ERF: concerto Haydn: trii londinesi il 3 dicembre a Imola

26
Massimo Mercelli

IMOLA (BO) – Sabato 3 dicembre (ore 18.00) in occasione della riapertura del bellissimo Oratorio di San Rocco a Imola, avvenuta lo scorso settembre dopo un lungo periodo di chiusura, viene proposto un concerto d’eccezione tutto dedicato alla musica di Haydn, con tre importanti interpreti: i flautisti Massimo Mercelli e Fulvio Fiorio e Maria Cecilia Berioli al violoncello.

L’Oratorio di San Rocco è uno dei migliori esempi di barocchetto della Romagna occidentale ed è stato completamente restaurato grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola. L’edificio, dedicato a San Rocco, protettore contro la peste, risale al 1622 e fu edificato dalla confraternita omonima, i cui membri erano espressione delle migliori famiglie imolesi.

Il programma, tutto dedicato a Haydn, propone i celebri trii per 2 flauti e violoncello, caratterizzati da grande eleganza e ricchezza espressiva e detti “londinesi” perché composti tra il 1794 e il 1795, periodo in cui il compositore soggiornò a Londra.  Franz Joseph Haydn, nella sua lunga carriera di musicista, fu per oltre trent’anni a servizio dei Principi Esterhazy, principi ungheresi residenti a Vienna. Ma dopo la morte del Principe Nikolaus Esterhazy, nel 1790, si fece convincere dall’impresario Johann Peter Salomon a trasferirsi a Londra per comporre musica per una serie di concerti diretti da lui stesso. Nei 4 anni londinesi compose oltre 200 brani musicali, molti dei quali prendono appunto l’aggettivo della città, come le 6 sinfonie londinesi e i 4 Trii per 2 flauti e violoncello Hob IV: 1-4, composti da Haydn nel 1794/95 e chiamati appunto londinesi. Londra, in quegli anni, aveva una scena musicale molto vivace e il flauto godeva di grande popolarità presso molti amanti della musica. Fu il conte di Abington, abile flautista e amico di Haydn, a spingere il maestro a comporre questi quattro trii londinesi, che ebbero immediatamente un grande successo presso il pubblico inglese.

Ad eseguirli tre interpreti d’eccezione: Massimo Mercelli, flautista che vanta le più importanti dediche e collaborazioni con i maggiori compositori della scena contemporanea, tra questi Penderecki, Gubaidulina, Glass, Nyman, Bacalov, Galliano, Morricone, Galliano, Sollima e Piovani; Fulvio Fiorio, formatosi musicalmente proprio con Mercelli, solista raffinato e primo flauto con numerose orchestre italiane ed europee e Maria Cecilia Berioli, affermata violoncellista che in qualità di solista e in formazioni cameristiche, ha suonato in tutto il mondo collaborando inoltre in ambito teatrale con importanti attori  quali Paola Gassman, Glauco Mauri e Giuseppe Pambieri.

Al termine del concerto, a tutti i presenti sarà offerto un brindisi per scambiarsi gli auguri di buone feste.

Grazie al sostegno di:

Città di Imola, Fondazione Cassa di Risparmio Imola, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Otello, Verdarte.

Ingresso

Ingresso con offerta minima di € 5 a favore delle attività dell’Oratorio San Rocco.

Prenotazione consigliata a ERF 0542 25747.

Programma

Haydn: I Trii londinesi

Franz Joseph Haydn

Trio in do maggiore Hob:IV:1

Allegro moderato (do maggiore)

Andante (sol maggiore)

Finale. Vivace (do minore)

Trio in sol maggiore Hob:IV:2

Andante (sol maggiore)

Allegro (sol maggiore)

Trio in sol maggiore Hob:IV:3

Spiritoso (sol maggiore)

Andante (do maggiore)

Allegro (sol maggiore)

Trio in sol maggiore Hob:IV:4

Allegro (sol maggiore)

Curricula artisti

Massimo Mercelli è il flautista al mondo che vanta le più importanti dediche e collaborazioni con i maggiori compositori: hanno scritto per lui o ha eseguito le prime assolute di personalità del calibro di Penderecki, Gubaidulina, Glass, Nyman, Bacalov, Galliano, Morricone, Galliano, Sollima, Piovani.

Autodidatta e poi allievo dei celebri flautisti Maxence Larrieu ed André Jaunet, a diciannove anni diviene primo flauto al Teatro La Fenice di Venezia, vince il Premio Francesco Cilea, il Concorso Internazionale Giornate Musicali e due edizioni del Concorso Internazionale di Stresa.

Massimo suona regolarmente nelle maggiori sedi concertistiche del mondo: Carnegie Hall di New York, Herculessaal e Gasteig di Monaco, NCPA di Pechino, Teatro Colon di Buenos Aires, Concertgebouw di Amsterdam, Teatro alla Scala, Auditorium RAI di Torino, Victoria Hall di Ginevra, San Martin in the Fields e Wigmore Hall di Londra, Parco della Musica di Roma, Filarmonica di San Pietroburgo, Filarmonica di Varsavia, Čajkovskij Hall di Mosca, auditorium dell’ONU a New York, Grande Sala del Mozarteum di Salisburgo Filarmonica di Berlino e di Mosca e nei Festival di Ljubljana, Berlino, Santander, Vilnius, San Pietroburgo, Bonn, Festival Cervantino, Rheingau, Jerusalem, Warsaw, collaborando con artisti quali Yuri Bashmet, Valery Gergiev, Krzysztof Penderecki, Philip Glass, Michael Nyman, Massimo Quarta, Ennio Morricone, Luis Bacalov, Peter-Lukas Graf, Maxence Larrieu, Aurèle Nicolet, Anna Caterina Antonacci, Ramin Bahrami, Albrecht Mayer, Gabor Boldowsky, Jiri Belolhavec, Federico Mondelci, John Malkovich, Igudesman & Joo, Jan Latham-Koenig, Catherine Spaak, Susanna Mildonian, e con orchestre come i Moscow Soloists, i Wiener Symphoniker, i Solisti Veneti, i Cameristi della Scala, la Prague Philarmonia, la Filarmonica di San Pietroburgo, i Virtuosi Italiani, i Salzburg Soloists, la Moscow Chamber Orchestra, la Franz Liszt Chamber Orchestra, i Solisti Aquilani e  I Musici.

Tra le tappe più significative della sua carriera ricordiamo la prima esecuzione Façades di Philip Glass col compositore al pianoforte, la prima assoluta della cantata di Ennio Morricone Vuoto d’anima piena diretta dal compositore stesso, e alla Filarmonica di Varsavia al festival dedicato ai 75 anni di Krzysztof Penderecki; poi in Cina con Luis Bacalov all’Expo di Shanghai e la prima esecuzione mondiale del concerto n. 1 per flauto ed orchestra di Michael Nyman a lui dedicato,

Il concerto alla Čajkovskij Hall di Mosca sotto la direzione di Yuri Bashmet eseguendo “Contrafactus ” di Giovanni Sollima, anche esso a lui dedicato e quello al MusikVerein di Vienna e la prima mondiale del nuovo concerto a lui dedicato da Sofia Gubaidulina e la partecipazione al concerto di apertura del Festival per gli 80 anni di Krysztof Penderecki alla Filarmonica di Varsavia e al concerto dedicato all’Italia a Sochi durante le Olimpiadi.

A livello discografico ricordiamo il cd Massimo Mercelli performs Philip Glass con l’integrale della musica per flauto di Philip Glass edito da “Orange Mountain Record”, la casa discografica di Philip Glass, Bach Flute Sonatas con Ramin Bahrami per DECCA, poi ancora per DECCA il nuovo cd Bach SansSouci con Ramin Bahram, e su RAI5 una serie di 5 documentari a loro dedicati sulle sonate di Bach.

Ha recentemente eseguito in prima esecuzione Jade, concerto a lui dedicato da Richard Galliano al Festival di Izmir con la presenza sul palco del compositore.

Nel novembre 2018 è stato l’unico italiano invitato a partecipare al Festival per gli 85 anni di Krysztof Penderecki alla Filarmonica di Varsavia. Nel 2019, per il suo compleanno, ha eseguito al Teatro alla Scala di Milano il Concerto n.2 di Michael Nyman, a lui dedicato e nel 2020, sempre al Teatro alla Scala, il Notturno Passacaglia di Ennio Morricone, anche esso a lui dedicato; nel 2021, al teatro degli Arcimboldi di Milano si è esibito a fianco di John Malkovich. Nel 2023 sarà solista con I Solisti Veneti nella prima esecuzione di 3 concerti per flauto e orchestra a lui dedicati composti dal premio oscar Nicola Piovani.

Fulvio Fiorio Si forma musicalmente con il M° Massimo Mercelli presso il Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro diplomandosi nel ’90. Consegue il diploma di Alto perfezionamento all’Accademia “Incontri col Maestro” di Imola, dove studia con i maestri: M.Larriueu, A.Persichilli, A.Marion, G.Cambursano, R.De Reede, C.Klemm, A.Nicolet, conseguendo i diplomi di flauto e musica da camera con il maestro P.N.Masi.

Allievo di Piero Bellugi e Massimo De Bernard, perfeziona la propria formazione musicale attraverso la direzione d’orchestra. Nel 2003 in Svizzera, si laurea presso la Musikhochschule di Lugano con il M° M.Ancillotti. E’ vincitore di otto concorsi, nazionali ed internazionali.

Collabora come primo flauto con le orchestre italiane: A.Toscanini di Parma, O.F.I. di Piacenza, O.S.I. di Torino, I Solisti Aquilani, I Virtuosi Italiani, FORM Filarmonica Marchigiana – europee: The Seasons of Moscow, I Virtuosi del Baltico, O.S.N. Ukraina di Kiev, O.S. di Bacau, sotto la direzione dei Maestri: D.Oren, G.Kuhn, A.Pirolli, M.Hulmann, P. Mianiti, S.Pellegrino, D.Callegari, V.Askenazy, I.Karabtchevsky, P.Bellugi, M.De Bernard, M.Stefanelli, V.Delman, Y.Temirkanov, D.Renzetti, A.Campori: in recital lirici con L.Pavarotti, L.Nucci, M.Freni, R.Kabaivanska, M.Devia, S.Bonfadelli. Dal 2001 al 2003 con l’O.S.I. di Torino partecipa al “Pavarotti and Friend’s di Modena e Malaysia dove collabora con i più grandi arstisti del mondo della musica leggera registrando i DVD per l’etichetta DECCA.

Collabora con il Quintetto I Fiati Associati. Svolge intensa attività solistica e cameristica, esibendosi in festival internazionali in Italia e all’estero: Festival Pontino di Sermoneta, I Concerti del Gonfalone di Roma, Rivista Amadeus di Milano, Amici della Musica di Ancona, Settimane Musicali G. Mahler di Dobbiaco, al Ravello Festival si è esibito con Ramin Bahrami e Massimo Mercelli nell’integrale dei Concerti Brandeburghesi di J.S.Bach, Innsbrucker PromenadeKonzerte, Richard Strauss Istitute Garmisch-Patenchirken, Fête de la Musique Haute-Savoie, Deutsche Oper Berlin, Teatro Arriaga Bilbao, Lubjana-Festival, Accademia Musicale di Sarajevo. Con il  pianista O. Sciortino ha registrato un CD monografico di F.Schubert (AULIA), “Accordature” di C.Rebora (Rai-Trade), “Massimo Mercelli performs Philip Glass” (Orange Mountain) Tactus, RAI Radio3, SMC Records.

Viene invitato come docente e solista presso istituzioni internazionali come la Children Accademy di Samara/Mosca, dove si è esibito con “I Solisti di Mosca” e Yuri Bashmet,   Docente di conservatorio dal 2001, attualmente è titolare della classe di flauto presso il Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro, l’I.S.S.M. “A.Peri-Merulo” AFAM di Reggio Emilia.

Maria Cecilia Berioli si è diplomata con il massimo dei voti in violoncello. Si è poi perfezionata in Musica da Camera con G. de Peyer e D. De Rosa (Trio di Trieste); in Violoncello con Siegfrid Palm (Roma, Lerici, Perugia, Bologna, Bern, Blonay…) per il repertorio moderno e contemporaneo e per il repertorio classico con Daniel Grosgurin e, a lungo, con Arturo Bonucci, sotto la cui guida ha brillantemente conseguito il diploma di Perfezionamento presso l’Accademia Musicale Pescarese, e, successivamente, il diploma di Perfezionamento in Violoncello con premio speciale presso l’Accademia Nazionale di S. Cecilia in Roma. Successivamente ha conseguito il Diploma di II Livello, indirizzo esecutivo/interpretativo, presso il Conservatorio di Perugia, riportando la votazione di 110/110 e lode.

Nel 1992 è stata borsista presso la “Hindemith Foundation” Blonay-Vevey (Suisse). Ha vinto numerosi concorsi nazionali ed internazionali. Dal 1995 al 2000 ha collaborato regolarmente con l’Orchestra Sinfonica

Nazionale della RAI di Torino. Dal 1997, in seguito ad audizione indetta per quel ruolo, è stata Violoncello

Concertino al teatro Comunale di Bologna.

Come solista ed in formazioni cameristiche, ha suonato in tutto il mondo. Un’attività di successo coronata, nell’estate 2007, dall’invito a suonare in Quintetto con l’Imperatrice del Giappone Michiko al pianoforte. Ha registrato ed inciso per RAIUNO, RAIDUE, RAITRE, BMG, Camerata Tokyo, Dynamic, Tactus.

Molto attiva in ambito teatrale, collabora regolarmente con attori quali P.Gassman; G. Mauri e G. Pambieri, P. Micol ed altri.

Programma dettagliato: www.emiliaromagnafestival.it

Informazioni Biglietti & Abbonamenti

https://www.emiliaromagnafestival.it/info-abbonamenti-biglietti-erfstignanimusica/

ERF#StignaniMusica 2022/23

VII edizione

Musica ai Musei

Haydn: trii londinesi

MASSIMO MERCELLI flauto

FULVIO FIORIO flauto

MARIA CECILIA BERIOLI violoncello

Musiche di Haydn

Sabato 3 dicembre – ore 18.00

IMOLA Oratorio di San Rocco