Inaugurata la nuova biblioteca di quartiere, interna alla scuola primaria Ulisse Adorni

PARMA –  E’ stata inaugurata ieri la nuova biblioteca di quartiere interna alla scuola primaria Ulisse Adorni, in via Paciaudi 1/A, realizzata con fondi stanziati nel Bilancio Partecipativo e con il contributo di Andrea Chiesi e famiglia.

Al momento hanno partecipato l’assessora all’Associazionismo e Partecipazione, Nicoletta Paci; l’assessora all’Educazione, Ines Seletti; l’assessore ai Lavori Pubblici, Michele Alinovi; l’assessore alla Cultura, Michele Guerra; la Dirigente Scolastica dell’istituto Micheli, Elisabetta Botti; i consiglieri comunali Leonardo Spadi e Cristina Di Patria; i rappresentati del CCV Parma Centro e di Manifattura Urbana.

E’ stata una grande festa condivisa con i bambini della Ulisse Adorni.

“L’inaugurazione della nuova biblioteca all’Adorni – ha precisato l’assessora all’Associazionismo e Partecipazione, Nicoletta Paci è un bel risultato che rientra fra quelli promossi con il bilancio partecipativo. Si tratta di un progetto di qualità, una struttura utile prima di tutto ai bambini, ai loro genitori ed un presidio per la città”.

L’assessora all’Educazione, Ines Seletti, ha rimarcato il valore educativo della nuova biblioteca che è anche punto di aggregazione per il quartiere.

L’assessore alla Cultura, Michele Guerra, ha ricordato come “lo studio possa essere anche un’attività divertente in spazi come quello della nuova biblioteca ed ha ringraziato i genitori che hanno collaborato alla sua realizzazione”.

L’assessore ai Lavori Pubblici, Michele Alinovi, ha ringraziato i progettisti per aver messo a disposizione le loro professionalità e la loro passione, un grazie particolare è andato alla ditta di falegnameria che ha collaborato al progetto, ai tecnici comunali ed a tutti coloro che, a vario titolo, hanno reso possibile la realizzazione della nuova biblioteca. “La biblioteca – ha concluso Alinovivuole essere uno spazio per rendere i bambini più felici e più colti”.

L’intervento è stato richiesto dal Quartiere Parma Centro, nell’ambito del progetto promosso dall’assessorato alla Partecipazione guidato da Nicoletta Paci, in collaborazione con l’assessorato ai Lavori Pubblici, guidato da Michele Alinovi, con l’assessorato all’Educazione guidato da Ines Seletti ed in sinergia con l’assessorato al Bilancio, guidato da Marco Ferretti e con l’assessorato alla Cultura, guidato da Michele Alinovi, grazie allo stanziamento di 58 mila euro da parte del Comune. Si tratta, pertanto, di uno spazio frutto della compartecipazione di diversi soggetti del territorio in cui la struttura è inserita.

La nuova biblioteca della scuola Ulisse Adorni nasce, infatti, dall’unione d’intenti che ha visto collaborare soggetti tra loro complementari, uniti dalla volontà di arricchire la scuola, e di conseguenza l’intero quartiere, di un nuovo spazio dedicato alla lettura, accessibile a tutti e, in prospettiva, adatto per ospitare attività diverse a scopo didattico. La filiera virtuosa che ha portato alla sua realizzazione ha visto il coinvolgimento del Dirigente Scolastico dell’istituto comprensivo Micheli, dei docenti, dei genitori della scuola Adorni, delle associazioni culturali Manifattura Urbana e Voglia di Leggere Ines Martorano, ed anche del CCV Parma centro e di tutti i cittadini che hanno dedicato il loro tempo alla realizzazione del progetto.

Si tratta di un percorso di vera e propria progettualità partecipata, che ha reso così concreto un intervento che si configura come un “piccolo rammendo urbano” con l’obiettivo di mostrare come sia possibile recuperare spazi dismessi o inutilizzati siti all’interno degli edifici esistenti, e restituirli alla collettività rinnovati, funzionali e con nuove prospettive di fruizione.

Il progetto ha comportato la riqualificazione di un’aula posta al primo piano della scuola,con un piano di calpestio della nuova biblioteca elevato di circa 45 centimetri dal pavimento. Lo spazio si sviluppa in modo centrifugo attorno ad un “foro” centrale che funge da “piazza di ritrovo” e allo stesso tempo da seduta circolare per favorire la compresenza tra i lettori, come in una piazza ideale. Il nuovo spazio è dotato di una pedana di abete ignifugo sopraelevata, con rampe e scalini di collegamento, arredi, compresi scaffali e sedute in sintonia con lo spazio progettato. Verrà rifatto anche il soffitto e tinteggiate le pareti.

Il team di progettisti che ha ideato lo spazio è composto dall’architetto Federico Del Santo,

ingegner Francesco Fulvi e architetto Giulia Dambrosio. Con la collaborazione di: ingegner Stefano Alfieri, archietto Sandro Del Lesto; architetto Mariaelena Busani e architetto Katarzyna Paruszewska e dall’ingegner Isabella Caiti per quanto riguarda il rispetto della nromativa antincenido. La realizzazione dell’opera è stata eseguita da: Falegnameria Ombellini, Pozzi Associati Luce, Marco Manzini (parati e pitture), Spada s.r.l. e Pirazzoli arredamenti