Madre di Ermanna Montanari al Teatro San Leonardo di Bologna dall’8 all’11 ottobre

6
MADRE – Montanari – Ricci – Roccato – foto di Enrico Fedrigoli

BOLOGNA – All’interno di Matria. Immaginari della maternità contemporanea. Esplorazioni di mondi tra teatro, cinema, letteratura e arte pubblica va in scena dall’8 all’11 ottobre al Centro di Ricerca Musicale – Teatro San Leonardo lo spettacolo MADRE di e con Ermanna Montanari, Stefano Ricci, Daniele Roccato, dal poemetto scenico di Marco Martinelli.

MADRE, un dittico composto due monologhi, ci racconta la storia di una madre contadina e suo figlio, che prende i tratti del giallo: lei cade in un pozzo e, mentre il figlio cerca i rimedi per tirarla fuori, argani e moschetti, tubi di ferro e carrucole, la “tecnologia”, confessa di sentirsi a suo agiò lì in quello scavo infinito. La narrazione si trasforma così in fiaba e poi in allegoria della nostra Terra ormai avvelenata, l’incubo di una “tecnologia” che, anziché aiutare con discrezione l’umanità, si pone come arrogante e distruttrice, capace di devastare equilibri millenari.

Tra italiano e dialetto romagnolo, emergono due figure in bilico tra la realtà cruda dei nostri giorni e i simboli di un futuro minaccioso e indecifrabile.

Tre artisti dallo stile inconfondibile si sono incontrati per creare MADRE: Ermanna Montanari, attrice e autrice, Stefano Ricci, pittore e illustratore, Daniele Roccato, compositore e contrabbassista solista. A partire dalla drammaturgia scritta per loro da Marco Martinelli, si confrontano in scena intrecciando gli onirici disegni live di Ricci alle magmatiche sonorità vocali di Montanari, che dà voce sia al Figlio che alla Madre, e a quelle dolci e lancinanti del contrabbasso di Roccato.

Ermanna Montanari

Attrice, autrice e scenografa, è fondatrice del Teatro delle Albe (1983) insieme a Marco Martinelli, con il quale ne condivide la direzione artistica. Per il suo lavoro di attrice-autrice e per uno straordinario percorso di ricerca vocale ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti, tra i quali ricordiamo: quattro Premi Ubu e il Golden Laurel” del Festival internazionale Mess di Sarajevo come “miglior attrice”; il Premio Lo straniero “dedicato alla memoria di Carmelo Bene”; il Premio Eleonora Duse; il premio dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro. Nel 2011 ha firmato la direzione artistica del Festival internazionale di teatro in piazza di Santarcangelo (edizione 41). Scrive per riviste nazionali e internazionali e nel 2017 ha pubblicato un libro di racconti Miniature Campianesi(Oblomov editore). Nel 2017 Quodlibet pubblica Acusma Figura e voce nel teatro sonoro di Ermanna Montanari (in italiano e inglese) a cura di Enrico Pitozzi. Nel 2021 firma con E. Pitozzi Cellula, anatomia dello spazio scenico (Quodlibet, initaliano/inglese). In relazione alla sua ricerca vocale sono stati pubblicati i cd L’Isola di Acina e Ouverture Alcina (Ravenna Teatro), La Mano e Rosvita (Luca Sossella editore), fedeli d’Amore (Stradivarius).

Stefano Ricci

Disegnatore di fama internazionale, ha collaborato con importanti testate (Frigidaire, Avvenimenti, Linea d’ombra, Il manifesto, Esquire, Panorama, Glamour, Liberation, Les Inrockuptibles, Internazionale, Alias, Lo Straniero, Bang, la Repubblica). Tra le sue mostre personali più recenti si possono ricordare: I Molti (con Michelangelo Setola), Cartavetra, Firenze 2019; Il sogno di mio fratello, D406, Modena 2018; Zoologia Politica, Il Vicolo, Milano 2018; Più giù, Squadro, Bologna 2017 e Studio Tommaseo, Trieste 2017, L’histoire de l’Ours, Galerie Martel, Paris, 2014; Ha lavorato in ambito teatrale con numerosi teatri e compagnie, italiani e stranieri. Nel cinema ha lavorato con Mario Martone e Giovanni Maderna. Ha progettato collane editoriali per le quali è stato selezionato per il premio Compasso d’Oro 2001. Dal 1995 cura la collana di Edizioni Grafiche di Squadro (Bologna). Con Giovanna Anceschi ha fondato la rivista “MANO fumetti scritti disegni”. Insieme ad Anke Feuchtenberger ha diretto la casa editrice Mami Verlag. Dal 2003 al 2009 è stato direttore artistico di “Bianco e nero”, la rivista del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. È anche musicista: suona diversi strumenti, compone e sta per pubblicare il suo settimo album.

Daniele Roccato

Contrabbassista solista e compositore, Daniele Roccato è stato invitato a suonare in molti dei festival e delle sale da concerto più prestigiose del mondo, spesso presentando proprie composizioni. Per lui hanno scritto e trascritto Gavin Bryars, Fabio Cifariello Ciardi, Julio Estrada, Ivan Fedele, Sofia Gubaidulina, Hans Werner Henze, Filippo Perocco, Terry Riley, Nicola Sani, Stefano Scodanibbio. Assieme a Scodanibbio ha fondato Ludus Gravis, il più importante ensemble di contrabbassi nel campo della nuova musica.

Ha collaborato con vari artisti nell’ambito della danza e del teatro (Vitaliano Trevisan, Virgilio Sieni, Chiara Guidi-Socìetas Raffaello Sanzio). Ha composto a quattro mani con Luigi Ceccarelli le musiche per LUS, spettacolo di Ermanna Montanari/Teatro delle Albe (produzione ERT Emilia Romagna Teatro), per il quale ha ottenuto la nomination al Premio UBU 2015 come compositore. Nel campo della creazione estemporanea e dell’improvvisazione ha suonato con molti artisti di riferimento. È titolare della cattedra di contrabbasso presso il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma ed è stato invitato a tenere seminari presso numerose Università e conservatori all’estero. Ha registrato per ECM, Wergo, Sony.

Marco Martinelli

Drammaturgo e regista, è fondatore del Teatro delle Albe (1983) insieme a Ermanna Montanari, con la quale ne condivide la direzione artistica. Tra i numerosi riconoscimenti: quattro Premi Ubu come regista, drammaturgo e pedagogo; il Premio Hystrio; il “Golden Laurel” del Festival internazionale Mess di Sarajevo; il “Premio alla carriera” del festival internazionale tunisino Journées théâtrales de Carthage. I suoi testi sono pubblicati e messi in scena in Italia, Francia, Belgio, Germania, Romania, Slovacchia, Cile, Brasile e Stati Uniti. Nel 2018 è stato pubblicato in francese il suo Farsi luogo, ovvero Se faire lieu. Brèche dans le théâtre en 101 mouvements, edizioni Alternatives théâtrales. Nel 2016 esce Aristofane a Scampia. Come far amare i classici agli adolescenti con la non-scuola, edito dalla fiorentina Ponte alle Grazie, in cui Martinelli racconta l’esperienza della non scuola, nata a Ravenna negli anni novanta e da allora divenuta un fenomeno “contagioso” esportato in tutta Italia e nel mondo. Il libro, pubblicato in francese da Actes Sud nel 2020 con il titolo Aristophane dans les banlieues ha vinto il Premio del Sindacato della Critica come “Miglior libro sul teatro”.

Matria è promosso da ERT / Teatro Nazionale; realizzato in collaborazione con Comune di Bologna, DAMSLab | La Soffitta – Università di Bologna, Fondazione Cineteca di Bologna, Centro di Ricerca Musicale-Teatro San Leonardo, TTFF, Accademia Belle Arti di Bologna, DOM La Cupola del Pilastro, Scuola delle Donne del Pilastro, CHEAP street poster art, Gender Bender, Cassero LGBT+ Center, Biblioteca Comunale Salaborsa, Orlando, Biblioteca delle donne di Bologna, Biblioteca italiana delle Donne, Libreria italiana delle Donne, Patto per la lettura Bologna, Salone Internazionale del libro di Torino.

Informazioni

Teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44 – Bologna

Prezzi dei biglietti: da 9 a 12 € esclusa la prevendita

Biglietteria: da martedì a sabato dalle ore 11.00 alle 14.00 e dalle 16.30 alle 19.00

Tel. 051 2910910

biglietteria@arenadelsole.it | bologna.emiliaromagnateatro.com

Ingresso consentito ai possessori di green pass come definito nel DPCM n.105 del 23/07/2021, art.3 comma 4. Per i minori di 12 anni non è previsto l’obbligo del green pass.

Da quest’anno sarà possibile utilizzare i biglietti in formato elettronico. Acquistando biglietti on-line o telefonicamente si riceverà una conferma via mail che potrà essere utilizzata per entrare in sala senza necessità di passare dalla biglietteria.

Centro di Ricerca Musicale – Teatro San Leonardo

Via S. Vitale 63, Bologna

da venerdì 8 a lunedì 11 ottobre

venerdì, domenica e lunedì ore 19.00 | sabato ore 21.30

MADRE

di e con Ermanna Montanari, Stefano Ricci, Daniele Roccato

poemetto scenico di Marco Martinelli

regia del suono Marco Olivieri

tecnico luci Luca Pagliano

direzione tecnica Enrico Isola, Fagio

realizzazione elementi di scena squadra tecnica Teatro delle Albe Alessandro Pippo Bonoli, Fabio Ceroni, Fagio, Enrico Isola, Danilo Maniscalco, Dennis Masotti, Luca Pagliano

capi vintage A.N.G.E.L.O.

disegno e veste grafica Stefano Ricci

produzione Teatro delle Albe/Ravenna Teatro

in collaborazione con Primavera dei Teatri, Associazione Officine Theatrikés Salénto

in collaborazione con AngelicA | Centro di Ricerca Musicale e DAMSLab | La Soffitta, Università di Bologna

spettacolo in italiano e dialetto romagnolo

durata 60 minuti