La festa dei vicini torna in presenza, preparativi al via

5
Modena, Palazzo Comunale

Un aperitivo o una merenda, musica e giochi nel cortile del condominio. Dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia, ci si torna ad incontrare con “Stiamoci vicini”

MODENA – Un aperitivo, un pranzo o una cena, una merenda con musica e giochi in giardino: più semplicemente un’occasione per incontrarsi e stare insieme in allegria.

Dopo la pausa forzata dovuta all’emergenza sanitaria e lo speciale contest fotografico del 2021, torna in presenza “Stiamoci vicini”, la festa dei vicini promossa a Modena dall’assessorato alle Politiche sociali del Comune.

La festa, nata a livello europeo per affermare i valori di buon vicinato e di mutuo aiuto, in città è organizzata dal 2008 dalla cooperativa sociale Mediando, da quando cioè l’amministrazione comunale ha aderito alla rete delle città europee che partecipano all’iniziativa in occasione della Giornata europea dei Vicini. Solo nel 2020 non si è potuta svolgere, mentre nel 2021 gli organizzatori hanno ideato Guardiamoci Vicini, un’edizione rispettosa di distanziamento e norme anti Covid-19.

“Dopo due anni di distanziamento – sottolinea l’assessora alle Politiche sociali Roberta Pinelli – la Festa dei vicini è quest’anno un’occasione in più per riprendere le relazioni di vicinato, allacciare nuove amicizie e festeggiare in compagnia. Ed è un momento importante per affermare il valore delle relazioni tra le persone come elemento di coesione sociale e benessere. Inoltre, l’iniziativa – continua l’assessora – costituisce un modo per valorizzare la creazione spontanea di relazioni e di momenti di socialità, oltre che l’attivazione del singolo cittadino per la comunità”.

Per avere informazioni, comunicare la partecipazione all’iniziativa e il tipo di festa che s’intende organizzare si può contattare il Punto d’Accordo telefonicamente (059 8775843) oppure per email (puntodaccordo@mediandoweb.it) in modo da ritirare presso la sede di via Nicolò dell’Abate 74 ritirare i volantini e i gadget di “Stiamoci vicini”.