La Tenda, nuova stagione di musica, arti e laboratori

Fino a maggio, otto mesi di concerti, teatro, danza, libri, mostre, proiezioni di film, alla struttura per i giovani gestita dal Comune in collaborazione con “Intendiamoci”

MODENA – Da ottobre 2019 a maggio 2020. Otto mesi di concerti, spettacoli teatrali, danza, presentazioni di libri, proiezioni cinematografiche, laboratori e mostre. Incomincia ad ottobre, come ormai consuetudine, la nuova stagione 2019/2020 della Tenda di viale Monte Kosica, angolo viale Molza, la struttura gestita dall’assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Modena con l’associazione Intendiamoci.

Il programma è stato presentato questa mattina, lunedì 7 ottobre da Andrea Bortolamasi, assessore a Cultura e Politiche giovanili, con Francesca Garagnani del Centro Musica, Fulvio Romiti, presidente di “Intendiamoci”, Leonardo Gandini, docente di Storia del Cinema UniMoRe e rappresentanti delle associazioni che concorrono alla realizzazione della stagione. Sono tante, infatti, le novità e le riconferme, in particolare per quella parte di programmazione realizzata a stretto contatto con associazioni e realtà del territorio, che hanno scelto la Tenda per le proprie attività e contribuiscono alla coprogettazione dell’offerta culturale: la rassegna cinematografica “Identità e Alterità”, curata dai docenti UniMoRe Leonardo Gandini e Chiara Strozzi, torna per la sua quinta edizione con una serie di pellicole incentrate sul concetto di “Nazione”; l’Associazione Muse organizza, oltre alla rassegna di jazz e contaminazioni “Arts & Jam” (giunta alla sua ottava edizione), anche il laboratorio musicale per studenti delle superiori Orchestra Modena Moltimondi, un progetto multiculturale che parte dallo studio di repertori e musiche provenienti da diverse parti del mondo per arrivare a costruire un proprio repertorio che possa rappresentare la pluralità dei suoi componenti; gli incontri letterari de L’Asino che Vola, che di nuovo porterà in Tenda giovani scrittori e case editrici indipendenti: due gli appuntamenti già in programma nel primo mese, il 18 ottobre “Concimi, non proiettili – Sa lota ‘e Pratobello” di Franca Menneas (Domus De Janas), e il 25 ottobre “Un dicembre rosso cuore” di Ivan Sciapeconi (Einaudi Ragazzi); le attività di Ore d’Aria, incentrate sulla danza e le arti performative, con il ciclo di incontri dedicati alla cultura hip hop “Urban Call” e il Festival Ore d’Aria, appuntamento fisso della programmazione.

Grande spazio come sempre alla musica rock e indipendente con i Live@Rock organizzati da Intendiamoci, che anche per questa stagione porterà a Modena artisti italiani e internazionali, oltre a tante band della scena musicale locale che vedono nella Tenda un luogo privilegiato per proporre la propria musica.

Riconfermata e ampliata torna la serie di incontri con i nuovi nomi del cantautorato italiano “Cantautori su Marte”, promosso dal Centro Musica nell’ambito del progetto Sonda con la direzione artistica di Corrado Nuccini (Giardini di Mirò).

Infine, non mancherà la nuova edizione del bando per la creatività giovanile “Lumintenda”, giunto alla quarta edizione, che anche quest’anno premierà con un riconoscimento in denaro tanti giovani artisti della provincia tra quelli che candideranno la propria opera di fotografia, grafica, videoarte, fumetto, teatro e danza. Il bando della nuova edizione sarà diffuso entro novembre.

Completano la programmazione la rassegna di proiezioni a cura di Rosa Bianca “Follia e Dintorni”, su tematiche legate alla salute mentale, gli incontri dedicati alla cooperazione sanitaria internazionale della ong Medici con L’Africa Cuamm, l’attività laboratoriale degli itinerari Scuola Città di Memo, percorsi creativi fra teatro e danza sui temi della legalità, resistenza, bullismo e abbandono scolastico.

La veste grafica anche per la stagione 2019/2020 è a cura di Davide Montorsi, con una serie di immagini sviluppate attorno alla rivisitazione in chiave “post” di edifici iconici del panorama urbano modenese, avviluppati dalla vegetazione e dalla natura che ne reclama gli spazi. Protagoniste della prima cartolina della serie, per il mese di ottobre, sono le Piramidi del Parco della Resistenza.

Il calendario completo di tutte le iniziative è consultabile sul sito de La Tenda, recentemente rinnovato e ampliato, all’indirizzo www.comune.modena.it/latenda. La Tenda è su Facebook con la pagina dedicata all’intera programmazione (La Tenda), una dedicata ai live (La Tenda Live) e una al jazz (Jazz alla Tenda).