Il 20 novembre si celebra la Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

10
15 11 2021 – Seletti

Iniziative messe in campo dai Servizi Educativi del Comune

PARMA – Il prossimo 20 novembre viene celebrata la Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

L’Assessorato all’Educazione ed Innovazione Tecnologica del Comune di Parma vuole ricordare, in sintesi, i principi sanciti nella Convenzione dei Diritti fondamentali del 1989 adottata dall’Onu, che per prima ha riconosciuto i bambini come aventi diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici e che l’Italia ha ratificato, trent’anni fa nel 1991. “Ogni bambino ha diritto a vivere la propria infanzia serenamente e proiettarsi nel futuro. Deve essere educato all’accettazione dell’altro indipendentemente dal colore, dal sesso, dalla religione, dalla disabilità. La famiglia e la scuola devono collaborare affinché gli atteggiamenti di disuguaglianza non prendano il sopravvento La diversità deve essere una ricchezza e non una limitazione. Il sapere rende liberi. Tutti i bambini hanno diritto a un’istruzione, con maggiore attenzione per quelli in difficoltà. Perché tutti possano raggiungere gli stessi traguardi”.

Ne hanno parlato nella mattinata di lunedì 15 novembre, durante la conferenza stampa di presentazione, Ines Seletti, Assessora ai Servizi Educativi del Comune di Parma; Lisa Bertolini, Responsabile della Struttura Operativa Nidi d’Infanzia del Comune e Ivonne Coruzzi, Responsabile della Struttura Operativa Scuole d’Infanzia del Comune.

“Inizia per noi una settimana particolarmente significativa – ha affermato l’Assessora Ines Seletti – partendo proprio dalla Giornata internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza che si celebra il 20 novembre. Abbiamo organizzato una serie di iniziative per sensibilizzare le famiglie, e la comunità, sull’importanza di questo momento”.

Nel corso della conferenza sono stati presentati i nuovi loghi di Nidi e Scuole d’Infanzia, realizzati dai bambini che li hanno creati, assieme a educatori e insegnanti, coadiuvati da un grafico. Una novità che li ha visti protagonisti di un percorso, che ha valorizzato le loro competenze e la loro creatività. I nuovi loghi sono particolarmente accattivanti e verranno utilizzati dai nidi e delle scuole di infanzia come immagini identificative.

Dal 15 al 20 novembre all’interno dei Nidi, delle Scuole d’Infanzia e dei Servizi 06 per i bambini e le famiglie, con il coinvolgimento del personale educativo, saranno proposte occasioni di riflessione e di percorsi progettuali.

Nel pomeriggio di lunedì 15 novembre è in programma l’incontro di aggiornamento che si terrà nell’Aula Magna Università di Parma. Sarà l’occasione per presentare il libro “Pinocchio e Yamin” iniziativa realizzata in collaborazione con la Fondazione Carlo Collodi. Per celebrare la giornata dei Diritti sono state predisposte una locandina ed una cartolina con un QR Code che consentirà al personale e alle famiglie di accedere alle videoletture di testi per l’infanzia, realizzate al Teatro Regio all’interno del programma degli eventi “Cultura è democrazia”. L’iniziativa è stata organizzata dal Comune di Parma, nell’ambito di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020-21, e si articola nella settimana dal 15 al 19 novembre, mettendo a fuoco il presente e futuro del Myanmar e della democrazia, in una dimensione internazionale. Il video è disponibile su Canale YouTube del Comune di Parma al seguente link: https://youtu.be/Dczh6gooMo0

Con il Comune di Parma sono coinvolti l’Associazione per l’Associazione per l’Amicizia Italia Birmania Giuseppe Malpeli, l’Istituto Alcide Cervi, l’Università di Parma, le scuole, diverse istituzioni e associazioni oltre alla Comunità birmana in Italia.

I testi letti sono di Thant Zin Soe, scrittore per l’infanzia e attivista per la democrazia in Myanmar; l’autore ha scelto di scrivere storie per bambini come solida missione educativa, convinto che, attraverso di esse, sia possibile veicolare valori fondamentali quali la pace, la non violenza, la solidarietà, l’aiuto reciproco e la collaborazione. Sarà un modo per avere a disposizione dei libri, strumenti indispensabili per una crescita culturale e per sviluppare il pensiero critico.

Thant Zin Soe pubblica le sue storie grazie alla Casa Editrice Third Story Project di cui è cofondatore. Molti dei libri pubblicati dalla casa editrice si possono “scaricare” dal sito www.thirdstoryproject.com. Inoltre, nella sezione dei libri in inglese, si trova una guida didattica per insegnanti in cui sono indicate delle modalità pratiche di uso delle storie.