La BSC Materials supera Brescia al tie break

9

SASSUOLO (MO) – Seconda giornata di Regular Season e seconda vittoria al cardiopalmo per la BSC Materials Sassuolo, che come nella prima giornata, si aggiudica il match al tie break superando una mai doma Brescia.

BSC Materials Sassuolo 3

Valsabbina Millenium Brescia 2

Parziali 24-26 27-25 22-25 25-16 15-12

Cronaca del match

Per la prima casalinga, Coach Venco si affida a Scacchetti in cabina di regia, Busolini opposto, al centro Manfredini e Civitico, in posto quattro Pomili e Pistolesi. Il libero è Pelloni.

Dall’altra parte della rete, Coach Beltrami scende in campo con Boldini al pelleggio, Obossa opposto, al centro Consoli e Torcolacci, in posto quattro Cvetnic e Pamio. Il libero è Scognamillo.

Primo set

Il primo strappo del set è targato Brescia, che approfitta degli errori tra le fila sassolesi per portarsi subito sul +4 (3-7). Le ospiti sono brave ad amministrare il vantaggio acquisito (6-10), ma la BSC non si scompone: Manfredini trova l’ace che dimezza lo svantaggio (8-10), poi Pomili impatta per il pareggio (11-11). Il muro di Civitico vale il +1 sassolese ed induce la panchina bresciana a fermare il gioco (12-11). Al rientro in campo, altro muro firmato Civitico e 13-11. Pamio riporta tutto in parità, poi la fast di Consoli al termine di uno scambio lungo consente alle ospiti di riportarsi avanti e questa volta è Coach Venco a fermare il gioco (13-14). Il gioco torna in parità sul 16-16, poi Brescia tenta di nuovo l’allungo ed impatta 18-20 con Torcolacci. Il mani out di Pistolesi vale il -1 sassolese ed il secondo time out per la panchina di Coach Beltrami (21-22). Sassuolo esce meglio dal time out e passa avanti 23-22 ma è Brescia a trovare la palla del 23-24. Il finale di set è al cardiopalmo: Pistolesi annulla in mani out (24-24), ma al secondo tentativo le sopiti chiudono 24-26.

Secondo set

L’avvio di parziale è targato Sassuolo (3-0): la piazzata di Pistolesi vale il +4 (6-2). Sul +5 sassolese, Coach Beltrami ferma subito il gioco (8-3). Brescia si riavvicina con Obossa (9-6), che poi attacca profondo per il -1 bresciano (10-9). Il pareggio ospite arriva poco dopo ed è targato Consoli: rigore e 12-12. Brescia non ferma la sua corsa e passa avanti 13-15, ma il pareggio è di nuovo dietro l’angolo ed è firmato Manfredini (15-15). Il nuovo allungo ospite è firmato Obossa in mani out (16-18), con Cventic che firma il ventesimo punto in pallonetto (18-20). Sassuolo però non si dà per vinta e con pazienza pareggia: Civitico e Dapic fermano Obossa per il 21-21. Il +1 biancoazzurro è firmato Pistolesi al termine di uno scambio lungo (23-22): è però Brescia – come nel set precedente – ad andare al setball: ace della neo entrata Zorzetto e 23-24. Pistolesi annulla, poi Dapic in diagonale chiude uno scambio concitato per il 25-24. Il muro di Manfredini vale poi il 27-25 che riporta il match in parità.

Terzo set

Come nel secondo, anche l’avvio del terzo parziale è targato Sassuolo (4-2). Brescia si riavvicina, ma il nuovo allungo delle padrone di casa è dietro l’angolo: il muro di Manfredini del +4 (9-5) induce Coach Beltrami a fermare il gioco e lo stop fa bene alle ragazze di Brescia, che accorciano a -1 e questa volta è Coach Venco a richiamare le sue (9-8). Brescia però non si ferma e due errori in ricezione tra le fila sassolesi valgono il +3 ospite (10-13). La BSC si riporta a contatto con Manfredini dai nove metri (12-13), ma di nuovo la Valsabbina allunga con Torcolacci (12-15). Di nuovo, come nei set precedenti, è Brescia ad arrivare per prima a quota 20 (15-20), ma Sassuolo è sempre lì: Pistolesi prima, Busolini poi ed è -2 sassolese (18-20). Il time out è provvidenziale per Brescia, che si riporta di nuovo sul +4 (18-22). Finisce 22-25.

Quarto set

Tenta subito la fuga Sassuolo (4-0), ma Brescia dimezza subito lo svantaggio (4-2). L’atmosfera si scalda ed il primo arbitro è costretto ad estrarre un cartellino giallo ai danni delle padrone di casa, che però non subito il colpo: il rigore di Civitico vale il  nuovo +4 (8-4). Busolini dai nove metri firma il 12-7 che induce la panchina ospite a fermare il gioco, dopo che Obossa – fin da ora la migliore tra le sue – era stata costretta a lasciare il campo per crampi. Coach Beltrami cerca alternative nella sua panchina, ma la BSC allunga ancora (16-9). Il set diventa un monologo biancoazzurro (21-11), con Cvetnic che è l’ultima ad arrendersi (16-24) prima dell’errore di Zorzetto che consegna alla BSC il quarto set.

Quinto set

Ritrova il suo assetto standard Brescia ed il set prende subito la via dell’equilibrio (3-3), poi la Valsabbina tenta l’allungo tra le proteste delle padrone di casa (3-5). Coach Venco richiama le sue e lo stop è provvidenziale: due attacchi out delle ospiti, poi il muro su Orlandi ed è 7-5. Al cambio campo, Sassuolo è avanti 8-5. Il mani out di Orlandi vale il -1 ospite (8-7), ma Busolini dai nove metri trova l’ace dell’11-8. Cvetnic però non ci sta e con due ottime giocate riporta a contatto le sue (13-11), ma il diagonale di Pomili vale il 14-12: ci pensa Scacchetti a chiudere dai nove metri per il 15-12.

Al termine del match, questo il commento di Valentina Pomili, oggi autrice di 18 punti: “Per prima cosa siamo contentissime del risultato finale: sono punti importantissimi questi, soprattutto per il tanto lavoro che stiamo facendo in palestra. Siamo una squadra giovane, oggi siamo partite forte e siamo state brave a stare sempre lì anche quando eravamo sotto. Non abbiamo mai mollato e questo dobbiamo riconoscerlo a noi stesse: quindi brave noi che siamo state lì anche quando eravamo sotto o perdevamo qualche punto. Quando giochiamo la nostra pallavolo, siamo davvero brave a forti: l’obiettivo è quindi riuscire sempre a fare il nostro”.

Dall’altra parte della rete, la parola passa a Josephine Obossa top scorer ospite (19) e cresciuta a Sassuolo: “Oggi non abbiamo praticamente mai giocato al nostro massimo: non siamo riuscite ad esprimere il nostro gioco, se non inizialmente. Poi abbiamo un po’ mollato, iniziando a fare errori spesso banali. Dall’altra parte abbiamo trovato un avversario che sicuramente non ci ha aiutato, mettendoci spesso in difficoltà”.

“Questa – prosegue Obossa – era per me la prima partita da ospite qui a Sassuolo ed è stato molto emozionante. Ammetto che ero un po’ tesa perché tornare qui è sempre bello ed emozionante”.