Il 5 febbraio webinar sulle “digital bubbles” con Ophelia Deroy

18

Alle 17 su Zoom. La docente di Filosofia della mente alla Ludwig Maximilian University di Monaco protagonista del terzo appuntamento del ciclo di webinar organizzato dal Laboratorio Interdipartimentale Neuroscience & Humanities dell’Università di Parma

PARMA – Si parlerà delle “digital bubbles” nel terzo appuntamento del ciclo di webinar Screens and the digital mediascape (in Pandemic times) – Schermi e ambiente mediatico digitale (ai tempi della Pandemia), organizzato dal Laboratorio Interdipartimentale Neuroscience & Humanities dell’Università di Parma.

Protagonista del webinar, in programma per venerdì 5 febbraio alle 17 sulla piattaforma Zoom, sarà Ophelia Deroy, docente di Filosofia della mente alla Ludwig Maximilian University di Monaco di Baviera, che interverrà sul tema Why digital bubbles are a necessary part of the world.

«Le cosiddette “bolle dell’informazione” – dove, come ha detto l’ex presidente Obama, viviamo e pensiamo “circondati da persone che ci assomigliano e condividono la stessa visione politica” – sono oggetto di pesanti critiche. La metafora della bolla, come altri slogan, potrebbe essere fuorviante: condividere le stesse informazioni con altri non ci fa necessariamente galleggiare, isolati, nel nulla. Ci permette di sentirci radicati in una realtà condivisa. Nel mio intervento – spiega Ophelia Deroyvoglio distinguere due effetti delle bolle: condividere l’attenzione e condividere prospettive o atteggiamenti. Il web beneficia chiaramente del primo effetto, e dovremmo essere cauti prima di condannare il secondo».

Ophelia Deroy ha la cattedra di Filosofia della mente alla Ludwig Maximilian University di Monaco di Baviera. È l’ex vice-direttrice dell’Istituto di Filosofia dell’Università di Londra, dove ha anche ricoperto una posizione di ricerca. È specializzata in filosofia della mente e neuroscienze cognitive, e ha ampiamente pubblicato su questioni relative alla percezione multisensoriale e alle interazioni sociali, sia in riviste filosofiche che scientifiche.

È un’attiva promotrice e un’importante sostenitrice di connessioni più forti tra gli approcci filosofici e scientifici alla mente. Il suo lavoro è frequentemente citato in giornali internazionali, ed è regolarmente consultata da istituzioni e media per quanto riguarda la rilevanza della filosofia nei dibattiti scientifici.

Per partecipare al webinar: link https://us02web.zoom.us/j/84132647415, ID riunione: 841 3264 7415

Il ciclo di webinar, in programma fino a metà aprile, si compone di 8 appuntamenti aperti a tutti su Zoom con esperti di rilievo internazionale, con l’obiettivo di scandagliare argomenti di commistione tra le neuroscienze e le scienze umane. I media digitali e le pratiche sociali da essi promosse stanno cambiando la nostra relazione con il mondo, introducendo dimensioni nuove e scarsamente esplorate che richiedono nuove concettualizzazioni e indagini empiriche. Questa serie di webinar mira a gettare nuova luce sugli schermi digitali e sul loro impatto sulle nostre vite e società, adottando un approccio multidisciplinare con l’aiuto di alcuni dei migliori esperti internazionali su queste tematiche.