Maltempo, allerta Arancione: al via procedure per i danni

20

Nei prossimi giorni le indicazioni per presentare la richiesta di risarcimenti. Riaperti i ponti, Nonantolana e via Emilia, dopo la pulizia della strada

Municipio-Comune-ModenaMODENA – Modena rimane in allerta Arancione per criticità idraulica anche nella giornata di martedì 8 dicembre, come diramato dall’Agenzia regionale di protezione civile, ma il livello dei fiumi è sceso ampiamente sotto la soglia di guardia, con la conseguente riapertura dei ponti sul Secchia prima delle 8 della mattina di lunedì e della via Emilia, in località Fossalta, con il ponte di Sant’Ambrogio, intorno alle 13.

Riaperta nel pomeriggio anche la Nonantolana, a partire dalla rotatoria all’intersezione con la tangenziale Rabin fino al Navicello e alla tangenziale di Nonantola. La strada era stata chiusa in via precauzionale in seguito alle conseguenze nel territorio di Nonantola della rottura dell’argine del Panaro a Castelfranco, rottura riparata alle 8.30 di lunedì dai tecnici di Aipo e dove i lavori continuano per completare l’intervento di sigillatura.

Come richiesto anche dal sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli nelle riunioni del Centro coordinamento soccorsi coordinato dalla Prefettura, la Regione ha confermato l’avvio della procedura di emergenza per i risarcimenti dei danni, per strutture private e attività economiche. Nei prossimi giorni il Comune fornirà le indicazioni per presentare le richieste, fornendo i chiarimenti sulla documentazione necessaria.

Nel frattempo, dalla mattina di lunedì nella zona della Fossalta a Modena Est, tecnici del Comune e della Regione, insieme ai volontari della Protezione civile, sono impegnati nell’aiuto alla popolazione con le idrovore per liberare dall’acqua le abitazioni e le aziende che si trovano nell’area e per la pulizia da fango e melma. La roulotte dei volontari della Protezione civile collocata a lato della via Emilia rappresenta il punto di riferimento per l’organizzazione delle squadre e per la programmazione degli interventi.

Sulla base delle previsione meteorologiche, con il coordinamento della Sala operativa unica integrata di Marzaglia, sono programmate per la notte e la giornata di martedì attività di monitoraggio sugli argini del nodo idraulico modenese, anche da parte delle pattuglie della Polizia locale.