Il 24 novembre al via Visioni Urbane

0

Al Nuovo Cinema Nosadella la prima serata, in sala Stefano Pesce e Enza Negroni con i loro film

BOLOGNA – È tutto pronto per la terza edizione di Visioni Urbane, il festival di cinema indipendente, che arriva finalmente in sala: appuntamento per il taglio del nastro giovedì 24 novembre alle ore 20.30, presso il Nuovo Cinema Nosadella di Bologna (Via Lodovico Berti 2/7), con due ospiti di eccezione e i loro film sul grande schermo, l’attore Stefano Pesce presenta il suo primo lavoro “Tre Visi” e la regista Enza Negroni introdurrà “Italicus. La verità negata”. Gli autori bolognesi saranno in sala per incontrare il pubblico, insieme al prof. Roberto Guglielmi, il produttore Luca De Donatis e alcuni allievi del corso DOC del Liceo L. Bassi di Bologna. L’evento è a ingresso gratuito.

Sarà possibile vedere tutti i film in concorso online sulla piattaforma streaming https://www.visioniurbane.stream/ (realizzata in collaborazione con OpenDDB Distribuzione dal Basso), tramite una semplice registrazione, dalle ore 17 di giovedì 24 novembre, a tutte le ore durante le giornate del festival, fino alla mezzanotte del 4 dicembre.

Il festival Visioni Urbane continua fino a domenica 27 novembre, quando saranno premiati i vincitori tra i 65 cortometraggi internazionali in gara: l’appuntamento per la serata di cerimonia è ancora al Nuovo Cinema Nosadella, dalle ore 21 con i film premiati in sala.

La rassegna – promossa dall’associazione City Space Architecture, curata da Luisa Bravo – indaga la complessità della dimensione contemporanea della città, ed è parte del progetto europeo A-Place. Linking places through networked artistic practices, co-finanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea – www-a-place.eu.

Per la prima serata in sala, arriva sul grande schermo, aperto a tutti, il film Tre Visi di Stefano Pesce (2021), prodotto da Bartleby Film e Offi-cine Veneto, un ritratto della città di Treviso attraverso una storia che transita nel tempo grazie alla presenza di tre donne, prima prova da regista dell’attore bolognese. Protagonista Ella, una ragazza tedesca, mandata in città dalla madre per visitare la nonna Gemma malata, che scopre come l’anziana donna è sparita dall’ospedale in cui era ricoverata. Come attore, Stefano Pesce inizia dal teatro per poi essere volto in noti film come ‘Da Zero a Dieci’ di Luciano Ligabue, ‘Ma Che Colpa Abbiamo Noi’ di Carlo Verdone o nelle serie ‘Ris’, ‘Distretto di Polizia’, ‘Coliandro’, nella commedia di Alessandro Siani ‘Il Giorno Più Bello del Mondo’, nel film ‘Diabolik’ e molte altre partecipazioni.

Nel 2021, Pesce è protagonista nella docufiction ‘Italicus. La Verità Negata’ di Enza Negroni, che arriva in sala successivamente. Prodotto da Video Magazine, è realizzato dal corso DOC del Liceo Laura Bassi di Bologna, coordinati da Roberto Guglielmi, che hanno scritto la sceneggiatura, realizzato le interviste, redatto un libro con la giornalista Antonella Beccaria e affiancato i professionisti sul set. Nel cast anche Miriam Previati, insieme a Maurizio Cardillo, Lorenzo Ansaloni, Lucia Lanzarini, Armando Comini e Enrico Baraldi. Il film riporta alla notte dell’attentato tra il 3 e 4 agosto 1974, rimasto senza colpevoli, attraverso il racconto intrecciato delle vicende che riguardano personaggi di finzione, alternato ad interviste ai reali protagonisti della vicenda. Lunga la produzione cinematografica di Enza Negroni, regista tra gli altri di “Jack Frusciante é uscito dal gruppo” nel 1996, “Lo chiamavano Vicky” su Pier Vittorio Tondelli, “La storia quasi vera di Stefano Benni” con il celebre scrittore, “Uno Bianca – Mirare allo Stato” e “Berlino Est Ovest” con Manuel Agnelli.

Saranno presenti in sala la regista Negroni, il protagonista Pesce, con il prof. Guglielmi, il produttore Luca De Donatis e alcuni allievi del corso DOC del Liceo L. Bassi di Bologna, che racconteranno l’opera di produzione del film.

Durante la rassegna, gli appuntamenti continuano anche presso il Museo Spazio Pubblico (via Curiel 13/d, Bologna), sempre a ingresso gratuito: venerdì 25 e sabato 26 novembre, saranno proiettati i cortometraggi in concorso, dalle 21 alle 23. Inoltre, venerdì 25 novembre, alle ore 18.30, ci sarà la proiezione di Gionatan con la G, di Gianluca Santoni (2016), alla presenza del regista; mentre sabato 26 alle 18.30 sarà invece presentato il film Terre Mutate di Alessandro Marinelli (2022), con il regista ospite.

Le proiezioni speciali proseguono anche in streaming sulla piattaforma di Visioni Urbane: da giovedì 24 novembre sarà presentato online il progetto Good Hood Stories dal Sud Africa, con l’intervista a Rashiq Fataar di Our Future Cities, organizzazione no-profit di Cape Town che lavora per la sostenibilità e il futuro delle città africane.

Per tutti gli eventi online è prevista una diretta in live streaming sui canali Facebook e Youtube di City Space Architecture, come su quello Facebook di Visioni Urbane.