Il Comune di Ferrara sostiene le famiglie indigenti assegnando 30mila euro al Centro di Solidarietà Carità

14

Sul territorio circa 6mila persone assistite

FERRARA – Continuare a sostenere le famiglie in grave stato di indigenza residenti sul territorio, alle quali nel corso dell’anno sono stati distribuiti quasi 550mila chili di generi alimentari. Sulla base di questo intendimento, l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Ferrara ha confermato anche per l’annualità 2023 un contributo di 30mila euro al Centro di Solidarietà Carità, che assiste direttamente quasi 200 nuclei familiari e distribuisce alimenti a circa 30 associazioni del Terzo Settore che operano nel contrasto alla povertà estrema. Con questo contributo, strutturato anche nel Piano di Zona, il Centro di Solidarietà Carità potrà rispondere concretamente e continuativamente alle esigenze di circa 6mila persone.

“Sostegno pieno ed incondizionatospiega l’assessore comunale alle Politiche Sociali Cristina Coletti a tutte le realtà associazionistiche che mostrano lodevole impegno per aiutare i cittadini più fragili. Riconosciamo un contributo di 30mila euro nei confronti del Centro Solidarietà Carità, che per tante famiglie bisognose del territorio rappresenta la certezza di un pasto dignitoso e il conforto in un momento della vita complicato. Negli ultimi 4 anni, la pandemia e i fattori economici quali aumento dei costi energetici e inflazione hanno provocato preoccupanti difficoltà anche a persone che non avevano mai vissuto situazioni di disagio, e per questo non abituate a chiedere aiuto. Come Amministrazione continueremo a non smettere di cercare le soluzioni atte a dare risposte ai bisogni della popolazione in stato di fragilità, schierandoci dalla parte di quelle realtà come il Centro di Solidarietà e Carità che hanno sempre affrontato le situazioni con umanità”.

Nell’attività di assistenza l’associazione con sede in via Trenti può contare sulle forze di 70 volontari, fra i quali figurano anche circa 30 studenti universitari. Oltre a raccogliere e consegnare generi alimentari la distribuzione riguarda anche i farmaci. Le famiglie assistite direttamente dal Centro di Solidarietà Carità vengono raggiunte presso il proprio domicilio dagli operatori con un pacco alimentare. Per quanto riguarda il territorio comunale questa tipologia di nuclei bisognosi sono quasi 200, composti complessivamente da circa 700 persone.

Una volta al mese inoltre i volontari riforniscono con alimenti e farmaci circa 30 associazioni del Terzo Settore che realizzano l’attività assistenziale sul territorio.

Con il contributo comunale il Centro di Solidarietà Carità ha potuto fronteggiare anche la gestione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, che si è tenuta lo scorso 18 novembre in 40 punti vendita della città. Circa 1300 i volontari scesi in campo a livello provinciale in quella circostanza.