Festa di Sant’Antonio all’Antoniano di Bologna

119
Antoniano – SantAntonio

Lunedì 13 giugno: musica, laboratori, stand gastronomici. lnaugurazione della mensa poveri Padre Ernesto e il concerto del Coro dell’Antoniano

BOLOGNA – Una grande festa con eventi per grandi e piccini, per l’inaugurazione della mensa dell’Antoniano, che è stata oggetto nell’ultimo anno di importanti lavori di ristrutturazione. È così che l’Antoniano di Bologna festeggia quest’anno la festa di Sant’Antonio, lunedì 13 giugno.

Il titolo scelto per la giornata, Nessuno di noi è un’isola, è lo spirito della festa: una giornata per tutta la città, per riscoprire la gioia di stare insieme e la ricchezza che nasce dall’aprirsi agli altri, soprattutto a chi è più fragile.

La mensa Padre Ernesto, insieme agli altri locali ristrutturati – tra cui il Laboratorio del Pane, la Sala Accoglienza, la Sala Multimediale – saranno inaugurati ufficialmente alle 20, con il taglio del nastro alla presenza del Sindaco di Bologna Matteo Lepore, dell’Arcivescovo di Bologna Matteo Maria Zuppi, da poco nominato presidente della CEI da Papa Francesco, e del superiore dei frati Minori del Nord Italia fr. Enzo Maggioni.

Per festeggiare questo importante momento, il Piccolo Coro dell’Antoniano regalerà, agli appassionati di tutte le età, un concerto con le più belle canzoni dello Zecchino d’Oro e del repertorio del Piccolo Coro, per cantare insieme e dare voce alla voglia di pace dei più piccoli. Appuntamento alle 21 al Cinema Teatro di Antoniano (ingresso libero fino a esaurimento posti).

Ma la festa durerà tutta la giornata con attività e proposte per tutti i bolognesi; per tutti i bambini e le loro famiglie la festa inizia, invece, un giorno prima.

Domenica 12 giugno, alle 18.15 al Cinema Teatro di Antoniano, ci sarà la proiezione gratuita del film d’animazione Lizzy e Red: la storia di un’amicizia apparentemente impossibile, tra un topo e una volpe che, insieme nel paradiso degli animali, si trovano ad affrontare un sorprendente viaggio verso una nuova vita.

Lunedì 13 giugno si inizia, invece, con il pranzo per chi vive in povertà nella mensa ristrutturata durante il quale un trio di musica brasiliana terrà compagnia agli ospiti.

Il pomeriggio, dalle 14 alle 16, sarà dedicato ai più piccoli, ma non solo: in programma i laboratori di Arte Migrante, tanti giochi, attività ludiche e trucca bimbi insieme ai volontari.

A seguire, alle 16.30 la tradizionale “Benedizione dei bambini” alla Basilica di Sant’Antonio, la processione per le vie del quartiere e alle 19.00 la Santa Messa presieduta da frate Enzo Maggioni.

Dalle 20 alle 23 spazio al buon cibo e alla buona musica con la festa culinaria accompagnata da intrattenimento musicale. Dalle 19.30 nei locali di Antoniano sarà, inoltre, possibile visitare l’esposizione Sguardi oltre: in mostra ritratti di persone senza dimora realizzati con mina su cartoncino da Maria Pia Lombardo e fotografie di Sabrina Flocco e Pasquale Isolato.

Appuntamento per tutti lunedì 13 giugno all’Antoniano di Bologna, via Guido Guinizelli 3; la partecipazione alla giornata è gratuita, ma è consigliata l’iscrizione al link:

https://www.antoniano.it/13-giugno/

Info e programma: www.antonianobologna.it

FESTA DI SANT’ANTONIO

“Nessuno di noi è un’isola”

Antoniano di Bologna, via Guido Guinizelli 3

Lunedì 13 giugno

Evento speciale per i bambini e le famiglie: domenica 12 giugno ore 18.15, Cinema Teatro.

Proiezione gratuita del film d’animazione Lizzy e Red.

Programma 13 giugno

Dalle 12 alle 13.30: pranzo per chi vive in povertà, con accompagnamento musicale del trio di musica brasiliana Petrobas.

Dalle 14 alle 16 (Spazio Chiostro): Giochi educativi ed attività ludiche con coinvolgimento di volontari, partecipanti dei laboratori e ospiti della mensa. Attività di animazione per bambini e “Trucca bimbi” realizzato da Fucine Vulcaniche e Volontari dei Laboratori.

Ore 16.30: Benedizione bambini alla Basilica di Sant’Antonio.

Ore 18: Processione di Sant’Antonio con partenza e arrivo alla Basilica di Sant’Antonio.

Ore 19: Santa Messa in Basilica, presieduta da frate Enzo Maggioni, ministro provinciale dei frati minori.

Dalle 19.30: mostra Sguardi oltre. Con ritratti di persone senza dimora realizzati con mina su cartoncino da Maria Pia Lombardo (in Sala Rangoni) e fotografie di Sabrina Flocco e Pasquale Isolato (in mensa).

Ore 20: Inaugurazione e benedizione della nuova mensa Padre Ernesto e dei locali ristrutturati, alla presenza del Sindaco Matteo Lepore e del Cardinale Matteo Maria Zuppi.

Ore 21: Concerto del Piccolo Coro dell’Antoniano al Cinema Teatro (ingresso libero fino a esaurimento posti).

Dalle 20 alle 23 (spazio parrocchia, ingresso via Jacopo della Lana 4): Festa culinaria con intrattenimento musicale. Con i Los Cumbiamberos – cumbia colombiana, musica sudamericana.

La partecipazione alla giornata è gratuita, ma è consigliato iscriversi al link:

https://www.antoniano.it/13-giugno/

ANTONIANO. L’Antoniano è un luogo dove si vive concretamente la solidarietà e dove le iniziative culturali, l’intrattenimento e la comunicazione sociale vengono declinati secondo i valori francescani, riprendendo, rinnovando e alimentando lo spirito francescano e mettendolo al servizio dei più deboli e del mondo dell’infanzia. Nasce dal sogno di un giovane francescano – Padre Ernesto – in un lager della Seconda guerra mondiale: “servire i poveri come in un ristorante” e mettere a frutto il talento dei giovani. Nasce da una promessa per l’avvenire da nutrire con tenacia e realizzare con perseveranza.

L’Antoniano è stato fondato nel 1954, quando i frati minori del Convento di Sant’Antonio di Bologna hanno posto le basi per una sfida importante: portare l’esperienza quotidiana e concreta del Vangelo in mezzo alla gente sull’esempio di San Francesco d’Assisi.  Le iniziative originarie – la mensa per i poveri, l’Accademia d’Arte Drammatica, il cinema-teatro – negli anni Sessanta sono state affiancate da attività del tutto inedite: le produzioni televisive e discografiche. Tra queste, lo Zecchino d’Oro destinato a diventare un attesissimo appuntamento annuale, una chiave dell’immaginario, un tassello importante nella storia della televisione italiana. Nel corso degli anni sono nate nuove realtà, come il Centro terapeutico Antoniano per i bambini disabili, e sono stati attivati nuovi progetti in favore dell’infanzia e di chi vive in situazione di emergenza e bisogno.

Attraverso il progetto “Operazione Pane” Antoniano, oltre ad essere molto attivo a Bologna, sostiene una rete di 17 mense francescane distribuite su tutto il territorio nazionale, offrendo sostegno per l’erogazione quotidiana dei pasti e per le successive attività di reinserimento sociale e lavorativo per le persone aiutate

LE ATTIVITÀ DI ANTONIANO NEL SOCIALE. Antoniano è casa e famiglia per le persone più fragili. Apre le proprie porte alle persone che vivono in difficoltà e chiedono aiuto. Tende una mano chi cerca un’opportunità per ripartire. Seguendo gli  insegnamenti di San Francesco, Antoniano va incontro alle persone e aiuta chi ha perso il lavoro, chi ha fame, chi non ha un tetto, chi scappa dalla guerra: tutte persone in cerca di una mano che le sostenga e le accompagni verso un futuro più sereno. I valori guida di Antoniano sono rispetto, solidarietà, condivisione e fraternità. Il sostegno offerto ai più fragili si sviluppa in un percorso di 4 passi:

  • Il pasto perché offrire un posto a tavola significa donare dignità e amore come in una famiglia
  • L’ascolto, perché bisogna conoscere l’altro, i suoi pensieri e i suoi bisogni per potergli stare accanto
  • L’accoglienza, perché solo quando ti senti a casa puoi riprendere in mano la vita e affrontare il mondo
  • L’aiuto, perché la sfida quotidiana può essere la spesa o il pagamento di una bolletta, ma anche fare una corsa insieme agli altri bambini.