Maltempo. Dopo le mareggiate di stanotte intervento urgente per ricostruire la duna invernale a protezione di Lidi Nazioni e Volano

Dalla Regione subito 100 mila euro che si aggiungono ai fondi già previsti per i ripascimenti primaverili

logo regione emilia romagnaBOLOGNA – Subito un intervento urgente ai lidi di Volano e Nazioni, in comune di Comacchio, per ricostruire la duna invernale spazzata via dalle acque del mare e riparare i danni causati dal forte vento di maestrale che ha spirato nel corso della notte, provocando vaste erosioni del litorale e danni a due strutture turistiche. Già oggi pomeriggio i mezzi si sono messi all’opera per il ripascimento della spiaggia e la realizzazione della nuova duna. Attenzione puntata anche in Romagna dove si stanno verificando le conseguenze dell’alta marea con ingressioni marine. La Protezione civile regionale sta monitorando la situazione in stretto coordinamento con gli enti locali.

L’annuncio arriva da Paola Gazzolo, assessore regionale alla Sicurezza territoriale, che proprio nella giornata di ieri aveva incontrato in Regione gli operatori economici della costa ferrarese per fare il punto sulle opere in corso e su quelle previste per la difesa del litorale.

“La Regione ha messo immediatamente a disposizione 100 mila euro, che si aggiungeranno ai fondi per i ripascimenti primaverili già previsti e annunciati nell’incontro di ieri con gli operatori economici della costa ferrarese- spiega Gazzolo, per opere urgenti che serviranno per ricostruire la prima difesa a mare ed evitare così allagamenti degli abitati in caso di nuove mareggiate, contribuendo anche a rispondere alle necessità evidenziate sempre ieri dai bagnini e dai loro rappresentanti”.

“L’evento meteo eccezionale che si è verificato nelle scorse ore- prosegue l’assessore- ha però anche messo in luce il ruolo strategico dei lavori svolti nel 2019 per la difesa della costa. Nell’area dove si sono realizzate palificate che hanno protetto il litorale garantendo tra l’altro di recuperare 10 metri di spiaggia: lungo tutto quel tratto, sia la duna che la pineta non hanno subito danni. È la dimostrazione del valore della prevenzione- chiude Gazzolo– e la conferma della necessità di proseguire nella strategia per la costa che la Regione ha deliberato e condiviso con gli operatori economici”.