laghetti nei parchi pubblici attraverso interventi di pulizia, svuotamento e riempimento, controllo della funzionalità di arieggiatori, ossigenatori e pompe.

Sono stati invece aggiudicati da poche settimane altri due interventi, entrambi del valore di 100 mila euro, per la riqualificazione delle aree verdi dei Quartieri e per la ristrutturazione dei giardini di nidi, scuole d’infanzia e scuole primarie. In questo caso, al controllo degli alberi, si aggiungono il ripristino dei prati, dove necessario, l’installazione e la manutenzione di giochi, la realizzazione di pavimentazione antitrauma e il ripristino della pavimentazione all’interno dei giardini.

Sono stati, infine, approvati i progetti di manutenzione del verde pubblico presentati da associazioni e comitati per un valore complessivo di 319 mila euro.

Gli interventi per la manutenzione del verde consistono nella potatura degli alberi, nei controlli di stabilità delle piante e nell’abbattimento, quando si renda necessario per la sicurezza dei cittadini, di esemplari secchi, a rischio schianto o malati; nella potatura di cespugli e siepi; nella piantumazione di nuovi alberi e nell’irrigazione di soccorso di alberature giovani; nella concimazione e nella cura; nello sfalcio dell’erba e nella bonifica delle aree nei parchi, nelle aree verdi, nelle aree Tav e di forestazione urbana e nelle aree dei fossi di guardia.