Maltempo nel Riminese e danni nelle aziende agricole. Il punto di Confagricoltura

4
danni-maltempo

RIMINI – La pioggia tanto attesa è arrivata in quantità abbondante in troppo poco tempo, senza permettere ai campi di assorbirla. Pioggia arrivata assieme a forti raffiche di vento e alla grandine, fenomeni che hanno inferto un duro colpo alle imprese agricole colpite.

“Nel riminese è stata interessata una zona ampia – interviene Carlo Carli, presidente di Confagricoltura Forlì-Cesena e Rimini – da San Clemente a Coriano, da Montescudo a Montecolombo, passando per Gemmano, solo per citare alcune tra le località più colpite. A farne le spese soprattutto oliveti e vigneti, dove la vendemmia è appena iniziata. Ma anche nei frutteti si sono riscontrati danni, con i frutti rovinati dai chicchi di ghiaccio oppure fatti cadere a terra dalla forza del vento: c’è preoccupazione anche per gli impianti, dai frutteti stessi alle strutture delle aziende. Dopo un’estate contrassegnata dalla siccità e da tutti i problemi connessi dall’assenza di precipitazioni e dal clima arido, questa ondata di maltempo proprio non ci voleva. La perturbazione sta continuando ad attraversare il nostro territorio, a pochi chilometri di distanza da noi ci sono stati veri e propri disastri, e i nostri tecnici sono all’opera per stimare i danni e fare il punto della situazione. Ma una cosa è certa: la concentrazione di eventi climatici di eccezionale portata mette a rischio la tenuta delle imprese agricole e, come ha ribadito il nostro presidente nazionale Massimiliano Giansanti, è evidente che la gestione del rischio climatico sia ormai diventata una questione di primo piano per il futuro dell’agricoltura”.

Confagricoltura, come anticipato, è al lavoro per monitorare il decorso degli eventi, segnalando le criticità che necessitano di interventi straordinari, anche alla luce della situazione di difficoltà che sta vivendo il settore primario a causa della siccità e dell’aumento dei costi produttivi.

“Invitiamo gli agricoltori colpiti dal maltempo ad aprire le segnalazioni di danno – rimarca Alberto Mazzoni, vicepresidente di Confagricoltura Forlì-Cesena e Rimini e vicepresidente di Condifesa Romagna – Se sono assicurati lo possono fare presso la propria compagnia assicuratrice o consorzio, oppure direttamente dalle organizzazioni di categoria: questo è fondamentale per poter avere una perimetrazione dei danni e chiedere l’intervento e il sostegno della Regione. È stata una campagna difficile e senza aiuti molte aziende saranno costrette a chiudere: come associazione abbiamo bisogno di conoscere a fondo il fenomeno per poterlo rappresentare nelle sedi opportune e chiedere gli adeguati interventi di ristoro”.

“Sostegni di questo tipo devono essere rapidi per assicurare, oltre all’indennizzo dei danni, la ripresa dell’attività produttiva dell’agricoltore – conclude il presidente Carlo Carli – Gli eventi climatici eccezionali sono sempre più frequenti: per questo siamo convinti che serva un nuovo approccio e misure per far fronte ad episodi non più sporadici, ma purtroppo numerosi e potenti. Da qui la necessità di modelli previsionali e forme di difesa attiva per contrastare i danni causati dai fenomeni meteorologici estremi”.