“Il nazionalismo russo dall’impero zarista a Putin”

26

Giovedì 16 maggio in Galleria Europa il seminario con Giovanni Savino che conclude un ciclo di incontri sui nazionalismi europei

MODENA – “Il nazionalismo russo tra passato e presente. Dall’impero zarista a Vladimir Putin”. È il tema del seminario con il professor Giovanni Savino, dell’Università Federico II di Napoli, in programma giovedì 16 maggio alle 15.45 alla Galleria Europa, in piazza Grande a Modena.

L’incontro, aperto a tutti, conclude il ciclo di appuntamenti “Da Belfast a Budapest: la lunga storia dei nazionalismi europei nell’età contemporanea” promosso dal Dipartimento di Studi linguistici e culturali, dall’Istituto storico di Modena, dal Comitato per la storia e le memorie del Novecento e da Europe Direct Modena. Organizzazione scientifica a cura di Lorenzo Bertucelli e Deborah Paci.

Fenomeno complesso e articolato, il nazionalismo russo come movimento politico – spiegano gli organizzatori – attraversa il Novecento e i suoi sconvolgimenti epocali per mutare di volta in volta aspetto e struttura, restando però fedele ad alcuni principi basilari: il primato del popolo russo all’interno di una società multietnica; il rapporto con l’eredità imperiale; la necessità di una politica di potenza a livello globale e, infine, la rivendicazione di uno Stato forte, in cui la partecipazione popolare appare limitata o sacrificata rispetto alle esigenze del potere. L’analisi del percorso storico del nazionalismo russo consente di comprendere quali immagini e parole d’ordine vengono utilizzate nella Russia contemporanea, con particolare attenzione al conflitto in Ucraina.