Il Grembo Paterno, la scrittrice Chiara Gamberale incontra il pubblico e presenta il suo ultimo romanzo. Giovedì 13 gennaio al Ridotto del Regio

7

Giovedì 13 gennaio, alle 16, al Ridotto del Teatro Regio

PARMA – Giovedì 13 gennaio, alle 16, al Ridotto del Teatro Regio, la scrittrice Chiara Gamberale incontrerà il pubblico e presenterà il suo ultimo romanzo, “Il grembo paterno” (Feltrinelli Editore), in dialogo con la giornalista Alessandra Tedesco.

L’incontro è organizzato dall’assessorato alla Cultura e laFeltrinelli nell’ambito della rassegna “Racconti di Natale” a cura delle Biblioteche del Comune di Parma, con Fondazione Teatro Regio e in collaborazione con la Cooperativa Le Pagine.

Per partecipare all’evento, organizzato in ottemperanza alle disposizioni vigenti ai fini del contenimento della diffusione del contagio del virus COVID-19, è obbligatoria la prenotazione su eventbrite.it, che sarà possibile a partire dal 3 gennaio 2022.

L’accesso all’evento è consentito esclusivamente agli spettatori muniti di Certificazione Verde da avvenuta vaccinazione o guarigione (Green Pass Rafforzato) in corso di validità. Inoltre i partecipanti dovranno indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2.

Con “Il grembo paterno”, pubblicato nell’autunno 2021, Chiara Gamberale indaga l’origine delle domande sull’amore di ciascuno: Dov’è che impariamo ad amare? Com’è che ci si ammala dentro, com’è che si guarisce?

<<Nel corso di una notte fatale, che segnerà per sempre il destino di tutti, Adele, abbracciata a Frida, sua figlia, torna come in un sogno al paese di provincia dove è nata, marchiata da un soprannome, Senzaniente, che è pesato sulla sua famiglia perfino dopo che il padre, Rocco, ha sfidato la miseria e conquistato il benessere.

La storia fra Adele e Nicola, il pediatra di Frida – l’uomo di cui si è innamorata e con cui l’intesa inizia a vacillare – s’intreccia allora alla storia di Adele e suo padre, in una spola sempre più serrata fra passato e presente, dove quello che ci è stato tolto quand’eravamo bambini rischia di diventare l’unica misura di quello che chiederemo al mondo. Mentre nessuno dei personaggi indimenticabili di questo romanzo riesce a tenere stretto quello che è convinto di desiderare, l’intrinseca violenza delle relazioni si mescola alla loro intrinseca dolcezza. E una televisione sempre accesa si prende gioco dello sforzo di tutto di credere alla proprio esistenza>>.

Chiara Gamberale è nata nel 1977 a Roma, dove vive. Con Feltrinelli ha pubblicato Per dieci minuti (2013), Adesso (2015), le nuove edizioni de La zona cieca (premio Campiello Giuria dei letterati 2008) e dell’opera d’esordio Una vita sottile (1999; 2018), L’isola dell’abbandono (2019). Ha scritto, fra gli altri, Le luci nelle case degli altri (2010) e Qualcosa (2017). I suoi libri sono tradotti in sedici paesi. È autrice e conduttrice di programmi televisivi, radiofonici, come Io, Chiara e L’Oscuro, e del podcast Gli Slegati. Collabora con La Stampa, 7 Corriere della Sera e Donna Moderna. Ha ideato e dirige il Festival Procida Racconta.