I tablet della scuola arrivano a casa con i volontari

13

Alle famiglie impossibilitate ad uscire Croce Blu ha portato a domicilio i dispositivi mobili acquistati dall’Istituto comprensivo 8 per accedere alla didattica a distanza

MODENA – Non solo farmaci e spesa alimentare. Anche i tablet sono arrivati direttamente a domicilio grazie ai volontari di Croce Blu e con la collaborazione del settore Istruzione del Comune.

I dispositivi mobili fanno parte dei 40 tablet acquistati dall’Istituto Comprensivo 8 con i Fondi del “Decreto Ministeriale 26 marzo 2020, Risorse per piattaforme e strumenti digitali, dispositivi digitali e connettività di rete” e destinati quindi a sostenere gli studenti di famiglie meno abbienti nei percorsi di apprendimento a distanza.

È evidente infatti quanto, in una fase in cui l’unica didattica possibile è quella a distanza, la mancanza di dotazioni e connessioni digitali rischi di penalizzare maggiormente gli alunni e famiglie già in difficoltà che dispongono tutt’al più dello smartphone.

In occasione dell’incontro periodico di assessora e tecnici del settore con i dirigenti degli Istituti comprensivi, era emersa la difficoltà di alcune famiglie particolarmente fragili ad uscire di casa per recarsi presso la scuola a ritirare il tablet messo a disposizione dalla scuola. È nata quindi l’idea di coinvolgere Croce Blu, dove per altro da alcune settimane due autisti di bus scolastici in forza all’amministrazione comunale, in mancanza di studenti da accompagnare a scuola, sono impegnati nella consegna di pasti e farmaci ad anziani soli segnalati dai Servizi sociali.

Nella giornata di mercoledì 29 aprile i volontari hanno consegnato a casa di 17 alunni della scuola secondaria Paoli e delle scuole primarie De Amicis e San Giovanni Bosco i tablet con cui potranno usufruire al meglio delle piattaforme on line utilizzate dai loro docenti per la didattica.