La donna che scriveva racconti martedì 29 dicembre su Radio Emilia Romagna e Uniradio

36

Domani alle 18.00 on line il terzo podcast del ciclo  Ricordo al futuro: voci dal mondo

BOLOGNA – Martedì 29 dicembre alle ore 18.00 sui canali di UniradioRadio Emilia Romagna sarà on line il terzo podcast del ciclo Ricordo al futuro: voci dal mondo: Cristiana Tramparulo (Compagnia permanente di ERT Fondazione) legge un estratto da La donna che scriveva racconti di Lucia Berlin.

Una donna molto bella ha avuto una vita difficile e la racconta in tanti piccoli quadri: tra i 10 migliori libri del 2015 per il “New York Times”, eletto in Italia da “la Repubblica” miglior libro del 2016, La donna che scriveva racconti è popolato da personaggi diversissimi, variegati per sesso, razza, colore e censo, ma tutti capaci di fissarsi nella mente del lettore grazie al tratto pittorico dell’autrice. Una scrittura ingannevolmente semplice, chiara, essenziale, imprevedibile come la musica jazz ma altrettanto ipnotica.

Lucia Berlin, nata in Alaska, ha vissuto l’infanzia seguendo il padre, un ingegnere minerario, tra Cile e Messico. Ed è in Messico che è ambientato 𝘌𝘭 𝘛𝘪𝘮: la storia di un’insegnante di spagnolo e del suo allievo, Timothy. In questo rapporto emergono segreti e si capisce l’importanza di riuscire a mettere età diverse sullo stesso piano.

Il contenuto sarà disponibile anche sulla pagina del sito ERT dedicato alle produzioni digitali: ERTonAIR.

Lucia Berlin

Nata in Alaska nel 1936, ha iniziato a pubblicare racconti sulle riviste a ventiquattro anni. La sua raccolta Homesick ha vinto il National Book Award nel 1991 e il racconto My Jockey (di soli cinque paragrafi) il Jack London Short Story Prize nel 1985. Ha scritto storie ispirate dagli anni dell’infanzia trascorsi nelle città minerarie del West, dal tempo dell’adolescenza a Santiago, in Cile, da tre matrimoni falliti, dal problema dell’alcolismo, dagli anni vissuti a Berkeley, New Mexico, e a Città del Messico; dai tanti diversi lavori che ha dovuto fare per sostenere i quattro figli e continuare a scrivere.

Negli anni Novanta insegna presso l’University of Colorado, Boulder. Nel 2001, la salute sempre più fragile la costringe a trasferirsi nella California meridionale vicino ai figli. Muore nel 2004 a Marina del Rey.

Compagnia permanente di ERT Fondazione

Emilia Romagna Teatro Fondazione in oltre 40 anni di attività ha dato vita a progetti teatrali di ampio respiro, dai molteplici profili, con l’obiettivo di coinvolgere profondamente i territori in cui risiede. In particolare, dal 2012, pensandosi come “teatro senza mura”, “teatro aperto” che si rivolge alle comunità in cui opera, la Fondazione ha creato diverse iniziative di teatro partecipato, che – grazie all’azione di una base stabile di attori – hanno permesso ai cittadini di essere protagonisti attivi di percorsi artistici e culturali. Fra queste: Il Ratto d’Europa. Per un’archeologia dei saperi comunitari (2011-2014), Carissimi Padri… Almanacchi della “Grande Pace” (1900-1915) (2015-2017), Un bel dì saremo – L’azienda è di tutti e serve a tutti (2018-2019).

Per valorizzare ulteriormente questa vocazione pubblica, a partire dalla stagione 2019/2020, ERT Fondazione si è dotata di una compagnia permanente, dando avvio a una operazione innovativa per il panorama italiano: un gruppo di attori diventa parte organica e attiva della vita di un Teatro Nazionale, non solo sul piano più specificamente artistico, ma anche su quello della didattica (in seno alla Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro) nonché della promozione continua del dialogo vivo con i cittadini spettatori: dai progetti di teatro partecipato alle letture pubbliche, passando per i classroom plays e per le visite spettacolo nei teatri di ERT. Compongono la Compagnia permanente di ERT: Simone Baroni, Daniele Cavone Felicioni, Michele Dell’Utri, Michele Di Giacomo, Simone Francia, Michele Lisi, Diana Manea, Paolo Minnielli, Elena Natucci, Silvia Rigon (regista assistente), Maria Vittoria Scarlattei, Cristiana Tramparulo, Jacopo Trebbi, Giulia Trivero, Massimo Vazzana.

Ricordo al futuro: voci dal mondo

Un percorso di ERT Fondazione, Radio Emilia Romagna e Uniradio Cesena

nell’ambito del progetto di teatro partecipato Ricordo al futuro

selezione dei testi a cura di Silvia Rigon

testi di Waciny Laredj, Jabbour Douaihy, Lucia Berlin, Isabel Allende

con Michele Di Giacomo, Simone Francia, Maria Vittoria Scarlattei, Cristiana Tramparulo

(Compagnia permanente di ERT Fondazione)

per Uniradio Cesena Eugenio, Maria e Matteo

registrazioni Marco Mantovani

produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione

TERZA PUNTATA – 29 dicembre ore 18.00
La donna che scriveva racconti di Lucia Berlin

legge Cristiana Tramparulo

durata 30’