La Provincia di Reggio Emilia mette all’asta il vecchio parco mezzi

79

REGGIO EMILIA – Ci sono auto (6 Fiat Punto, 5 Fiat Panda, 2 Land Rover Defender 90 ed un Terios Daihatsu), rimorchi, rulli compressori, ma anche un trattore, una piccola barca e remi ed una motoslitta. Sono i 26 lotti di veicoli, macchine operatrici e rimorchi che la Provincia di Reggio Emilia aggiudicherà all’asta il prossimo 11 settembre, con una nuova operazione di “finanziamento inedito” finalizzata a reperire ulteriori risorse da destinare alle principali competenze dell’ente, strade e scuole.

I pezzi più “pregiati” sono i due Land Rover della Polizia provinciale (del 2000 e del 2003, entrambi con circa 360mila chilometri, ma tagliandati e revisionati) che partono da sette e ottomila euro, ed il trattore Fiat 540 Special che era in dotazione al Centro operativo Manutenzione strade di Scandiano (base d’asta 3.000 euro).

Quelli più originali, sono invece altri due mezzi della Polizia provinciale (o meglio dei Vigili provinciali, vecchia dizione): una barca a remi in vetroresina utilizzata per il monitoraggio di fauna selvatica o per recuperare reti da pesca abusive (250 euro) e una motoslitta Alpine 503 ER (1.500 euro compreso rimorchio Balbi). Utilizzata per operazioni sul Crinale in caso di neve alta, la motoslitta fu particolarmente preziosa, sul finire degli anni Ottanta, per garantire d’inverno i rifornimenti al grande recinto di riproduzione e ambientamento realizzato dalla Provincia, nella valle dell’Ozola, per reintrodurre il cervo in Appennino.

L’elenco di tutti i 26 lotti e le modalità di partecipazione all’asta pubblica – che si svolgerà con il metodo delle offerte segrete in aumento rispetto al prezzo posto a base di gara – sono disponibili sul sito della Provincia (www.provincia.re.it, sezione Bandi e avvisi), insieme alle caratteristiche principali e ai prezzi a base d’asta di ciascun veicolo o mezzo.Prima della scadenza è comunque possibile visionare i veicoli e la loro documentazione nelle giornate del 26, 27 e 31 agosto, 1 e 4 settembre (dalle ore 9 alle ore 12), previo appuntamento da richiedere all’Ufficio Gestione veicoli della Provincia di Reggio Emilia inviando una mail all’indirizzo veicoli@provincia.re.it ed indicando uno o più giorni in ordine di preferenza, il nominativo di chi si presenterà a visionare i mezzi e un numero di telefono al quale sia reperibile.

La vendita, precisa la Provincia nel bando, avverrà fuori campo applicazione Iva e saranno a carico dell’acquirente qualsiasi onere legato all’utilizzo del bene in base alle norme vigenti (eventuale revisione per gli automezzi, collaudi, messa a norma eccetera) nonché ovviamente quelli relativi al trasferimento di proprietà per gli autoveicoli.

Domanda di partecipazione e offerte economiche devono essere redatte esclusivamente in lingua italiana e consegnate a mano – entro le ore 12 di mercoledì 9 settembre – all’Ufficio Archivio della Provincia di Reggio Emilia, situato al piano terra della sede di corso Garibaldi 59 ed aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.45 alle 12.45 (martedì e giovedì anche dalle 15 alle 17). L’avvenuto ricevimento potrà essere provato dall’offerente esclusivamente dal modulo di ricevuta appositamente rilasciato dall’Ufficio Archivio della Provincia. Il recapito dell’offerta tramite servizio postale è ammesso ad esclusivo rischio del mittente. Previsto anche un deposito cauzionale provvisorio pari al 10% dell’importo a base d’asta per ciascun lotto per i quali si presenta offerta.

L’asta di aggiudicazione si terrà a partire dalle 9 di venerdì 11 settembre nella Sala Commissioni di Palazzo Allende, sede della Provincia, in corso Garibaldi 59. Chi ha presentato un’offerta potrà partecipare come uditore: ovviamente, nel caso in cui il numero di partecipanti all’asta non risultasse idoneo a garantire la sicurezza in riferimento alle disposizioni per il contenimento del contagio da Covid-19, sarà predisposto un apposito locale dal quale il pubblico potrà assistere alla seduta di apertura delle offerte.