GLI ALTRI di e con Kepler-452 anteprima nazionale 1 e 2 maggio 2021

27

BOLOGNA – Sabato 1 maggio 2021 riparte con un’anteprima della compagnia Kepler-452 la seconda parte della stagione teatrale Agorà, alle 18.30 (e in replica domenica 2 maggio alla stessa ora) sul palcoscenico del Teatro La Casa del Popolo (via G. Matteotti, 150) di Castello d’Argile (Bo).

Così la direttrice artistica Elena di Gioia : “Siamo particolarmente felici che la stagione teatrale Agorà, interrotta per tanti mesi a causa delle restrizioni Covid-19, possa ripartire, secondo precise norme di sicurezza, già in questo maggio, mese di ripresa di attività culturali, sociali e economiche. Il teatro e la cultura in generale rappresentano un settore produttivo fondamentale per la crescita e la socializzazione della nostra collettività”.

Così Belinda Gottardi Cultura, Pari opportunità, Promozione del Territorio – Unione Reno Galliera. ”E’ un momento che abbiamo atteso a lungo: riaprire i Teatri e ridare voce alla relazione tra artisti e pubblico. In questi anni, stagione dopo stagione, Agorà ha costruito nel territorio una comunità sempre più numerosa in cui si ritrovano artisti e pubblico. Ripartire con appuntamenti di grande qualità è anche un modo per sostenere chi opera nel mondo del teatro, che per tanto tempo non ha lavorato, privo spesso di garanzie. E’ una riapertura con un forte senso anche simbolico perché ci permette di riprendere relazioni interrotte dal Covid-19. Il teatro ha senso se siamo di nuovo insieme, artisti e spettatori”.

Per la riapertura di Agorà, la compagnia bolognese presenta in anteprima nazionale il loro ultimo lavoro Gli Altri – Indagine sui nuovissimi mostri, con la regia di Nicola Borghesi e la drammaturgia di Riccardo Tabilio.

Focus del nuovo lavoro di Kepler-452 è il linguaggio web e dei social media; la compagnia bolognese mette in scena una personalissima indagine teatrale sui “nuovissimi mostri”, ovvero coloro che, nascondendosi dietro lo schermo di un computer, deridono e insultano, fomentando così l’odio sul web. “In scena” – precisano i Kepler “racconteremo, in un reportage teatrale, gli esiti di questa indagine, di questi incontri, di questi momenti di vita che hanno il desiderio di andare oltre il giusto sgomento e spingersi un po’ più in là, dove anche la follia del razzismo e del fascismo possono essere ascoltate, senza per questo rinunciare di un passo alle proprie posizioni”.

Lo spettacolo ha il contributo di Emilia Romagna Teatro Fondazione e il sostegno di L’Arboreto – Teatro Dimora | La Corte Ospitale Centro di Residenza Emilia-Romagna e Agorà/Unione Reno Galliera. Sconsigliato ai minori di 14 anni.

Dalle note di regia: Chi sono gli Altri? Gli Altri sono un magma indistinto che incrociamo solo quando la loro brutalità diventa sufficientemente spessa e evidente da non poter più essere rimossa nella propria mostruosità. È lì che ci coglie il terrore. Spendiamo tanto del nostro lavoro per raccontare e raccontarci che coloro che tradizionalmente sono percepiti come gli Altri (i migranti, i senzatetto, gli strani, gli zingari, i malati psichiatrici, i criminali) non devono essere considerati come una minaccia, un nemico, un mostro. Allo stesso tempo non ci accorgiamo che stiamo costruendo una nuova e più pericolosa categoria di Altri: quelli che odiano gli Altri tradizionali.

Sono quelli che scrivono quei commenti mostruosi sui social e che noi condividiamo a nostra volta per raccontare alla comunità a cui apparteniamo che gli Altri sono dei mostri, dei fascisti, che noi non siamo come loro; per raccontare la deriva che sta travolgendo la realtà intorno a noi e il senso di sconforto e incredulità che ci attanaglia.

Cerchiamo insomma di rassicurarci tra noi, noi che ancora non siamo pervasi da quell’odio cieco, da quella volontà catartica di bruciare tutto ciò che ci inquieta. Naturalmente questo senso di comunità non fa che alimentare il risentimento degli Altri verso di noi, che, nella narrazione corrente, siamo i privilegiati, coloro che parlano stando al sicuro, lontani dal vero conflitto, dai problemi reali. Questi Altri, molto spesso, almeno sui loro profili social, sono diversi da come li avresti immaginati. Sono mamme sempre a dieta, amanti ossessivi dei cani, diciottenni che fanno serata, genitori premurosi, umoristi triviali, lavoratori spaventati. Ma anche queste poche informazioni non ci aiutano a capire tanto del mostruoso cortocircuito in atto nel nostro Paese. E allora: chi sono questi Altri? Chi c’è dietro quel commento razzista irripetibile? Che esseri umani si nascondono dietro quei profili? Perché scrivono quelle cose, perché le pensano? Le pensano davvero, fino in fondo? Si identificano con quello che scrivono?

Se è vero, come è vero, che ogni effetto è originato da una causa, da dove viene tutto questo odio? Gli Altri – Indagine sui nuovissimi mostri è il desiderio di contattare queste persone, questi Altri, trascorrerci del tempo insieme, cercare di capirli senza per questo perdere le distanze, tentare di aprire un dialogo apparentemente impossibile e portarlo in scena, senza rinunciare al nostro punto di vista. Che effetto fa incontrarli in carne ed ossa, gli Altri? Come possiamo parlarci veramente, senza paternalismo e senza alterigia?
Che effetto ci fa questo tentativo? È possibile? È utile?

Kepler-452
Kepler-452 nasce nel 2015 a Bologna dall’incontro tra Nicola Borghesi, Enrico Baraldi, Paola Aiello e, per la parte organizzativa, Michela Buscema. Kepler, fin dalla sua nascita, ha avuto un’ambizione, un desiderio, un’urgenza: aprire le porte dei teatri, uscire, osservare, attraverso la lente della scena, ciò che c’è fuori, nell’incrollabile convinzione che la realtà abbia una forza drammaturgica autonoma, che aspetta solo di essere organizzata in scena. Nel corso degli ultimi quattro anni Kepler-452 ha organizzato e diretto cinque edizioni di Festival 20 30, che ha portato in scena alcune centinaia di under 30 nel tentativo di tracciare un affresco generazionale, e realizzato numerosi spettacoli, tra cui La rivoluzione è facile se sai come farla, insieme a Lo Stato Sociale, tre edizioni di Lapsus Urbano, un percorso audioguidato attraverso i conflitti del tessuto cittadino immaginato insieme all’autore teatrale Riccardo Tabilio. Comizi d’amore, un progetto di teatro partecipato in diversi movimenti ispirato all’omonimo documentario di Pasolini, La grande età prodotto dalla stagione Agorà che ha portato in scena le vite di oltre venti ultraottantenni, Il giardino dei ciliegi – Trent’anni di felicità in comodato d’uso, prodotto da ERT-Emilia-Romagna Teatro e vincitore del Premio Rete Critica 2018, e F. – Perdere le cose, che ha debuttato a Vie Festival 2019.
A novembre 2020 Kepler-452 porta per le strade di Bologna la performance Consegne // Una performance da Coprifuoco, seguita a dicembre da Coprifuoco // Spedizioni notturne per città deserte, una produzione di stagione Agorà.

Agorà, giunta alla 5° edizione, è la rassegna teatrale itinerante nei comuni dell’Unione Reno Galliera nella Area metropolitana di Bologna: Argelato, Bentivoglio, Castel Maggiore, Castello d’Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale. La rassegna è promossa da Unione Reno Galliera con la direzione artistica di Elena Di Gioia, realizzata con il contributo di Regione Emilia-Romagna e prodotta da Associazione Liberty.
Al centro di Agorà un articolato progetto di teatro diffuso: spettacoli, laboratori, incontri, nuove creazioni e condivisioni con artisti della scena contemporanea, nei teatri e nei luoghi diffusi di otto comuni della Unione Reno Galliera nella Area metropolitana di Bologna.

Main sponsor: Unipol Gruppo e Hera
Sponsor Coop Alleanza 3.0, Coop Reno, Gruppo Camst, Lachiter, Borghi Impianti oleodinamici S.p.a., Società Dolce,
Ariostea Broker, Emil Banca, Energy Group, Roboqbo, ASA Azienda Servizi Ambientali S.C.p.A,
Media partnership: RadioEmiliaRomagna

Per informazioni:
Posti limitati. Prenotazione obbligatoria
Dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13
Telefono, WhatsApp e SMS: 333.8839450
biglietteria.teatri@renogalliera.it
Biglietti: Intero: € 12 /Ridotto*: € 10
Under 18 anni: € 5
Per il programma completo: www.stagioneagora.it
www.renogalliera.it/agora

Agorà
stagione teatrale 2020-2021- Seconda parte: gennaio-maggio 2021
promossa da Unione Reno Galliera
con il contributo di Regione Emilia-Romagna
direzione artistica Elena Di Gioia
produzione Unione Reno Galliera e Associazione Liberty

Sabato 1 e Domenica 2 maggio 2021 ore 18.30
Teatro La Casa del Popolo, via G. Matteotti, 150 Castello d’Argile (BO)

Gli Altri
Indagine sui nuovissimi mostri
Kepler-452
Un’indagine teatrale di Kepler-452
Regia Nicola Borghesi
Drammaturgia Riccardo Tabilio
ideazione tecnica Andrea Bovaia
coordinamento Michela Buscema
con Nicola Borghesi

Foto: Gli Altri 2, Compagnia Kepler-452, Foto di Enrico Barald