“Le mani in pasta. Le mafie restituiscono il maltolto” oggi la presentazione a Bologna

21

Oltre all’autore Carlo Barbieri saranno presenti don Ciotti, Pedroni, Cifiello, Ghedini

BOLOGNA – Prima presentazione pubblica, al Festival nazionale dell’Unità di Bologna, per il libro di Carlo Barbieri “Le mani in pasta. Le mafie restituiscono il maltolto”, sull’esperienza della Placido Rizzotto e delle cooperative di Libera Terra che coltivano i terreni confiscati alle mafie, edito da Jaca Book con Editrice Consumatori. Il volume, ripubblicato a luglio in forma arricchita e ampliata a quindici anni dalla sua prima uscita, sarà al centro dell’incontro in programma il 7 settembre alle ore 19 nello spazio Libreria del Parco Nord, al quale porterà un saluto anche il fondatore di Libera, don Luigi Ciotti.

All’appuntamento parteciperanno l’autore Carlo Barbieri (in collegamento dall’estero), Daniele Biacchessi, giornalista e curatore della collana Contastorie di Jaca Book, Marco Pedroni, presidente di Ancc-Coop e di Coop Italia che ha firmato la prefazione al volume, Mario Cifiello, presidente di Coop Alleanza 3.0, Rita Ghedini, presidente di Cooperare con Libera Terra, Antonio Monachetti di Libera Emilia-Romagna e Francesco Citarda, presidente della cooperativa Placido Rizzotto Libera Terra.

Il 2021 è stato scelto non a caso per la riedizione de “Le mani in pasta”. Quest’anno infatti ricorrono i 25 anni della legge 109/96 sul riutilizzo dei beni sottratti alle mafie e i 20 gli anni di vita del progetto Libera Terra, nato con la fondazione – a San Giuseppe Jato, nel Palermitano – della cooperativa Placido Rizzotto, mentre l’agenzia Cooperare con Libera Terra ha tagliato il traguardo dei 15 anni. Il libro di Barbieri narra una storia di coraggio e di legalità che parte dalla terra e dai suoi prodotti e spiega come un’economia solidale sia una strada percorribile, come dimostrano le tante cooperative, con fatturati in crescita e prodotti distribuiti in tutt’Italia, che si sono formate in questi vent’anni

Dal libro è in via di realizzazione anche un film, “Le mani in pasta”, di cui Daniele Biacchessi sarà il regista, per la cui realizzazione dal primo settembre è partita una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding Produzionidalbasso.com.