Don Ciotti: “Intervento sociale come etica della responsabilità”. Laurea ad honorem dall’Università di Parma

In Aula Magna, in concomitanza con l’apertura dell’anno accademico, affollata cerimonia in onore del fondatore del Gruppo Abele e di Libera, che ha tenuto la lectio doctoralis “Le persone, la strada, l’ambiente, la vita: l’intervento sociale come etica della responsabilità”. Lunghi applausi dalla platea

uniparmaPARMA – L’intervento sociale come etica della responsabilità: ha puntato su questo don Luigi Ciotti nella lectio doctoralis che ha tenuto oggi all’Università di Parma nel corso della cerimonia con cui l’Ateneo gli ha conferito la Laurea magistrale ad honorem in Psicologia dell’intervento clinico e sociale.

Una cerimonia intensa e partecipata che ha costituito anche l’apertura ufficiale dell’anno accademico 2018-19. Aula Magna gremita: presenti numerose autorità, esponenti del mondo della cultura e dell’associazionismo, docenti, studenti e cittadini. Tutti insieme per prendere parte al tributo dell’Università di Parma al fondatore del Gruppo Abele e di Libera: alla vita e all’esempio del sacerdote che dell’impegno civile e sociale, dell’attenzione ai più deboli e della lotta alla criminalità ha fatto da sempre la propria bandiera.

«Siamo qui per rendere onore alla costante e infaticabile opera di don Ciotti nel proporre interventi innovativi nei modelli educativi, al suo continuo richiamo all’affermazione dei valori della legalità, della democrazia e della solidarietà, alla sua lotta coraggiosa e incessante per contrastare il fenomeno mafioso e le sue ignobili logiche criminali», ha detto il Rettore Paolo Andrei subito dopo l’intervento d’apertura del Coro universitario “Ildebrando Pizzetti”.

«Questa Laurea ad honorem – ha aggiunto – celebra un uomo la cui vita è stata da sempre orientata all’attenzione e all’aiuto ai più deboli e agli emarginati, a cominciare dal sostegno verso gli adolescenti in contesti difficili e nelle carceri minorili, e poi verso i tossicodipendenti, le giovani vittime della tratta per la prostituzione, e verso tutte le forme di disagio sociale in cui troppo spesso cadono soggetti fragili, che non trovano supporto né nelle proprie famiglie, né in altri contesti sociali».

A Diego Saglia, Direttore del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali, è spettata la lettura della motivazione della Laurea ad honorem, conferita «per l’impegno sociale nell’accogliere le varie forme di disagio e nel proporre interventi innovativi, l’alto senso etico, il richiamo alla responsabilità delle azioni individuali e collettive, l’adesione a una visione delle comunità educanti fondata su legalità e giustizia sociale».

È stata invece Luisa Molinari, docente di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione, a pronunciare la laudatio: «È dall’inizio degli anni Settanta, da quando, appena ordinato sacerdote, gli fu assegnata la strada come parrocchia, che don Luigi Ciotti fa sentire la sua voce esponendosi in prima persona al fianco di chi si trova in situazioni di povertà, di minoranza, di fragilità, di disagio. Oggi l’Università di Parma ne celebra l’impegno civile e sociale con la laurea honoris causa in Psicologia dell’intervento clinico e sociale, e lo fa nella sua aula più bella e più rappresentativa, consapevole però che i luoghi chiusi e i muri sono invisi a don Luigi», ha spiegato la prof.ssa Molinari, che si è poi soffermata su alcune delle “parole chiave” della vita e dell’agire di don Ciotti: dalla partecipazione («Don Luigi ha costruito attorno alla partecipazione il perno del suo impegno e delle sue scelte coraggiose e controcorrente») alla formazione, dalla responsabilità alla necessità di prendere posizione: «Di fronte ai bivi della vita, a quelli grandi e a quelli piccoli, che incontriamo ogni giorno, dobbiamo prendere posizione. Decidere da che parte stare. Questa è responsabilità, per don Luigi. Senza sconti per nessuno».

Tutti temi ribaditi dallo stesso don Ciotti nella sua lectio doctoralis, intitolata appunto Le persone, la strada, l’ambiente, la vita: l’intervento sociale come etica della responsabilità.

«Non merito tutto questo – ha esordito don Ciotti – perché oggi più che mai mi sento molto piccolo. Sento però la forza del noi: sento dentro di me la necessità di unire le forze degli onesti per diventare una forza etica, sociale, culturale, politica al servizio del bene comune». Nella sua lectio, sottolineata più volte da lunghi applausi, don Ciotti ha parlato tra l’altro di accoglienza, democrazia, etica della responsabilità, impegno, povertà, speranza, ambiente e conversione ecologica. Il punto fermo del suo agire continua però a essere la strada: «Ho avuto due maestri, la strada e le persone che la strada mi ha fatto incontrare. Guai se venisse meno nella mia vita la strada, i poveri, gli ultimi, quei volti, quell’intreccio di storie», ha continuato, ribadendo ancora il valore del noi: «Questa laurea non è assegnata a Luigi Ciotti ma ai tanti che mi hanno accompagnato, insegnato, spesso sostenuto. In 55 anni di impegno ho cercato di andare incontro ai bisogni delle persone, di non essere indifferente, di lasciarmi toccare dalle vite degli altri, a partire dagli ultimi e dagli indifesi». E in chiusura un monito: «La povertà è un crimine di civiltà, la speranza invece non è un reato».

Il Rettore Paolo Andrei ha voluto sottolineare la concomitanza del conferimento della Laurea ad honorem a don Ciotti con l’apertura ufficiale dell’anno accademico. Una scelta precisa, non una coincidenza casuale: «Sono profondamente convinto, infatti, che i valori di cui don Ciotti è testimone grazie al suo impegno e alla sua perseveranza, possano essere di grande stimolo per la nostra Comunità Accademica. Come spesso amo ripetere, infatti, potremo raggiungere traguardi straordinari nei processi educativi e formativi, nell’attività di ricerca scientifica e nel rapporto con la società in cui la nostra Università è innestata solo se sapremo orientare eticamente i nostri comportamenti, volendo tenacemente promuovere e difendere la dignità di ogni persona umana», ha spiegato, aggiungendo poi: «Abbiamo una forte responsabilità a cui non possiamo né vogliamo sottrarci: accompagnare la formazione delle generazioni future non solo di professionisti, ma soprattutto di cittadini, di uomini e donne che sapranno impegnarsi per il bene della nostra Società. La figura di don Ciotti possa essere per tutti noi esempio e monito per il nostro agire quotidiano anche all’interno dell’Accademia». Proprio in quest’ottica, il Rettore ha rimarcato tra l’altro «la nascita del Presidio universitario di “Libera” a Parma, dedicato a Ilaria Alpi e al quale hanno già aderito diversi Studenti del nostro Ateneo», avvenuta questa mattina al Campus durante l’incontro di don Ciotti con gli studenti.