“I musicanti di Brema” di Ilario Fioravanti arrederanno le Tre piazze

4

Il Comune e la Regione al lavoro per il centenario dalla nascita dell’architetto e scultore cesenate

CESENA – Al centro la favola, l’arte e la valorizzazione culturale di uno dei più grandi esponenti dell’architettura e della scultura cesenate. Alla conclusione dei lavori di riqualificazione architettonica e funzionale di Piazza Almerici, Piazza Bufalini, Piazza Fabbri e Vicolo Masini, in prossimità di Palazzo Almerici sarà collocata un’opera di notevole pregio artistico realizzata dall’architetto e scultore Ilario Fioravanti. Si tratta della scultura in bronzo appoggiata su una base, dello stesso materiale, che riproduce fedelmente “I musicanti di Brema”.

La statua in bronzo, che raffigura i personaggi di una nota fiaba dei Fratelli Grimm, arrederà con eleganza le Tre Piazze e sarà collocata proprio tra il Palazzo del Ridotto e Palazzo Almerici, quest’ultimo costruito su progetto dell’architetto Fioravanti negli anni ’60 in sostituzione del precedente edificio.

“Il collocamento di questa importante opera d’arte – commenta il Sindaco Enzo Lattuca – rientra nell’ambito dei lavori di riqualificazione architettonica e funzionale delle tre piazze e all’interno dello stesso quadro economico. Nella nostra città sono già presenti opere di Ilario Fioravanti, apprezzato architetto e scultore cesenate a cui tutti noi dobbiamo tantissimo. Penso ad esempio al Cristo Risorto e alla Madonna con bambino posizionate all’ingresso del Cimitero Urbano e al Monumento ai caduti per la Resistenza in Viale Giosuè Carducci. Fioravanti continua ad affascinare l’Italia, che l’ha conosciuto grazie alle storiche esposizioni che dal secondo dopoguerra alla sua scomparsa ne hanno diffuso la grandezza, ma a Cesena vive soprattutto in centro storico dove, proprio in Piazza Almerici, lui stesso aveva proposto di posizionare una delle sue sculture più eleganti, ‘I musicanti di Brema’, che sta a significare il riscatto, il coraggio e la possibilità di realizzare i propri sogni. A questo proposito, ringrazio l’Associazione ‘Benigno Zaccagnini’ per aver rinnovato questa proposta nel 2017”.

“L’opera di Fioravanti – commenta l’Assessore alla Cultura Carlo Verona – trova in piazza Almerici giusta collocazione. Come dimostrato dagli stessi studi preparatori di Palazzo Almerici e come racconta la moglie Adele Briani, che ringraziamo, Fioravanti aveva pensato a un gruppo scultoreo proprio qui, nelle tre piazze, all’ingresso della Biblioteca Malatestiana e nel cuore del centro cittadino di Cesena. Il 2022 sarà un anno importante per la storia di questo maestro dell’architettura e della scultura, per questa ragione siamo al lavoro per la definizione di una serie di eventi atti a celebrare la sua figura e ad approfondire la sua tecnica di architetto ma anche di disegnatore, incisore e scultore. Cesena, con i Comuni di Sogliano, Roncofreddo, Savignano sul Rubicone, Longiano, Bagno di Romagna, Mercato Saraceno e la Regione Emilia-Romagna, presenteranno una programmazione unica che partirà proprio dalla Casa dell’Upupa di Sorrivoli acquistata negli anni ’60 da Ilario Fioravanti per crearvi il rifugio per sé e per le sue opere”.

Nel gennaio 2017, a seguito di un sondaggio promosso dall’Amministrazione comunale e che coinvolgeva i cesenati sul futuro assetto delle “tre piazze”, alcuni cittadini e l’Associazione “Benigno Zaccagnini” avanzarono la proposta di arricchire la riqualificazione dell’area, vero e proprio ingresso alla Biblioteca Malatestiana, con due opere dell’architetto Ilario Fioravanti da posizionare ai piedi del Palazzo Almerici, una delle espressioni più significative del Fioravanti architetto.