L’8 luglio Zuppi e Lafram, dialogo tra le fedi, e Francesco De Carlo in stand-up

10

BOLOGNA – Bologna città delle fedi? Accanto alla religione cristiana, tradizionalmente la più diffusa, è ormai consolidata la presenza dei musulmani, che sono oggi 25.000 nel territorio bolognese. A confrontarsi in un dialogo pubblico Teatri di Vita ha invitato monsignor Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna dal 2015, e Yassine Lafram, presidente della Comunità Islamica di Bologna e dal 2018 anche presidente nazionale delle Comunità Islamiche d’Italia. L’appuntamento con “La città delle fedi” è a Teatri di Vita, nell’ambito del festival “Cuore d’Aria”, giovedì 8 luglio alle ore 21. A intervistare i due protagonisti dell’incontro sarà Franca Giansoldati, giornalista e scrittrice, con una lunga esperienza come vaticanista, vincitrice di numerosi premi di giornalismo tra cui il Premio internazionale Ischia. Condurrà la serata la giornalista Daniela Camboni. I rappresentanti delle due più diffuse religioni nel mondo e in Italia parleranno non solo di fede, ma anche di come le comunità religiose vivono nella società, recependone i temi più attuali e urgenti e restituendo alla società prospettive di pensiero e di azione, che vanno dall’accoglienza alla solidarietà. Un confronto che mira a superare il facile stereotipo del conflitto per riflettere un approccio che valorizza le differenze.

In seconda serata è in programma lo spettacolo di stand-up comedy “Pensieri stupendi”, il nuovissimo monologo di Francesco De Carlo, volto televisivo su Rai (“Tutta colpa della Brexit”), Sky e Comedy Central (“Aggratis”, “Gli sgommati”, “Nemico pubblico”, “Comedy Central News” e “Stand Up Comedy”).

L’appuntamento è a Teatri di Vita (Parco dei Pini, via Emilia Ponente 485, Bologna), per il festival “Cuore d’Aria” nell’ambito di “Bologna Estate 2021”, con il supporto di Comune di Bologna e Regione Emilia Romagna, e con il contributo della Fondazione del Monte.

Informazione e prevendita sulla app di Teatri di Vita, accessibile dal sito teatridivita.it; info: 333.4666333 – urp@teatridivita.it.

ORE 21: LA CITTÀ DELLE FEDI con Yassine Lafram, Matteo Maria Zuppi – intervista Franca Giansoldati.

Un dialogo tra rappresentanti delle due più diffuse religioni nel mondo e in Italia, un incontro per parlare non solo di fede, ma anche di come le comunità religiose vivono nella società, recependone i temi più attuali e urgenti e restituendo alla società prospettive di pensiero e di azione, che vanno dall’accoglienza alla solidarietà. Un confronto che mira a superare il facile stereotipo del conflitto per riflettere un approccio che valorizza le differenze. A salire sul palco di Teatri di Vita sono quindi monsignor Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna dal 2015, che torna dopo l’incontro dell’estate scorsa, e Yassine Lafram, presidente dell’Unione delle Comunità Islamiche d’Italia (Ucoii) dal 2018. Saranno intervistati da Franca Giansoldati, giornalista e scrittrice, con una lunga esperienza come vaticanista. Insieme ad altre giornaliste ha fondato l’agenzia APBiscom, ha lavorato all’Ansa e al Messaggero, e ha vinto numerosi premi di giornalismo: Premio internazionale Ischia, Premio Hrant Dink, Premio Valore Uomo, Premio Arti e Mestieri – Matilde di Canossa.

ORE 22.15: PENSIERI STUPENDI di e con Francesco De Carlo.

Un monologo scritto nell’ultimo anno di isolamento, solo in parte dovuto alla pandemia… e ce n’è per tutti. Francesco De Carlo, che torna a Teatri di Vita dopo un incontro al festival “Cuore d’Inghilterra” tre anni fa insieme al giornalista Federico Gatti, riflette su famiglie tradizionali e trombamici sensibili, ministri della salute e salute dei ministri, messaggi vocali e malattie veneree. E un finale sul politicamente corretto in cui non risparmia gli amici, che visualizzano i messaggi e non rispondono… Francesco De Carlo è attore comico e volto televisivo su Rai, Sky e Comedy Central (“Aggratis”, “Gli sgommati”, “Nemico pubblico”, “Comedy Central News” e “Stand Up Comedy”). Nel programma “Tutta colpa della Brexit” (4 puntate per Rai 3), che l’ha reso popolare, ha raccontato la sua storia autobiografica di comico italiano in cerca di successo a Londra. Con i suoi spettacoli si è esibito in ben 15 nazioni. Durante il lockdown ha realizzato con Francesco Lancia il programma in streaming “Tutti a casa” che si è aggiudicato il premio Videocittà Awards 2020.

MOSTRA PERMANENTE: UNA CITTÀ FUORI DAL COMUNE: fotografie di Davide Conte

Davide Conte ha inaugurato un modo nuovo di essere al tempo stesso fotografo e amministratore, raccontando su Instagram la città di Bologna e l’impegno di amministratore pubblico (come assessore al bilancio del Comune di Bologna) fondendo immagini di grande suggestione e riflessioni sul senso più genuino della “res publica”, come fossero pagine visionarie di un diario intimo/pubblico, tra politica, spiritualità e giornalismo. Al festival sono in esposizione 20 fotografie.

INSTALLAZIONE PERMANENTE: GENTILEZZA/LEGGEREZZA: installazione di Andrea Ferrato – METABOX Sensibilità Aumentata

Due parole che sembrano uscite da un’altra epoca e che sono più che mai necessarie nei nostri tempi: nell’installazione di Andrea Ferrato “Gentilezza” e “Leggerezza” sono due scatole di metallo, con le quali i visitatori sono invitati a interagire tramite un qr-code attraverso il quale possono inviare la loro idea di “gentilezza” e “leggerezza” che sarà poi pubblicata sul sito dell’artista. Il progetto è una produzione del collettivo multidisciplinare “METABOX sensibilità aumentata”.

L’arcivescovo cristiano e il presidente delle comunità islamiche

Matteo Maria Zuppi e Yassine Lafram

e “La città delle fedi”

In serata anche lo spettacolo di stand-up comedy

di Francesco De Carlo

Al festival “Cuore d’Aria”

Bologna, 8 luglio 2021