I canti di Leopardi protagonisti oggi in Villa Marconi a Cattolica “Che fai tu luna in ciel? Dimmi, che fai?”

CattolicaVenerdì 10 agosto incontro organizzato dall’Assessorato alla Cultura/Biblioteca Comunale. Protagonista l’attore Pietro Conversano accompagnato da Pamela Lucciarini, voce e spinetta e da Giacomo Bartolucci alle percussioni. L’assessore Antonioli: “La collaborazione con la famiglia Vanni-Pesaresi grande senso di attenzione verso la crescita culturale della nostra cittadina”

CATTOLICA (RN) – Venerdì 10 agosto alle ore 21.15 nella splendida cornice del giardino di Villa Marconi (via Verdi 1/A Cattolica) l’Assessorato alla Cultura del Comune di Cattolica/Biblioteca Comunale presenta “Che fai tu luna in ciel? Dimmi, che fai?” I canti lunari di Giacomo Leopardi, con la partecipazione dell’attore Pietro Conversano accompagnato da Pamela Lucciarini, voce e spinetta e da Giacomo Bartolucci percussioni.

L’evento, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, si lega al progetto di promozione alla lettura che Assessorato e Biblioteca propongono per coinvolgere il pubblico in quel momento magico che è la lettura ad alta voce: leggere davanti ad un pubblico per aprire un varco dentro l’esperienza solitaria della lettura di un libro o una poesia e disporsi alla condivisione di un incontro straordinario. A tutti gli ospiti, inoltre, verrà offerto dall’azienda vitivinicola “TerraCruda” un brindisi di benvenuto.

“Mi piace sottolineare questa sensibilità – commenta l’assessore Valeria Antonioli – dimostrata dalla famiglia Vanni-Pesaresi nel concedere l’utilizzo di Villa Marconi ai fini di questa iniziativa poetica con l’auspicio di instaurare una proficua collaborazione futura. Lo stesso vale, per la cereria Terenzi che per l’occasione ha offerto i suoi prodotti per una illuminazione artistica che valorizza ancor di più la Villa e per l’azienda “TerraCruda” che ci farà degustare i propri vini. Sono esempi di partecipazione attiva che fanno bene alla cittadinanza. Un momento di arricchimento culturale che per la collettività. Unendoci tra cittadini, ognuno secondo le proprie possibilità, riusciamo a realizzare progetti importanti.”

LA VILLA MARCONI. L’edificio si affaccia, nelle parte del Lungomare Rasi Spinelli verso il Porto, su una delle più belle vedute di Cattolica sull’Adriatico e il suo splendido giardino favoleggia di serene scorribande estive quando il giovane Guglielmo vi soggiornava presso lo zio Luigi già elaborando alcuni importanti esperimenti che in seguito rivoluzioneranno il mondo della comunicazione. La villa infatti, costruita all’inizio del 1880 ad opera di Giuseppe Majani, venne inaugurata nel 1888 e destinata a Letizia Majani, sposa di Luigi Marconi, zio di Guglielmo. Divenuta proprietà del Colonnello Stampacchia alla vigilia della Seconda Guerra mondiale, nel 1950 fu acquistata da Bruno Vanni da cui la ereditarono Brunella Venerandi e Maria Cristina Vanni.