In piazza Matteotti, di sera, le storie delle tate del Momo

15

Per tutto luglio, nelle serate di martedì e giovedì, la piazza si accende con “Tenera è la notte” le iniziative del Centro Infanzia rivolte a bambini dai 3 agli 8 anni

MODENA – Cuscini, tappeti e occhi rapiti che guardano sul trono del piccolo castello di legno la tata del Momo raccontare magiche storie di fate, animali e miti lontani. Quando le luci del giorno si abbassano in piazza Matteotti si accendono quelle di “Tenera la notte”, un’iniziativa del Centro Infanzia Momo, uno dei servizi integrativi del Comune di Modena, che, a causa della sospensione dei servizi educativi per l’emergenza sanitaria, ha momentaneamente ripensato l’attività proponendo a bambini e famiglie iniziative all’aperto e nel rispetto delle misure di sicurezza.

In considerazione dell’alto gradimento dimostrato dalle famiglie per gli incontri che si sono susseguiti nel mese di giugno, d’intesa con il Settore Servizi educativi del comune, le iniziative proseguiranno anche durante l’estate, al pari di altri servizi come la ludoteca Strapapera.

Le operatrici del Centro Infanzia Momo i cui locali si affacciano su piazza Matteotti, hanno già predisposto una programmazione serale che porta in piazza bambini e genitori fino alla fine del mese. “Tenera la notte” è infatti una rassegna di letture serali rivolte a bambini da 3 a 8 anni accompagnati da un adulto.

Dopo il primo appuntamento con le storie della buonanotte di giovedì 9, le iniziative continueranno nelle serate di martedì e giovedì, il 14, 16, 21, 23, 28 e 30 luglio con storie sempre diverse sul cielo e le stelle, sui miti lontani, le fate, storie di terra e di mare, di animali fantastici per finire con il grande gioco del teatro dell’oca.

Tutti gli incontri si svolgono alle 21, sono gratuiti, ma per partecipare è necessario prenotare al numero telefonico 3270178265. Le attività sono gestite in conformità con le linee guida regionali e non saranno consentiti assembramenti. Nel punto di accoglienza è prevista la procedura di triage con verifica dello stato di salute, controllo della temperatura, igienizzazione delle mani e sottoscrizione del patto di corresponsabilità reciproca; per i maggiori di 6 anni è obbligatorio l’uso della mascherina.