Giornata internazionale delle persone con disabilità

42

Il messaggio del Sindaco Barbieri, dell’Assessore Sgorbati e del consigliere delegato Rabboni

Palazzo Mercanti_500PIACENZA – Nell’imminenza della Giornata internazionale delle persone con disabilità, che si celebra giovedì 3 dicembre, il sindaco Patrizia Barbieri, l’assessore ai Servizi Sociali Federica Sgorbati e il consigliere delegato Francesco Rabboni sottolineano come questa debba essere “l’occasione in cui riflettere, pubblicamente, sulla tutela dei diritti, la piena accessibilità dei servizi e l’abbattimento delle barriere, che spesso vanno oltre quelle meramente architettoniche. A maggior ragione quest’anno, non potendo organizzare manifestazioni ed eventi nel rispetto delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria, è fondamentale che la ricorrenza non passi sotto silenzio. La Giornata istituita dall’Onu nel 1981 – rimarcano – è il momento in cui esprimere la riconoscenza della collettività a tutte le realtà che offrono il proprio supporto alle persone con disabilità e alle loro famiglie, ribadendo il dovere e la responsabilità delle istituzioni nel garantire l’inclusione sociale”.

“Proprio in quest’ottica, la settimana scorsa – aggiunge il sindaco – abbiamo voluto ufficializzare la delega al consigliere Rabboni, nella convinzione che la sua esperienza e il suo impegno costante per la sensibilizzazione possano portare un valore aggiunto e ulteriore concretezza alle politiche dell’Amministrazione in quest’ambito”.

“Il lavoro sul tema della disabilità – chiosano Federica Sgorbati e Francesco Rabboni – è trasversale a tutti gli assessorati. Basti pensare a interventi come la riqualificazione della pedana di collegamento tra Pubblico Passeggio e il parcheggio del Cheope, ai 230 mila euro stanziati all’inizio dell’anno scolastico per incrementare quasi del 40%, sino a dicembre, il monte ore degli educatori che supportano gli insegnanti di sostegno, o alla campagna contro l’utilizzo abusivo dei posti auto riservati agli invalidi. La cultura del rispetto e il contrasto all’indifferenza sono questioni da cui non si può prescindere, in alcun settore”.