Eva Luna di Isabel Allende oggi su Radio Emilia Romagna e Uniradio

28

Martedì 5 gennaio alle ore 18.00 online ultimo podcast del ciclo Ricordo al futuro: voci dal mondo

BOLOGNA – Martedì 5 gennaio alle ore 18.00 sui canali di UniradioRadio Emilia Romagna sarà on line l’ultimo podcast del ciclo Ricordo al futuro: voci dal mondo: Maria Vittoria Scarlattei (Compagnia permanente di ERT Fondazione) legge un estratto da Eva Luna di Isabel Allende.

Al centro di questo racconto il rapporto tra due persone di diverse generazioni che non appartengono alla stessa famiglia: la voce narrante, Eva, ripercorre l’infanzia della propria madre, Consuelo, che lavora a casa del professor Jonse. Ricordi e vite private si intrecciano con vicende più grandi: a fare da sfondo il Sudamerica, di cui si attraversa la storia con la “S” maiuscola, seguendo l’evolversi delle relazioni fra una ragazza e un uomo che, se non fosse stato per il caso, non si sarebbero mai incontrati.

Il contenuto sarà disponibile anche sulla pagina del sito ERT dedicato alle produzioni digitali: ERTonAIR.

Isabel Allende

Nata a Lima, in Perù, nel 1942, ha vissuto in Cile fino al 1973, lavorando come giornalista. Nipote di Salvador Allende, dopo il golpe di Pinochet si è stabilita in Venezuela e, successivamente, negli Stati Uniti. Con il suo primo romanzo, La casa degli spiriti del 1982 (pubblicato in Italia da Feltrinelli nel 1983), si è subito affermata come una delle voci più importanti della narrativa contemporanea in lingua spagnola. Fra i suoi ultimi libri: Oltre l’inverno (2017), Lungo petalo di mare (2019) e Donne dell’anima mia (2020).

Nel 2014 Obama l’ha premiata con la Medaglia presidenziale della libertà.

Compagnia permanente di ERT Fondazione

Emilia Romagna Teatro Fondazione in oltre 40 anni di attività ha dato vita a progetti teatrali di ampio respiro, dai molteplici profili, con l’obiettivo di coinvolgere profondamente i territori in cui risiede. In particolare, dal 2012, pensandosi come “teatro senza mura”, “teatro aperto” che si rivolge alle comunità in cui opera, la Fondazione ha creato diverse iniziative di teatro partecipato, che – grazie all’azione di una base stabile di attori – hanno permesso ai cittadini di essere protagonisti attivi di percorsi artistici e culturali. Fra queste: Il Ratto d’Europa. Per un’archeologia dei saperi comunitari (2011-2014), Carissimi Padri… Almanacchi della “Grande Pace” (1900-1915) (2015-2017), Un bel dì saremo – L’azienda è di tutti e serve a tutti (2018-2019).

Per valorizzare ulteriormente questa vocazione pubblica, a partire dalla stagione 2019/2020, ERT Fondazione si è dotata di una compagnia permanente, dando avvio a una operazione innovativa per il panorama italiano: un gruppo di attori diventa parte organica e attiva della vita di un Teatro Nazionale, non solo sul piano più specificamente artistico, ma anche su quello della didattica (in seno alla Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro) nonché della promozione continua del dialogo vivo con i cittadini spettatori: dai progetti di teatro partecipato alle letture pubbliche, passando per i classroom plays e per le visite spettacolo nei teatri di ERT. Compongono la Compagnia permanente di ERT: Simone Baroni, Daniele Cavone Felicioni, Michele Dell’Utri, Michele Di Giacomo, Simone Francia, Michele Lisi, Diana Manea, Paolo Minnielli, Elena Natucci, Silvia Rigon (regista assistente), Maria Vittoria Scarlattei, Cristiana Tramparulo, Jacopo Trebbi, Giulia Trivero, Massimo Vazzana.

Ricordo al futuro: voci dal mondo

Un percorso di ERT Fondazione, Radio Emilia Romagna e Uniradio Cesena

nell’ambito del progetto di teatro partecipato Ricordo al futuro

selezione dei testi a cura di Silvia Rigon

testi di Waciny Laredj, Jabbour Douaihy, Lucia Berlin, Isabel Allende

con Michele Di Giacomo, Simone Francia, Maria Vittoria Scarlattei, Cristiana Tramparulo

(Compagnia permanente di ERT Fondazione)

per Uniradio Cesena Eugenio, Maria e Matteo

registrazioni Marco Mantovani

produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione

QUARTA PUNTATA – 5 gennaio ore 18.00
Eva Luna di Isabel Allende legge Maria Vittoria Scarlattei

durata 30’