“Him” di Fanny&Alexander dal 7 al 9 ottobre a Teatri di Vita

18

BOLOGNA – La gioiosa favola del Mago di Oz in rotta di collisione con le ombre della dittatura nazista; il protagonista trasformato in direttore d’orchestra che interpreta tutti i personaggi… Con la straordinaria performance di Marco Cavalcoli, trasformato nell’icona vivente della celebre scultura di Maurizio Cattelan, torna sulle scene per pochi giorni lo stupefacente “Him” di Fanny & Alexander, nell’ambito del progetto speciale “30F&A! Trent’anni di Fanny & Alexander”, con la drammaturgia di Chiara Lagani e la regia di Luigi De Angelis. L’appuntamento è da venerdì 7 a domenica 9 ottobre a Teatri di Vita (via Emilia Ponente 485, Bologna; tel. 333.4666333; teatridivita.it), venerdì e domenica ore 21, sabato ore 20.

L’evento è all’interno della stagione “Get up! Stand up!”, realizzata con il contributo del Comune di Bologna, della Regione Emilia Romagna, del Ministero della Cultura.

Uno degli spettacoli più folgoranti, arguti, virtuosistici e godibili della storia di Fanny & Alexander, che festeggia in diversi teatri bolognesi i suoi primi 30 anni di vita. Him è l’impetuosa e ironica cavalcata di una voce che si moltiplica, attraversando il film Il mago di Oz, trasformando il Mago ciarlatano con le fattezze e l’impudenza dell’Hitler inginocchiato di Maurizio Cattelan.

Al termine del Mago di Oz Dorothy scopre che il grande mago è in realtà un impostore e un vero artista: un ventriloquo, esperto d’aria e mongolfiere, di illusioni e altre cose inesistenti. Dalle suggestioni scaturite dalla figura di questo demiurgo di un universo fittizio, nasce l’idea di uno spettacolo che cala l’intero pubblico nella fascinazione ingannevole del ‘mago’, che diventa un piccolo dittatore-direttore d’orchestra, che esegue da solo il doppiaggio di tutto il film di Victor Fleming del 1939, arrogandosi tutti i ruoli e l’intero audio: voci, musiche, suoni e rumori, con uno strabiliante effetto di sorpresa e divertimento. Un’esilarante miscela performativa che da un lato esalta il susseguirsi della narrazione del film, dei colpi di scena, delle battute, mentre dall’altro vi aggiunge la vitalità che è caratteristica dei modi e dei ritmi propri del teatro.

Marco Cavalcoli, che per questa interpretazione ha ottenuto la nomination ai Premi Ubu, è uno degli attori icona di Fanny & Alexander, con cui ha lavorato in numerosi spettacoli dei cicli Ada. Cronaca familiare (2003-2005)OZ, e ancora in Discorso Grigio, To be or not to be Roger Bernat, SMER. The riot of seduction. Ha lavorato anche con Teatrino Clandestino e Lisa Ferlazzo Natoli. Nel 2017 ha dato voce al romanzo Arancia Meccanica di Anthony Burgess, trasmesso integralmente da Radio3 all’interno di Ad alta voce.

Il mago di Oz in versione Führer (di Cattelan)

Ritorna la sorprendente versione della favola

secondo Fanny & Alexander

nel trentennale della compagnia

A Teatri di Vita, Bologna, 7-9 ottobre