In consiglio un minuto di silenzio ed applausi per Mirella Freni

15

Interventi del sindaco Muzzarelli e del maestro Sisillo direttore del Teatro Pavarotti, al ricordo, introdotto dal presidente Poggi, della grande artista lirica scomparsa

MODENA – Il Consiglio comunale di Modena, nella seduta di giovedì 13 febbraio, ha ricordato Mirella Freni, la grande soprano modenese scomparsa il 9 febbraio, con gli interventi del sindaco Gian Carlo Muzzarelli e del maestro Aldo Sisillo, direttore del Teatro Comunale “Luciano Pavarotti”, proiettando e applaudendo il filmato “Ciao Mirella”, realizzato da “Modena città del Belcanto”, e osservando un minuto di silenzio.

Nel suo intervento, il maestro Sisillo, ha tratteggiato passi della straordinaria carriera della Freni, che ha collaborato con i più grandi direttori come von Karajan, Abbado e Muti e con registi come Zeffirelli e Strehler, e il suo legame strettissimo con Modena e il suo teatro. “Sempre all’insegna – ha spiegato Sisillo – di un approccio fondato su concretezza (e sul sapere dire anche dei no senza cedere a lusinghe), sul grande talento creativo, e sulla determinazione e il senso dell’impegno nello studio e nel lavoro, caratteristiche emblematiche anche della città che sentiva ‘casa sua’. Non è mai arrivata impreparata – ha proseguito il direttore del Teatro – approfondiva sempre al massimo la conoscenza dell’opera che doveva affrontare, come insegnava ai suoi allievi. Aveva fama di “dura”, ma era innanzitutto sincera, mettendo in guardia i giovani dal rincorrere una carriera facile per prepararsi a un mestiere difficile. È sulla scia del suo esempio – ha concluso Sisillo tra gli applausi dei consiglieri comunali – e su quello delle carriere di Pavarotti, Ghiaurov e Raina Kabaivanska, che con il progetto ‘Modena città del Belcanto’, continueremo a onorarne il talento, il suo valore nel mondo e l’esempio di vita”.

Il minuto di silenzio è stato introdotto dal presidente del Consiglio Fabio Poggi, che ha ricordato che la Freni “da tanti definita la ‘voce perfetta’, aveva un grande talento naturale, curato e valorizzato con lo studio. Riusciva – ha aggiunto Poggi – a far diventare facili anche le cose più difficili, sia quando cantava che quando insegnava, quasi incarnando il motto della città ‘Avia Pervia’, Quello di oggi – ha spiegato il presidente – è soltanto un tributo, in attesa di celebrare in modo più approfondito Mirella in un Consiglio comunale dedicato a lei”.

Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, che ai funerali in Duomo l’aveva ricordata all’80° compleanno al Comunale “orgogliosissima e ancora piena di passione” sottolineandone “la forza magica che ha emozionato i teatri di tutto il mondo”, ha tornato a sottolinearne la modenesità della Freni: “Oggi il Consiglio ricorda una voce splendida di Modena, una donna, una soprano di fama internazionale e maestra di canto, e, permettetemi il ricordo personale, una vera amica, che ha portato a testa alta il nome della nostra città nel mondo e l’ha fatto risuonare degli applausi tributati alla sua arte straordinaria”. Soffermandosi sulla volontà di ricordare adeguatamente la grande soprano il sindaco ha precisato: “ho letto tante ipotesi in questi giorni, ma quello che è certo è che decideremo, anche ascoltando la città, la migliore soluzione per ricordarla ed esprimere la nostra gratitudine. Lei, diva con i piedi a Modena e i colori gialloblu nel cuore, abiterà ancora con noi, qui dove è nata e ha scelto di vivere, qui dove ha dato tanto e ha insegnato a talenti dal mondo, facendo della nostra città un centro internazionale per l’alta formazione lirica in cui vogliamo portare avanti il suo lavoro verso i giovani, per raccogliere i semi da lei piantati”.