Giunta Comunale di Cattolica in videoconferenza: proroga alle scadenze tributarie

27

Il Sindaco Mariano Gennari: “Come amministratori, ce la stiamo mettendo tutta. È un dovere portare a compimento queste azioni: fare, non promettere”

comune-di-cattolica-stemmaCATTOLICA (RN) – Azione amministrativa più forte dei blocchi imposti dall’emergenza Coronavirus.

La Giunta Comunale di Cattolica, infatti, tornata a riunirsi oggi anche se a distanza. Sindaco, assessori, dirigenti e segretaria comunale si sono dati appuntamento nel pomeriggio in videoconferenza per proseguire il proprio lavoro. Tra le priorità affrontate quella relativa alla proroga delle scadenze tributarie. Nel dettaglio la Giunta ha stabilito:

Nel dettaglio la Giunta ha stabilito:

– per il canone di occupazione permanente di spazi ed aree pubbliche, di posticipare la scadenza di pagamento ordinario al 31 luglio 2020 anziché al 31 gennaio 2020; per chi ha optato per la rateizzazione, la seconda rata viene posticipata al 31 dicembre 2020 dal 30 aprile 2020;

– per il canone di relativo ad occupazioni temporanee ma ricorrenti durante tutto l’anno (ad esempio ambulanti), di posticipare il pagamento ordinario al 31 luglio 2020 anziché al 31 gennaio 2020; per chi ha optato per la rateizzazione e la seconda rata scade entro il 30 aprile 2020, quest’ultima è prorogata al 31 luglio 2020;

– di prorogare di 60 giorni i termini di scadenza relativi ad adempimenti dichiarativi e di versamento tributari, attualmente da effettuarsi entro il 30 aprile 2020. Questa norma riguarda in particolare il rinvio degli adempimenti relativi al primo trimestre 2020 dell’imposta di soggiorno;

– di prorogare le rate di piani di rateazione già approvati e comunicati, in scadenza entro il 30 aprile 2020, al 31 luglio 2020, ferme restando le scadenze delle rate successive al 30 aprile 2020. In tal modo le rate che scadono tra l’8 marzo e il 30 aprile 2020 beneficeranno di un mese in più di tempo per essere pagate rispetto a quanto previsto dal Decreto “Cura Italia”;

– di riconoscere un credito ai soggetti che, a causa dei provvedimenti di contenimento del virus, non hanno potuto esercitare le occupazioni temporanee di suolo pubblico per le quali era già stato corrisposto il COSAP. Su richiesta dell’utente, tale credito, commisurato ai giorni di occupazione non usufruiti, potrà essere rimborsato o utilizzato in acconto per il pagamento di canoni per future occupazioni di suolo pubblico;

Già nelle scorse settimane l’Amministrazione aveva approvato l’abbattimento delle rette scolastiche per la mancata frequenza negli istituti. Questa azione odierna si aggiunge, infatti, alla misura per decurtare le quote di nidi e scuole dell’infanzia riscosse dal Comune di Cattolica vista la sospensione delle attività scolastiche. Si tratta di un ulteriore segnale da parte dell’Amministrazione in questo particolare e delicato, una azione sociale che va oltre alla valenza meramente economica.

“Come amministratori, ce la stiamo mettendo tutta. Andiamo avanti anche in videoconferenza, è un dovere – spiega il Sindaco Mariano Gennari – portare a compimento queste azioni: fare, non promettere. In questo momento complesso bisogna essere seri, tutto ciò che può essere messo in atto va fatto e subito, ma bisogna farlo con responsabilità, mente lucida.

Serve avere contezza anche di come lo Stato supporterà gli Enti Locali che, come tutti sapete, hanno degli equilibri precari di bilancio. Per quanto possibile proviamo a metterci nei panni di cittadini ed attività economiche. Per tutti noi è un momento delicato e cerchiamo di sentirci vicini anche attraverso azioni di questo tipo”.