Lunedì 30 aprile e martedì 1 maggio Campionati Nazionali di Judo AICS: a Forlì ci sarà l’oro olimpico di Sidney, Pino Maddaloni, a tenere a battesimo la manifestazione

75

Forlì, judoAtleti provenienti da oltre 10 Regioni, che si affronteranno al Pala Marabini a San Martino in Strada per conquistare i titoli iridati

FORLÌ – Non poteva che approdare anche a Forlì, Città Europea dello Sport 2018, Sportinfiore, la manifestazione nazionale di AICS Associazione Italiana Cultura Sport, giunta quest’anno alla sua 24esima edizione. Nell’ambito della rassegna, la nostra città ospiterà i Campionati Nazionali AICS di Judo, in programma lunedì 30 aprile e martedì 1 maggio al Pala Marabini di San Martino in Strada (Viale dell’Appennino, 496).

Il calendario delle competizioni prevede gare agonistiche e incontri dimostrativi che coinvolgeranno ragazzi di varie categorie di peso: in totale, saranno circa 800 i partecipanti in arrivo in città, tra atleti provenienti da più di 10 Regioni d’Italia, che si contenderanno premi individuali e per società, ma anche accompagnatori e personale tecnico. Con loro, martedì 1 maggio è atteso anche Pino Maddaloni, oro olimpico nel judo a Sidney 2000, uno dei tanti campioni che ha vestito i colori AICS e che in questa occasione farà sentire il suo incoraggiamento ai giovani atleti in gara.

Il programma dei Campionati prenderà il via nella mattinata di lunedì 30 aprile con gli incontri degli Esordienti B (Maschi e Femmine nati nel 2004 e 2005), e a seguire quelli dei Cadetti (Maschi e Femmine nati tra il 2001 e il 2003). Nel pomeriggio, sarà la volta di Juniores e Seniores maschili, femminili e a squadre (nati tra il 1983 ed il 2000) e delle gare a squadre degli Esordienti B.

Martedì 1 maggio, invece, si affronteranno gli Esordienti A (maschi e femmine nati nel 2006) per proseguire poi con le dimostrazioni degli atleti pre-agonisti, Ragazzi (Maschi e Femmine nati nel 2007 e 2008) e Fanciulli (Maschi e Femmine nati nel 2009 e 2010). A premiare i vincitori, ci sarà il Presidente Nazionale dell’Associazione, Bruno Molea, insieme ad altri dirigenti nazionali dell’Associazione e rappresentanti delle Istituzioni locali.

Gli atleti e i loro accompagnatori alloggeranno in strutture alberghiere del territorio, grazie ad una convenzione realizzata dall’Associazione Italiana Cultura Sport con l’Associazione Albergatori di Castrocaro Terme che mette a disposizione, attraverso le strutture ricettive affiliate, vitto e alloggio a condizioni agevolate, contribuendo a favorire una ricaduta economica dell’evento sugli operatori turistici del territorio.

Negli stessi giorni, lo sport forlivese, in particolare quello femminile, sarà protagonista a Riccione del secondo Campionato Nazionale di MamaNet, una sorta di pallavolo nella quale però la palla va trattenuta e rilanciata a due mani al di là della rete. Molto diffusa in Israele dove si svolgono campionati riservati esclusivamente alle mamme, è stata introdotta e promossa in Italia proprio da AICS, che ne ha sposato le finalità sociali, oltre che sportive: quattro sono le rappresentative forlivesi che, nel corso di Sportinfiore, si affronteranno sul campo e si confronteranno al di fuori, per condividere esperienze comuni.

AICS Associazione Italiana Cultura Sport è un ente impegnato da più di 50 anni nella promozione di attività dilettantistica sportiva a livello nazionale. Presieduta da Bruno Molea, oggi rappresenta una delle principali associazioni italiane per importanza ed impegno (in ambito sportivo, ma anche culturale, sociale, turistico ed ambientale) con i suoi 900mila associati, 9mila circoli, 20 Comitati regionali e 120 provinciali dislocati in tutto il Paese.

Organizzati dalla Direzione Nazionale AICS Dipartimento Sport con la collaborazione del Comitato Regionale AICS Emilia Romagna e del Comitato Provinciale di Forlì-Cesena, Sportinfiore e, in particolare, i Campionati Nazionali di Judo, godono del patrocinio del Comune di Forlì. Partner dell’iniziativa sono UnipolSai Assicurazioni e Fictus Federazione Italiana degli Enti Culturali, Turistici, Sportivi.

Per ulteriori informazioni: www.aics.it.