Ferrara, ‘Déjà-vu’ il 26 settembre la presentazione

Giovedì alle 17​ nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea in via delle Scienze 17 sarà presentato il libro di Patrick McGuinness a cura e con traduzione di Giorgia Sensi

FERRARA – Si intitola ‘Dejà-vu’ la raccolta di poesie di Patrick McGuinness a cura e con traduzione di Giorgia Sensi che sarà presentato giovedì 26 settembre 2019 alle 17 nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via delle Scienze 17, Ferrara). Nel corso dell’incontro dialogheranno con la curatrice Angelo Andreotti e Giuseppe Ferrara.

Il volume, con prefazione di Giorgia Sensi e postfazione dal titolo ‘Scrittura e confini’ di Patrick McGuinness, contiene poesie scelte edite e inedite, e qualche brano in prosa tratto dal memoir di McGuinness ‘Other People’s Countries’

LA SCHEDA a cura degli organizzatori

Patrick McGuinness è nato in Tunisia nel 1968 da madre belga di lingua francese e padre irlandese di terza generazione; scrive in inglese ma considera il francese ‘quasi’ la sua lingua madre, è professore di letteratura francese e letterature comparate all’Università di Oxford, e Fellow di St. Anne’s College. Divide il suo tempo tra Oxford, dove lavora, e Caernarfon, nel Galles settentrionale, dove vive; in famiglia parla gallese. Poeta, romanziere, saggista, critico letterario, traduttore, editor, accademico, ha pubblicato, oltre la saggistica e le pubblicazioni accademiche, diverse opere di poesia e narrativa. In Italia sono state pubblicate le raccolte poetiche (“I canali di Marte”, Mobydick 2006; “L’età della sedia vuota” (Jilted City), “Il ponte del sale”, 2011, tutte a cura e traduzione di Giorgia Sensi. La versione italiana del romanzo “Throw Me to the Wolves” è uscita per l’editore Guanda col titolo “Gettami ai lupi”. Nel 2009 è stato nominato Chevalier dans l’Ordre des Palmes Académiques dal governo francese per meriti verso la cultura francese.

Il calendario completo degli eventi e delle attività culturali, aperti liberamente a tutti gli interessati, in programma nelle biblioteche e archivi del Comune di Ferrara su: http://archibiblio.comune.fe.it